CHI CERCA TROVA

17 gennaio 2017

Olio essenziale di Timo: un ottimo disinfettante per la casa e per il corpo.


Il timo è un arbusto di origine mediterranea, aromatico, con fiori bianchi o di colore rosa, e viene usato sin dall'antichità, ad esempio gli antichi romani si bagnavano con infuso di timo prima di andare in battaglia per acquisire coraggio e fiducia.

Oggi questa pianta oltre è molto apprezzata in cucina, è conosciuta anche per le proprietà antisettiche del suo olio essenziale.

Nella composizione chimica di questo olio incontriamo il "timolo" una molecola molto utilizzata dall'industria cosmetica e farmaceutica. Viene aggiunta alla preparazione di unguenti e sciroppi contro il raffreddore, dolore, infiammazione ecc.


L'olio essenziale di timo è stato studiato più volte in laboratorio e si è scoperto che è molto efficace contro ceppi batterici come E. colli, S. Enteritidis e S. Aureus ad esempio, e un altro studio ha rilevato che quest'olio ha un grande potenziale contro i lieviti ad esempio.

Quest'olio possiede anche delle potenzialità contro le cellule cancerogene poiché inibisce la  loro crescita, tutto ciò è in fase di ricerca.

Come possiamo allora sfruttare dalle sue potenzialità antimicrobica e antifungina nelle nostre case?

Quest'olio ha un'azione e un odore molto forti e quindi bastano poche gocce per fare dei preparati per la casa o per la cosmesi.

Per la casa:

Pulizia delle superfici:

Spruzzini: 

a) 500 ml di alcol rosa o bianco, 200 ml di acqua meglio se distillata e 10 gocce di OE di timo.
b) 500 ml di aceto bianco o aceto di mele, 200 ml di acqua meglio se distillata e 10 gocce di OE di timo.
c) Succo filtrato di 3 limoni, 500 ml di acqua meglio se distillata e 10 gocce di OE di timo.

In ogni caso potete aggiungere altri oli essenziali per lavorare in sinergia: OE di lavanda, agrumi, arancia, sandalo, tea tree, cipresso ecc

Per le superficie in marmo non usare né aceto né limone, potete invece preparare una soluzione con acqua e bicarbonato da usare al momento, e aggiungere 3 gocce di OE di timo per bicchiere di soluzione

Pulizia del Pavimento:

Aggiungere 3 o 4 gocce nell'acqua del secchio

Pulizia dei sanitari: usare gli spruzzini consigliati, volendo si può aggiungere un po' di detersivo per piatti biologico o ecologico per preparare un detersivo più sgrassante.

Legno:

Preparare una soluzione fatta con 1 parte di olio di oliva o altro olio vegetale e 2 parti di aceto e in più 2 gocce di OE di timo per 1/2 bicchiere di soluzione, cosi tarme e insetti rinarrano alla larga.

Cosmesi:

L'olio di timo può essere mischiato allo shampoo o al balsamo per fare un bel massaggio stimolante al cuoio capelluto, combatte fosfora e pidocchi senza rovinare i capelli. Contrasta forfora e prurito.

Rimedio Naturale:

  1. Vapori di acqua, bicarbonato e olio di timo liberano le vie respiratorie e aiutano a curare il raffreddore.
  2. 1 goccia al giorno in 1 cucchiaino di zucchero di canna è ottimo per decongestionare le vie respiratorie
  3. Applicare sulle infezioni alle unghie e micosi 
  4. fare lavande intime con acqua tiepida e alcune gocce di OE di timo per combattere la Candida
L'OE di timo deve essere puro al 100% e per uso alimentare. Potete acquistarlo in farmacia, parafarmacia e erboristeria.

Alcuni studi interessanti:

http://www.societasim.it/documenti/41_sim/riassunti_sim_41.pdf pag 11
OE di Timo e oncologia
http://www.scielo.br/pdf/cr/v44n11/0103-8478-cr-44-11-02022.pdf


I consigli sono informativi, per maggiori chiarimenti chiedete al vostro medico.
Segue

16 gennaio 2017

Pretrattamento universale per le macchie sui tessuti.


A volte vediamo delle macchie sui tessuti e ci viene in mente la domanda? Ma che cos'è? Oppure è una macchia di succo, sugo, caffè o qualche altra cosa che non sappiamo bene come trattarla o non vogliamo perdere tanto tempo a trattarla.

Bene in questi casi possono affidarci a degli ingredienti molto semplici: aceto bianco, bicarbonato, sale e limone.

Il modo più semplice per pretrattare i panno è quello di inzuppare la macchia con aceto, oppure applicare una crema morbida fatta con bicarbonato e acqua o succo di limone e sale fino, posa e via in lavatrice.

Oppure possiamo inserire il capo da trattare in lavatrice per farlo fare un ciclo a freddo con aceto, o bicarbonato o una miscela di succo di limone e sale (grosso in questo caso).

Un altro modo: mettere il capo in ammollo in acqua, succo di limone e sale grosso, o acqua e un bel po' di aceto o bicarbonato e poi lavare come di consueto.

L'ammollo o il prelavaggio vanno fatti con acqua a temperatura ambiente perché l'acqua calda può fissare certe macchie.

Per il lavaggio normale potete usare prodotti sbiancanti come percarbonato o acqua ossigenata, oppure aceto, sale o bicarbonato.
Segue

Lasciare l'animale domestico esposto al freddo: maltrattamento e ignoranza


Le temperature polari sono arrivate in Europa e il risultato è che molti animali sono morti di freddo, e la cosa incredibile è che molti di questi poveri animali non sono nei canili che come abbiamo visto tante di queste strutture sono state lasciate all'abbandono dalle Amministrazioni Pubbliche, e se non fosse per la caparbietà dei volontari sarebbero morti davvero tanti animali sotto il gelo.

Molti dei cani morti hanno padroni non molto intelligenti che credono che il cane può restare al gelo fuori casa perché tanto "hanno il mantello".

Ecco quel mantello non protegge il cane dal freddo, molti muoiono assiderati perché non riescono a sopportare le basse temperature, muoiono lentamente fino all'arresto cardiaco o altre implicazioni metaboliche.

Quindi queste idee antiche dell'animale che può restare fuori al freddo devono urgentemente morire, l'animale va tenuto al caldo a casa o un una struttura davvero calda e protetta dal freddo, e la casetta al giardino basta. Se siete del tipo "ah ma è solo un cane o gatto", allora prendete un bel pupazzetto perché quello non ha necessità particolari, nessuno è costretto a prendersi un cane, se non fa per voi non insistete! Per il bene vostro e soprattutto dell'animale.

Se vedete cani in sofferenza nei giardino altrui fatte almeno una denuncia anonima perché sentire pena non risolve il problema.
Segue

Tosse e congestione nasale: la tisana giusta per sbloccare le vie respiratorie.


La tisana all'echinacea è molto efficace per calmare la tosse, soprattutto quella secca, se unita ad un pezzetto di radice di zenzero l'effetto diventa ancora più balsamico per le vie respiratorie.

Sia l'echinacea che lo zenzero hanno la proprietà di aumentare le difese immunitarie e fare da barriera ai virus e batteri che, soprattutto in questo periodo, possono indebolire l'organismo e aprire il varco alle malattie, e caso mai il raffreddore sia già in corso allora questi due ingredienti aiuteranno l'organismo a combattere la malattie. Lo zenzero è un ingrediente balsamico sia per le vie respiratorie congestionate che per la gola.

Quindi fatte bollire l'acqua, aggiungete la bustina o le foglie/fiori freschi di echinacea, aggiungere un pezzettino di zenzero, chiudere il pentolino o la tazza e aspettare alcuni minuti.

Bere quando necessario e soprattutto prima di andare a letto.



-------------------------------------------------------------------------------





Tisana all'echinacea , YogiTea Ordina sul Giardino dei Libri
Segue

09 gennaio 2017

Ricette di bellezza con argilla per curare e ringiovanire la pelle


L'argilla viene usata a scopo cosmetico e medicinale da moltissimi anni e non è mai passata di moda, questo perché effettivamente le sue proprietà fisiche e chimiche la rendono unica e speciale. La sua capacitò di rimuovere anche sostanze nocive dalle superficie libera la pelle da quelle sostanze dannose che si depositano sulla cute.

L'argilla può sia assorbire le impurità che idratare a modo suo cioè curando la pelle maltrattata dal rinsecchimento  (al contrario di quello che si pensa l'argilla è in gradi di idratare perché dona alla pelle elementi minerali, però essendo una polvere assorbente può dare un'iniziale sensazione di secchezza, ma basterà applicare una crema idratante di buona qualità per completare il trattamento)

Inoltre l'argilla quando mentre si asciuga fa una specie di massaggio ai muscoli e alla pelle del viso, e questo movimento favorisce la tonicità della pelle ed è antietà. Molti non la lasciano asciugare sul viso perché temono che possa rendere la pelle arida. L'effetto secchezza dell'argilla dura poco e tra l'altro può essere alleviata con un pochino di crema idratante per il viso. Io la lascio sempre asciugare completamente e non ho mai avuto problemi. Ricordiamo che la polvere d argilla al contrario di altre polveri non è solo assorbente ma ha tante altre proprietà.

Un insieme di argilla, oli vegetali, succhi e altri ingredienti possono rendere la pelle ancora più bella e vivace.

Che argilla usare? Argilla verde ventilata o super ventilata, argilla nera, argilla rossa, argilla rosa, argilla bianca. Io di solito uso quella verde a marchio Argital.

Purificare la pelle: applicare l'argilla mischiata con acqua di rose e/o tè bianco freddo o tiepido fino ad ottenere una crema, spalmare, aspettare la completa asciugatura e lavare

Antietà (rughe e segni): Mischiare 1 cucchiaino di olio di sesamo oppure olio di cumino nero o olio di rosa mosqueta per 1 cucchiaio raso di argilla, aggiungere acqua o acqua di rose o tè verde freddo o tiepido, spalmare e aspettare l'asciugatura

Tonicità e colore: mischiare 1 cucchiaio scarso di l'argilla con 1 cucchiaino di olio di semi di vinacciolo, aggiungere acqua fino a formare una crema, spalmare e aspettare l'asciugatura. L'olio di vinacciolo è ideale ma non essendo facile da trovare potete sostituirlo con olio di germe di grano

Schiarire/antimacchie: mischiare 1 cucchiaio di argilla con 1 cucchiaio di olio di riso, aggiungere succo concentrato di cetriolo fino a formare una crema, spalmare e aspettare l'asciugatura

Levigare e rinnovare: preparare del succo di papaia concentrato, mischiare argilla e succo filtrato fino a formare una crema, spalmare e aspettare l'asciugatura. Risciacquare

Idratare: mischiare 1 cucchiaio scarso di argilla con 1 cucchiaino scarso di olio di avocado, spalmare e aspettare l'asciugatura

Punti Neri: preparare argilla e amido di mais o di patate in proporzione 2:1, aggiungere succo di ananas e mischiare, applicare sulla zona da trattare, ad esempio il naso e lasciare in posa per almeno 1 ora (meglio se di più). Questa ricetta è consigliata per zone del viso: naso, fronte, mento

 Magari dopo gli eccessi di fine anno, cibo, bevande, notti insonni, freddo e va dicendo la vostra pelle non è proprio massimo? Allora preparate la vostra argilla e dedicatevi del tempo!




----------------------------------------------------------------------------




Curarsi con l'argilla , Marie-France Muller Ordina sul Giardino dei Libri
Segue

04 gennaio 2017

Pulizia, igienizzazione e manutenzione del tappetto e moquette con animali a casa

Chi ha tappetti di grandi dimensioni o moquette a casa non può lavarli spesso e quindi bisogna provvedere alla loro manutenzione molto spesso, soprattutto quando si ha un animaletto a casa.
Ecco un elenco di ingredienti e un passo passo che può aiutare soprattutto i neopadroni a mantenere il tappetto pulito e fresco più a lungo.

Pulizia quotidiana


Cospargere il tappetto con bicarbonato
Aspettare alcuni minuti
Aspirare
Potete anche fare una pulizia a secco più a fondo strofinando il tappetto con una scopa morbida per fare con che il bicarbonato possa penetrare all'interno delle fibre più facilmente
Aspirare

Pulizia settimanale

Riempire un secchio con acqua e aceto (1/4 di bicchiere di un qualunque aceto per 1/2 secchio con acqua), immergere un mocio, strizzarlo molto bene e passare sul tappetto senza inzupparlo troppo.

Macchie

Inumidire e strofinare con sapone di marsiglia e cospargere con bicarbonato, aspettare alcuni minuti, risciacquare molto bene e per ultimo passare un panno bagnato con acqua e aceto

Cibo: rimuovere l'eccesso e quindi coprire la macchia con fecola o amido (maizena, riso ecc), oppure farina di mais o talco, mettere un panno spugna asciutto sopra e quindi un peso, lasciare in posa per almeno 1 ora, aspirare e lavare con sapone come descritto prima

Macchie di urina: tamponare con quantità uguali di aceto bianco e alcol (rosa o bianco) e coprire con sale, lasciare agire e risciacquare, se necessario lavare con sapone di marsiglia

Assorbe odori formulazione più potente

Mischiare argilla (una qualunque) con uguali quantità di bicarbonato+alcune gocce di OE fresco: limone, menta, lavanda, eucalipto, cipresso, muschio, agrumi ecc. Cospargere il tappetto con la polvere, lasciare in posa il maggior tempo possibile. Aspirare bene e quindi lavare con acqua e aceto come descritto sopra. Se l'odore è molto forte tamponare con aceto puro+alcune gocce di OE e lasciare asciugare

Disinfezione

L'aceto, bicarbonato, alcol e argilla mantengono le superficie igienizzate e libere di acari e allergeni. Però chi ha la moquette oltre ad avere un buon aspirapolvere dovrebbe acquistare anche una scopa a vapore per una disinfezione più decisa.
Per il profumo si può mettere qualche goccia in alcune zone della moquette e quindi passare il vapore, l'olio poi si vaporizzerà e profumerà sia il tappetto che la stanza



Segue

03 gennaio 2017

Trattamento all'argilla e zolfo contro la sudorazione maleodorante e consigli per prevenirla.


Innanzitutto ricordiamo che in quasi tutti i casi la sudorazione è un riflesso di quello che mangiamo, chi mangia troppa carne, salumi, grassi, cipolla, aglio, cibo speziato e zuccheri, e anche chi beve poca acqua oppure fuma o beve troppi alcolici tende ad avere una sudorazione più carica di odori.

Bisogna cercare di avere un'alimentazione più sana ricca di vegetali, frutta, tè, e alimenti non troppo carichi di condimento. Se riuscite ad avete un'alimentazione vegana o almeno vegetariana meglio ancora. Anche i problemi allo stomaco, fegato e intestino contribuiscono alla formazione di una sudorazione maleodorante.

Lavare la zona ascellare con sapone allo zolfo biologico, risciacquare e ripetere l'operazione. Se non avete il sapone allo zolfo potete usare del sapone di marsiglia o sapone di aleppo, l'importante è che sia sapone e non doccia schiuma o bagno schiuma.
Strofinare con una miscela cremosa di argilla verde e acqua + una goccia di OE di malaleuca per 1 cucchiaino di argilla
Lasciare in posa per alcuni minuti e risciacquare

Anche l'argilla bianca può essere usata a mo' di talco per tamponare eventuali odori. Oppure nelle Erboristerie e parafarmacie potete trovare deodoranti biologici privi di alluminio e altre sostanze non ecobio, potete usare questo tipo di deodorante oppure l'allume di rocca che potete trovare in erboristeria e in alcuni supermercati, potete usare questi prodotti e poi applicare l'argilla.

Anche il bicarbonato può essere usato come deodorante però può irritare la pelle di alcune persone.

Un altro consiglio importante è quello di depurarsi dalle tossine accumulate nell'organismo che contribuiscono alla sudorazione maleodorante, potete bere succhi a base di cetriolo, mela, pera, aloe vera, melograno, limone e arancia, mangiare insalata con cetriolo, finocchio e rucola e bere tisane al finocchio, tè bianco e tè verde.
Anche l'argilla verde ventilata ed essiccata al sole ad uso interno è ottima per depurare l'organismo, potete usarla in tanti modi:

1/4 di cucchiaino sulla lingua tre volte al giorno e sempre due ore prima dei pasti principali (pranzo e cena), ottimo non solo per depurare ma anche a contrastare i problemi allo stomaco, fegato e intestino.
1 cucchiaino di argilla verde ventilata in 1 litro d'acqua da essere bevuta in giornata
compresse di argilla verde

A me personalmente piace l'argilla marchio Argital, un'argilla siciliana di ottima qualità che potete trovare in erboristeria o nei supermercati NaturaSi , la stessa azienda produce anche le capsule, però potete usare anche altre marche di argilla ventilata.

C'è da sapere che dopo il trattamento disintossicante l'organismo tende a "pulire a fondo" l'organismo e soprattutto l'apparato digerente, buttando fuori tutte le tossine e quindi nei primi giorno magari sentirete un odore abbastanza intenso, però è temporaneo, vuol dire che c'erano troppo tossine in giro nell'organismo. Cercate di bere parecchia acqua.



E qui troverete altri consigli per combattere l'ipersudorazione

---------------------------------------------------------------------------------------------





Deodorante all'allume di potassio neutro , Greenatural Ordina sul Giardino dei Libri









Vegetargil , Argital Ordina sul Giardino dei Libri
Segue

31 dicembre 2016

2016, l'anno dell'ingiustizia per gli animali, non c'è nulla da festeggiare



L'anno del 2016 è stato un altro anno infernale per gli animali, però è stato anche un anno particolare però in senso negativo: Secondo molte Istituzioni dello Stato uccidere un cane non è un fatto grave ed è normale.

Iniziamo con la vergognosa sentenza emessa dal Giudice Sara Micucci del tribunale di Brescia.nel 2014 due pastori di Breno hanno ucciso il cane Moro di loro proprietà a bastonate e sassate, chissà se è stata la prima volta, però fatto sta che qualcuno ha immortalato il momento e questa è una delle foto.

Ebbene sta che per questo Giudice il fatto non sussiste, chissà magari quello che vediamo è frutto di un abuso collettivo di funghi allucinogeni e non in realtà non vediamo quello che pensiamo di vedere??

L'impiegato dell'ASL ha dichiarato di non aver fatto un esame completo sulla carcassa dell'animale ma per carità non c'erano fratture e poi gli angelo hanno altri animali tutti tenuti bene, ma non li disturbiamo no?

Quindi il messaggio è: se volete uccidere un cane fatte in modo che non ci siano fratture cosi ve la cavate alla grande anche se qualcuno fa una foto o un video.

Ma io mi chiedo come mai anche difronte ad una Legge che dispone contro il maltrattamento sugli animali un Giudice abbia la faccia tosta di emettere una sentenza del genere! Ma cosi fanno il loro lavoro? La butto li e chi se ne frega della legge? Non ho parole, direi che dovrebbero fare altro mestiere.

Ora i due pastori ridenti padre e figlio vendono i loro formaggi in Valcamonica e l'unico che ci ha rimesso è stato il povero cane

http://www.quibrescia.it/cms/2015/08/01/cane-ucciso-a-breno-domenica-protesta/ 
http://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/uccidere-cane-no-reato/ 
http://www.quibrescia.it/cms/2016/10/08/cane-ucciso-a-breno-padre-e-figlio-alla-sbarra/


Un altro caso sconvolgente è stato quello di Spike il cane bruciato vivo a Pozzuoli da un delinquente locale, anche in quel caso il cane è stato bruciato dai fantasmi. Il Testimone ha rimangiato la parola (chissà perché), e l'assassino non è stato condannato, e come non si fanno esami seri di impronte e DNA sui corpi degli animali perché non si può basare solo sulla parola di un testimone, allora tutti felici a casa e Buon Natale.



http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/napoli_pozzuoli_cane_arso_vivo_spike_assolto_presunto_colpevole-2088661.html

Ricordiamo il cane di un pastore di Irgolo, Nuoro legato ad una macchina da due pastori padre e figlio come quelli di Brescia, e trascinato via, nonostante l'intervento dei Carabinieri il Giudice Onorario Russo, del Tribunale di Nuoro ha liquidato il caso con 10 giorni di lavoro presso il Comune

http://www.lav.it/news/irgoli-contestiamo-decisione

E poi il caso di maltrattamento per eccellenza: il povero Angelo, il cane bruttalmente torturato e ucciso a Sangineto, Calabria. Quattro assassini ignoranti hanno impiccato e poi colpito il cane alla testa, tutto è stato registrato da loro stessi per vantarsi magari con altri ignoranti del Paese loro. Chi ha visto il Programma le Iene ha visto che in quel luogo ci sono molto persone che sono sotto al livello dei cavernicoli, c'è chi ha detto è solo un *** di cane, chi ha detto che era solo cosi per ridere, chi è andato a prendere la pala per aggredire la giornalista, chi voleva bucare le gomme della sua macchina, un orrore!! 

E poi un Sindaco che non ha preso subito una decisione contro i quattro dementi, è stata usata la parola bravata, sono spaventati ecc... Poi ovviamente dopo l'incazzatura dei cittadini normali ha iniziato a prendere la cosa meno sotto le gambe (ha dovuto).

Poi a tutti i pseudoumani che quest'anno hanno abbandonato, ucciso, maltrattato e torturato i propri animali oppure i randagi... io vorrei chiedere a queste persone: ma che ca**o avete in testa?? Manco la mer** perché quella è utile almeno per il concime, questa gentaccia ha il vuoto in testa, non servono a nulla, devono essere condannata, però con una giustizia inefficace purtroppo queste persone continueranno a fare questi gesti vergognosi in giro, anzi lo faranno ancora di più visto che i Giudici sono addirittura dalla loro parte.

Poi ricordiamo i tanti animali chiusi e torturati negli allevamenti intensivi. Per loro nessuna pena poiché non sono cani o gatti, gli animali uccisi perché il cacciatore deve pur divertirsi, ecchecavolo, se non uccide la fauna selvatica cosa farà nella vita poveretto!! Cacciatori essi che spesso abbandonano e uccidono i cani che non cacciano.

http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/trento/cronaca/2015/04/14/news/uccide-il-suo-cane-perche-non-sa-cacciare-1.11230012

http://www.nonsoloanimali.com/anziano-cacciatore-uccide-il-cane-a-colpi-di-bastone-non-era-bravo-a-cacciare/

Aspetto che il 2017 sia l'anno della svolta e che il benessere degli animali non sia un argomento risibile dagli ignoranti, ma che venga preso sul serio, perché nei paesi civili anche gli animali non umani (ricordiamo che l'essere umano non è un Dio ma solo una delle tante specie animali), insomma tutti hanno il diritto a vivere bene! Ridere quando si parla del benessere animale è un segno di ottusità e chiusura mentale.

Speriamo in Politici e Giudici più competenti

Auguro ai Pastori che hanno ucciso Moro, ai Pastori di Nuoro e anche quello di Amatrice che ha trascinato il proprio cane, al tizio di Pozzuoli e a tutti quelli che hanno portato un danno ad un animale che il 2017 sia un anno davvero terribile, che le loro attività possano fallire e che si trovino col il capello in mano a chiedere soldi in giro. Tutto torna indietro, che sia il bene o il male.

A tutte le persone normali come noi che spesso supportiamo gli animali e rimediamo all'incompetenza delle Amministrazioni Pubbliche auguro un 2017 meraviglioso e pieno di realizzazioni e felicità!

In rispetto a questi animali e anche perché no in rispetto ai bambini massacrati in giro per il mondo come ad esempio ad Aleppo non farò nulla di eclatante per salutare quest'anno orribile, non c'è nulla da celebrare anzi, c'è solo da piangere e arrabbiarsi.

Per non parlare degli altri tantissimi casi di incuria, cattiva amministrazione comunale per quanto riguarda il benessere degli animali, l'ignoranza di tante persone che abbandonano e/o aggrediscono gli animali. Andiamo avanti negli anni ma alcuni esseri umani rimangono cavernicoli e non c'è nulla da fare.


Segue

30 dicembre 2016

Riassunto: Tanti usi del sapone di marsiglia in cucina


Fine anno, allora perché non fare un riassunto di alcuni consigli che ci hanno aiutato a capire che certi ingredienti possono essere usati per scopi molto diversi da quelli indicati normalmente. Ad esempio di solito le persone usano il sapone di marsiglia per smacchiare o lavare i tessuti ed ebbene il sapone può essere usato anche in cucina per lavare anche le superficie.

Siccome in quasi tutta Italia l'acqua è dura, è difficile usare il sapone per lavare tutto quanto, in realtà in molti altri luoghi nel mondo il sapone è usato anche per lavare le stoviglie a mano e il classico detersivo per i piatti viene usato soltanto per sgrassare gli oggetti più sporchi e sarebbe un po' come lo sgrassatore che usiamo in Italia.

E dunque come possiamo usare il sapone in cucina nonostante l'acqua calcarea? Ecco alcuni esempi:

Pentole e oggetti in acciaio macchiati: provate a strofinare la pentola con sapone di marsiglia, risciacquare e quindi lavare con bicarbonato o bicarbonato e aceto insieme. Oppure con il detersivo fai da te fatto con acqua, aceto o limone e poco detersivo per stoviglie biologico, vedrete che la pentola diventerà uno specchio senza uso di sgrassatori o altri prodotti inquinanti.

Lavaggio del frigorifero: strofinare interno, esterno e guarnizioni con sapone, quindi risciacquare e per ultimo passare una spugna con aceto. Per togliere possibili incrostazioni strofinare con sapone e bicarbonato. Sapone e bicarbonato aiutano a sbiancare il frigo, oppure sapone e acqua ossigenata 40 volumi o candeggina delicata

Lavaggio dei piani in marmo o granito: strofinare con sapone o sapone e bicarbonato e risciacquare

Lavaggio delle piastrelle: strofinare con sapone e risciacquare, potete continuare a lucidare passando un panno inumidito con aceto

Pulizia delle fughe: strofinare con sapone e bicarbonato usando uno spazzolino, aspettare alcuni minuti e risciacquare con acqua e aceto

Pulizia del Legno: gli oggetti in legno possono essere puliti con una spugna insaponata con sapone, quindi risciacquare e finire con un panno inumidito con acqua e aceto o solo aceto

Pulizia della cucina/fornelli: come per le pentole

Pulizia del forno: strofinare con sapone, risciacquare, strofinare con aceto e bicarbonato, risciacquare e alla fine pulire con solo aceto

Plastica grassa: strofinare con abbondante sapone, lasciare in pausa per alcuni minuti, risciacquare, strofinare con bicarbonato o con bicarbonato e aceto, oppure con detersivo fai da te all'aceto o bicarbonato, risciacquare

Lavandino in marmo: strofinare con bicarbonato e sapone e quindi risciacquare

Se il lavandino in acciaio rimarrà un po' biancastro per colpa dell'acqua calcarea, basterà strofinare con bicarbonato, quindi con aceto o direttamente con detersivo fai da te.

Come vedete è possibile usare il sapone per lavare diverse superficie in cucina e contribuire per ridurre il nostro impatto ambientale quando dobbiamo pulire la casa. Il sapone di marsiglia (quello vero vegetale), è uno dei prodotti di pulizia più ecocompatibili che esistano.

Ricordiamo alcune ricette di detersivo fai da te che abbiamo indicato tempo fa

Certamente questo è solo un riassunto, usando la nostra funzione CERCA potete ottenere altri consigli più dettagliati.

Segue

Lucidare le piastrelle delle pareti del bagno con soluzione ecobio fai da te


Se volete lucidare a specchio le piastrelle delle pareti del bagno vi consiglio di preparare la seguente soluzione:

600 ml di acqua
200 ml di aceto bianco o aceto di mele
1 cucchiaino scarso di detersivo per piatti o detersivo per superfici biologico o ecologico (ecolabel ad esempio), è opzionale ma aiuta a lucidare più a fondo.
versare gli ingredienti in uno spruzzino e mischiare

Dovete quindi spruzzare le piastrelle con la soluzione, strofinare con uno straccio e asciugare bene con un altro straccio. Vedrete che finita l'operazione non ci saranno aloni o macchie d'acqua e le piastrelle saranno molto lucide.

La stessa soluzione può essere usata per lucidare lo specchio, WC, bidet e superfici in acciaio. Nel caso dello specchio e acciaio gli oggetti vanno asciugati, cosi come le pareti.

L'odore dell'aceto si dissiperà ma potete aggiungere qualche goccia di OE per rendere la miscela più profumata. In ogni modo potete usare l'aceto di alcol o l'aceto di mele poiché il loro odore è meno pungente.



Segue

29 dicembre 2016

Riassunto degli ingredienti più indicati per avere una pelle più giovane e combattere le rughe


Per avere una pelle più giovane a lungo, oppure conservarla giovane il più a lungo possibile, bisogna ovviamente mangiare bene ed evitare il Sole cuocente e soprattutto le lampade, ed abolire per sempre alcol e sigaretta.

Ci sono pertanto certi ingredienti naturali che possono rendere la nostra pelle più elastica a lungo, e anche combattere le rughe esistenti o evitare la loro comparsa, e siccome abbiamo già parlato di alcuni di questi possiamo preparare un elenco veloce.

a) Burro di Karitè
b) Olio di cumino nero*
c) Olio di sesamo*
d) Argilla verde
e) Argilla rosa
f) Olio di germe di grano*
g) Olio di rosa mosqueta
h) Olio di macadamia*
i) Olio di bardana
j) Succo di mele
h) Burro di cacao
i) Amido di riso
j) Oli dell'Amazzonia
l) Olio di Canapa*
m) Vit. C (mangiare alimenti ricchi di vit. C per stimolare la produzione del collagene)
n) Vit E (mangiare ad esempio il germe di grano e la lecitina di soia)
n) Omega 3 e 6: semi di lino, semi di chia.

Per avere altri consigli per una pelle più giovane basta usare la nostra funzione cerca. 
Gli oli indicati con * possono essere usati non solo per il massaggio ma anche come alimento vero e proprio, però devono essere destinati ad un uso alimentare e non cosmetico.
Segue

Raccolta di ingredienti consigliati per accelerare la crescita dei capelli


In quest'anno abbiamo citato alcune erbe efficaci per accelerare la crescita del capelli e anche per renderli più forti.  Oltre a fare un riassunto veloce, aggiungerò altri ingredienti che verranno discussi più in dettagli l'anno prossimo. 

Infusi o succo

a) Rosmarino
b) Scutellaria
c) Erba Mate
d) Aloe Vera (anche il gel)
e) Menta piperita (meglio berla)
d) Ortica
e) Bardana

f) Salvia
g) Equiseto dei campi
h) Hennè (incolore o rosso)
i) Succo di germogli di bambù
j) Jaborandi

Olio

a) Jojoba
b) Germe di grano
d) Olio di ricino
e) Olio di noce
f) Olio di amla
g) Olio di cumino nero

Erbe Indiane

Amla
Hennè
Fieno greco
Zenzero
Shikakai
Baheda
Brahmi
Maka

Gli infusi e oli possono essere applicati come tonico per il massaggio o come ingrediente per gli impacchi, oppure potete mischiare erbe e olio per creare il vostro oleolito.

Le erbe indiane possono essere usate mescolate con acqua tiepida oppure come ingredienti per gli impacchi.

Il hennè può essere usato non solo per colorare i capelli ma anche per fare un buon tonico capillare, basta prepararlo a mo' di infuso e filtrarlo, oppure preparare un impacco con olio e/o maschera per i capelli.

Usate la funzione cerca per trovare testi più approfonditi per quando riguarda la crescita dei capelli.

Segue

28 dicembre 2016

Trattamento al pantenolo per talloni morbidi e piedi perfettamente lisci



Se volete avere piedini morbidi e lisci, oppure se i vostri talloni sono spesso screpolati e nessuna crema ha risolto il problema, allora fidatevi del pantenolo.

Il pantenolo puro unito ad una qualunque crema (anche quella per le mani), o anche al burro di karitè o burro di cacao, idrata a fondo la pelle dei piedi e soprattutto del talloni.

Quindi come fare per avere piedi e soprattutto talloni più morbidi?

Prendete una crema idratante biologica della vostra preferenza che può essere per i piedi, o anche per corpo o mani, oppure una noce di burro di karitè, e aggiungete una punta di pantenolo, proprio una punta poiché è molto spesso e basta pochissimo per idratare a fondo la pelle.

Mischiare leggermente sul palmo della mano e passare sui piedi. la quantità di crema idratante o burro da usare dipenderà dal quanto sia screpolato/secco la pelle dei vostri piedi. Direi che se i piedi sono molto secchi e/o screpolati, allora prima di usare la miscela sarebbe meglio fare una pedicure per togliere la pelle morta, levigare la pelle e quindi usare la miscela di crema/burro con pantenolo.

Se i piedi hanno bisogno di un trattamento idratante più spinto, o semplicemente volete mantenere l'idratazione (inverno), allora sarebbe meglio scegliere una crema più spessa e non troppo liquida, oppure usare una buona dose di burro da mischiare appunto con il pantenolo, e quindi indossare i calzini, altrimenti se volete solo idratare i piedi velocemente e usare un sandalo (estate), optate per una crema più leggere e liquida o poco burro assieme al pantenolo.

Una marca di pantenolo molto valida è quella dell'azienda La Saponaria. Sono solo 20 ml ma posso garantire che dura tantissimo perché basta poco per idratare pelle e capelli.

---------------------------------------------------------------------------
Pantenolo , La Saponaria Ordina sul Giardino dei Libri
Pantenolo La Saponaria Ordina su Sorgente Natura
Segue

27 dicembre 2016

Tecnica dell'avvolgimento per calmare gli animali durante i botti di Capodanno

https://www.pinterest.com/pin/295126581816717763/


In molte città di Italia sono stati proibiti i botti di Capodanno per l'allegria dei nostri figli pelosi, però c'è sempre l'incivile di turno che fa esplodere vere e proprie bombe dai balconi di casa loro quindi nonostante le Ordinanze non si può mai stare in pace al 100%

Pertanto è stata creata una tecnica sviluppata da Linda Tellington Jones una specialista in comportamento, psicologia e spiritualità degli animali, che consiste in avvolgere l'animale con delle strisce di tessuto in modo da rilassare le zone che tendono a diventare più tese quando l'animale è in panico, praticamente l'animale si sente più al sicuro e rilassato. Certo che non risolve il problema ma aiuta molto, ma il povero animale va comunque tenuto al chiuso e protetto.

Anche se apparirà il solito rompiscatole che non fa gli affari propri, che vi dirà e insisterà che il cane deve abituarsi ecc, mandatelo a quel paese e pensate a proteggere il cane, perché per gli animali queste cavolate inventate dagli esseri umani non saranno mai naturali e vogliono dire solo PERICOLO!! I soggetti più deboli possono anche morire di infarto.

L'avvolgimento va fatto in questo modo:
 

https://www.pinterest.com/eschreuder0384/ttouch-dogs/




 
Segue

Macchie di muffa sotto le porte scorrevoli del box doccia.



Cospargere le macchie con bicarbonato di sodio
Lasciare in posa per alcuni minuti
Spruzzare con abbondante aceto bianco
Lasciare agire e quindi versare dell'acqua bollente
Strofinare con uno spazzolone o scopa

Se la macchie è molto indurita provate e coprila con bicarbonato e quindi spruzzarla con una soluzione di acqua saponata con poco detersivo per piatti biologico o ecologico (ecolabel ecc), oppure acqua saponata con sapone di marsiglia*.
Quindi aceto, acqua bollente e quindi strofinare.

Se nonostante la rimozione della muffa rimangono parti annerite tamponarle con acqua ossigenata 40 volumi o spruzzarle con candeggina delicata (l'acqua ossigenata essendo più concentrata è più sbiancante), strofinare con spazzolone o spugna cosparsa con bicarbonato, aspettare alcuni minuti e lavare. anche una miscela di limone e sale fino è sbiancante.

Se vicino al box doccia avete superfici in marmo o pietra delicata, allora non dovete usare aceto e/o limone, ma solo bicarbonato e shampoo neutro, potete poi strofinare con candeggina delicata però risciacquando quasi che immediatamente.


* Un modo pratico per ottenere acqua saponata con sapone di marsiglia è quello di insaponare una spugna con abbondante sapone, bagnarla, strizzarla e raccogliere l'acqua saponata.
Segue

Cancellare le macchie di solvente per smalto da unghie/acetone sul legno



L'acetone sul legno forma una macchia bianca e difficile da rimuovere dal legno, e questo perché lo prosciuga e per farlo tornare come prima bisogna idratarlo.

Avete bisogno di

Spugna magica (quella bianca)
Olio di lino cotto per mobili
aceto bianco o rosso
zucchero bianco
Spugna (anche quella da cucina va bene)
Flanella (opzionale)

Come prima cosa dovete strofinare la macchia con la spugna magica cercando di togliere il più possibile la macchia bianca.
Scaldare un pochino l'olio di lino, dovrà risultare tiepido
Mischiare 2 parti di olio per una parte di aceto e quindi versare lo zucchero per ottenere una crema molto morbida
Applicare sulla macchia e strofinare con una spugna morbida
Aspettare alcuni minuti e rimuovere la miscela con un panno pulito. Lucidare con flanella o panno morbido
Se necessario lucidare ulteriormente con una flanella appena imbevuta con un po' di olio di lino, lucidare per bene
Se l'acetone ha prosciugato a fondo il legno, sarà necessario scartavetrarlo con una una carta vetrata ad acqua da 1500-2000 cioè molto fine prima di fare il trattamento con olio e aceto.

Segue

22 dicembre 2016

Lucidare la cucina e altre superficie in acciaio inox usando il sapone di marsiglia



È possibile lucidare la cucina e altri elettrodomestici in acciaio usando soltanto il sapone di marsiglia. Certamente per avere un risultato ottimale bisogna osservare certi passaggi, sì perché a volte anche avendone il prodotto giusto, se non sappiamo come usarlo questo non sarà in grado di svolgere al meglio il suo lavoro.

Allora passo passo prendendo come esempio una cucina in acciaio:

1) strofinare la superficie con una spugna umida e insaponata con sapone di marsiglia, però se la cucina è grassa/molto sporca abbondante con il sapone, risciacquate con acqua o acqua e un po' di aceto e strofinatela nuovamente con poco sapone.
2) Risciacquare con una spugna o straccio da cucina inumidito con acqua o acqua e un po' di aceto.
3) Quando avete rimosso il sapone asciugare bene la superficie con un panno asciutto, è importante asciugare bene perché in questo momento che verrà fuori la lucentezza, altrimenti si creeranno macchie d'acqua.
4) Se rimane qualche pezzettino non molto lucido o con qualche macchietta d'acqua basterà lavare con un po' di acqua e aceto e asciugare.

Alcuni tipi di acciaio sono facili da lucidare, la mia cucina nonostante gli anni è abbastanza semplice da lavare e lucidare, però nella seconda casa ho un piano cottura che invece è un po' più difficile da lucidare però alla fine con questo metodo riesco a lucidare anche quello.



Il sapone da comprare è il sapone di marsiglia di preferenza il vero marsiglia con solo olio vegetale e senza grasso animale, purtroppo il sapone doc è un po' difficile da trovare visto che anche quelli vegani vengono fatto con olio di palma, comunque nelle erboristerie a volte vendono il vero sapone, altrimenti possono consigliare il sapone vegetale dell'azienda Verde Vero che è fatto con olio di oliva e olio di cocco e non di palma, è un ottimo sapone che lava molto bene e non contiene né grasso animale e né olio di palma.

Vi consiglio anche la spugna Samba soprattutto per togliere il sapone e risciacquare le superfici, è una spugna molto assorbente, risciacqua bene le superfici ed è completamente biodegradabile. Un ottimo prodotto. Nei supermercati e casalinghi.

Per quanto riguarda gli altri elettrodomestici la procedura è la stessa: lavare con un po' di sapone, risciacquare e asciugare bene, il passo passo è lo stesso.

Potete usare anche il sapone di Aleppo.

Con questo metodo potete lucidare la vostra cucina senza farne uso di prodotti inquinanti e spesso costosi e nocivi anche per la salute.

---------------------------------------------------------------------------------------------

Sapone Vegetale , Verde Vero Ordina sul Giardino dei Libri

Segue

21 dicembre 2016

Evitare l'odore di chiuso in casa durante le vacanze


Per evitare quell'odorino di casa chiusa che si forma quando passiamo qualche giorno fuori possiamo fare affidamento a due ingredienti molto semplici e facili da trovare: bicarbonato e/o argilla

Tanto il bicarbonato quanto l'argilla hanno la capacità di neutralizzare gli odori e di assorbire l'umidità.

Quindi prima di uscire mettete dei piattini pieni di argilla o bicarbonato, oppure una miscela, o anche due piattini (sotto tazzina) uno con bicarbonato e altro con argilla in ogni stanza. Un piattino per ogni stanza da 10-20 m2. Potete usare anche delle piccole ciotole.

Se la vostra casa è particolarmente umida consiglierei di posizionare una scatola di bicarbonato aperta nelle stanze più umide e se volete una ciotolina con argilla.

Meglio ancora se versate qualche goccia di olio essenziale sul bicarbonato.

Potete usare una qualunque argilla: verde, bianca, rossa, argilla per hobbistica ecc

Anche l'aceto è un potente scaccia odori e potete posizionare dei bicchieri con aceto nelle stanze, però come la casa rimarrà chiusa magari capiterà di sentire un odore di aceto un po' intenso quando tornerete a casa, però basterà aprire le finestre.
Segue

Eliminare i cattivi odori nell'asciugatrice e consigli per la pulizia.



Roma anche di inverno viene premiata con delle giornate davvero belle e più che altro autunnali per cui raramente uso l'asciugatrice, in realtà la uso solo in casi più urgenti come ad esempio se voglio asciugare il piumone o se ho proprio tantissimo bucato da stendere, però in passato mi è servita tantissimo.

Può capitare che i panni asciugati in asciugatrice escano non proprio profumati, ed spesso il problema riguarda la pulizia dell'elettrodomestico. L'acqua può ristagnate e impregnare sia i capi che le parti dell'asciugatrice con cattivo odore. Quindi vediamo come fare per pulire a fondo l'elettrodomestico.

1) Pulizia del filtro: eliminare i residui e lavare il filtro con una spugna cosparsa con bicarbonato, aspettare una decina di minuti e risciacquare. Questa pulizia va fatta spesso.

2) Pulizia della vaschetta del serbatoio: strofinare con abbondante bicarbonato di sodio, risciacquare, lasciare in ammollo con una soluzione di acqua e aceto in parti uguali per almeno 15 minuti, risciacquare e asciugare. Questa pulizia va fatta almeno ogni 5 cicli

Se la vaschetta ha un odore cattivissimo perché magari è rimasta acqua ristagnata per molto tempo allora versare dell'aceto con alcol (in parti uguali) nella vaschetta e lasciare in ammollo per 1/2 giornata. Potete usare l'alcol rosa.

Se l'odore persiste allora mettete 2 bicchieri di argilla (una qualunque) e 2 cucchiai di bicarbonato nella vaschetta, chiudetela in una busta di plastica e lasciatela in ammollo per 1 giornata, quindi togliere la polvere, lavare con acqua e bicarbonato e risciacquare

Altra ricetta antiodore: succo di limone, sale grosso e aceto.

3) Pulire il condensatore manualmente soprattutto se non c'è la funzione di autopulizia, di solito si usa per primo un aspirapolvere usando il tubicino con la spazzola, e poi si usa il phon e aria fredda. Questa pulizia va fatta ogni 10 cicli o meno.

3) Avviare un ciclo di pulizia: prendere uno straccio pulito e inzupparlo con acqua ossigenata 20 volumi (quella per colpi di sole), oppure con candeggina delicata e un altro straccio con aceto bianco. Avviare il ciclo. Da fare almeno 1 volta ogni due mesi

4) Alla fine pulire il cestello con una miscela di acqua e aceto in parti uguali usando un panno umido, non bisogna risciacquare. 1 volta al mese circa

Ricordate si inserire un fazzoletto di tessuto con alcune gocce di olio essenziale che a voi piace, ad esempio lavanda, tea tree, quercia, agrumi, ecc assieme al bucato da asciugare in asciugatrice. Non bisogna usare ammorbidente, anzi è meglio non usarlo per non creare futuri cattivi odori. Vedrete che il fazzoletto profumato regalerà al bucato un fresco odore di pulito.



Segue

19 dicembre 2016

Vapori balsamici per sbloccare la respirazione durante il raffreddore


Se siete raffreddati e magari anche un po' bloccati provate a fare questi vapori

pentola media con acqua bollente
1 cucchiaio di bicarbonato
1 fetta di limone
5 gocce di OE di timo bianco
alcune foglie di citronella o 5 gocce di OE di citronella

Mettere un asciugamano sulla testa e respirare i vapori per alcuni minuti

Segue

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML