AGGIORNAMENTO PAGINE: 30/03 SOS Adozione Urgente; 27/03 Adozione; 05/01 Stampabili; 26/12 Macchie; 23/12 BAUMIAO Anziani; 29/11 Solidarietà a 6 zampe;15/08 FAQ.

.


Trova quello che ti serve...

Caricamento in corso...

30 marzo 2015

Tonico rafforzante fai da te per i capelli: forza e crescita.


Questo tonico è indicato per rafforzare i capelli, accelerare la crescita,  contrastare la caduta dei capelli, per ripristinare la capigliatura diradata, debole e che si spezza facilmente.

Ingredienti:

100 gr di bacche di goji
1 melograno
200 ml di tè verde

Preparazione

Mettere le bacche di goji in un mortaio e pestare bene, quindi metterli in un pentolino con 200 ml di acqua. Una volta raggiunta l'ebollizione mettere 2 sacchettini di tè verde e lasciare in ammollo per 15 minuti.

Passare il melograno nello spremiagrumi manuale o elettrico e versare nel tè
Mischiare.

Dopo che avete lavato i capelli versare il tonico sul cuoio capelluto e capelli e strofinare delicatamente. Aspettare alcuni minuti e risciacquare.

Un altro modo per usare questo tonico è quello di metterlo in uno spruzzino e spruzzare il cuoio e i capelli, aspettare alcuni minuti e asciugare

Oppure potete versare sui capelli bagnati, coprire con asciugamano e lasciare in posa per 30 minuti e quindi lavare normalmente. I capelli però non devono essere eccessivamente sporchi.

Segue ►

27 marzo 2015

Accade a Catanzaro: Cane disabile e cieco buttato in una discarica abusiva


Io credo sempre che nulla potrà più stupirmi almeno per quanto riguarda l'atteggiamento crudele di certi soggetti verso gli animali...... però purtroppo ci sono certi casi che uno si domanda chi cavolo c'è in giro nel mondo!!

Questo pastore tedesco della foto è stato trovato dopo che qualcuno ha segnalato di averlo visto in una discarica abusiva (quindi è stato buttato come si butta la mondezza) a Catanzaro, Calabria.

Non solo è già grave aver abbandonato un cane in questo modo ma questo cane in particolare è disabile (ha la paralisi del treno posteriore cosa purtroppo un po' tipica della razza) e tra l'altro cieco, quindi il criminale sapeva già che il cane non sarebbe in grado di procurarsi cibo, acqua e aiuto.


Io ho avuto un pastore tedesco che ha avuto questo problema quando aveva 16 anni ma un carrello e tanto amore della sua famiglia (sono fortunata di essere nata in una famiglia civile e che m'ha insegnato a rispettare gli animali) e quindi ha vissuto una vita felice fino ai suoi 18 anni e se era per me sarebbe ancora con noi!! Detto ciò non so come una persona possa essere cosi ignorante da buttare un cane in queste condizioni e in un momento in cui ha più bisogno di aiuto cosi in una discarica... non lo so, ormai non ho parole e mi stupisco della quantità di persone di cacca che ci sono in mezzo a noi, purtroppo la selezione naturale non è in grado di evitare la loro nascita!!


Aspetto solo che nel momento della vecchiaia o della malattia questa gentaccia venga scaricata nel nulla come hanno fatto con il povero cane.

Oggi ci sarebbe bisogno che qualche anima pia prenda questo cane e lo faccia vivere in modo dignitoso i suo ultimi giorni, gradite donazioni anche piccole per le cure del povero animale, comunque se avete già visto questo cane e sapete chi sono i proprietari prendete un telefono e denunciate queste persone anche in modo anonimo perché questa gentaccia si sente potente perché nessuno li contesta e nessuno li denuncia. L'omertà condanna molti animali alla morte o ad una sorte crudele e dolorosa quindi svegliamoci!! Dobbiamo creare l'abitudine di denunciare questi soggetti perché non sono altro che delinquenti.

L'appello dei volontari:

Nonostante ormai siano anni che operiamo sul territorio ... non ci abitueremo mai a tutto questo.
Ogni volta è come un pugno nello stomaco.
Lui è LEX... un pastore tedesco anziano lasciato in una discarica abusiva sotto un ponte che cavalca una fiumara.
A seguito di una segnalazione , alle 21.00 ci rechiamo sul posto.
Nel buio e nel fango scorgiamo questa creatura.

Nell'immediato ci rendiamo conto che è affetto da PARALISI DEL TRENO POSTERIORE probabilmente in seguito ad un trauma. E a distanza di pochi minuti notiamo, con nostro rammarico, che è anche CIECO.

In collaborazione con il veterinari e il personale reperibile dell'Area A dell'Asp di Catanzaro, il cane è stato prelevato e portato prima in ambulatorio per un primo intervento e , di seguito, ingressato in canile.

Ovviamente il canile non è il luogo più adatto per una creatura in queste condizioni.

E' nostra intenzione portare Lex presso una clinica specializzata nel Reggino per far eseguire esami più approfonditi, come Tac e visita neurologica...per fare ciò però abbiamo bisogno di aiuto...aiuto economico purtroppo...Il costo per la TAC, la visita specializzata i vari esami e la degenza è molto alto...sopratutto la Clinica deve essere pagata nell'immediato e per noi che abbiamo uno scoperto debitorio di oltre 3.000 euro non è certo possibile...

LEX in ogni caso non può stare in canile...

Cerchiamo ADOZIONE DEL CUORE URGENTE oppure STRUTTURA O ASSOCIAZIONE DISPOSTA AD OCCUPARSI DI LUI!

Vi preghiamo con il cuore in mano di aiutarci a dare una seconda possibilità a questa anima ferita nel profondo

PER SOSTENERCI:

BONIFICO BANCARIO:
“ASSOCIAZ. ANIMA RANDAGIA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI IN
CALABRIA"
IBAN: IT14 H033 5901 6001 0000 0062 110
BIC (per l'estero): BCITITMX
BANCA PROSSIMA FILIALE 05000
CAUSALE: donazione

RICARICA POSTEPAY:
LA FORNIREMO IN PRIVATO.

PAYPAL: presidente@animarandagia.org


https://www.facebook.com/pages/ASSOCIAZIONE-ANIMA-RANDAGIA-CALABRIA/167575856659571?fref=ts

In entrambi i casi inviare sempre mail di conferma a presidente@animarandagia.org


Tra l'altro non è la prima volta che i volontari di Anima Randagia sono andati in mezzo alla spazzatura per ricuperare cani buttati da qualche idiota irresponsabile.
Segue ►

26 marzo 2015

Smacchiare, sbiancare e sgrassare canovacci e tovaglioli di tessuto con sapone e limone



Sembra una ricetta un po' contraddittoria  (sapone e limone) e anche un po' datata però si è dimostrata valida quindi la condivido...

Passo passo:

Prendete il canovaccio o tovagliolo di tessuto previamente bagnato e strofinare con abbondante sapone di marsiglia.

Lasciare in posa per almeno una 15 minuti (o anche un'intera giornata)

Chiudere il lavandino, aprire il (i) canovaccio (i) insaponato il più possibile (potete usare un secchio, ciotola, pentola o bacinella),  cospargere con sale fino o grosso e versare un po' dall'alto (da qualche centimetro di altezza) dell'acqua bollente con succo di limone (succo di 1 limone per 1 litro d'acqua).

Lasciare in ammollo per il tempo che volete (anche 24 ore) e  risciacquare bene. Immergere in acqua e bicarbonato o acqua e aceto per togliere possibili residui e stendere.

Potete preparare la soluzione di acqua e limone anche in questo modo: mettere acqua fredda in un pentolino, aggiungere il succo e le bucce di limone a pezzetti, portare all'ebollizione e usare.
Segue ►

25 marzo 2015

Evento a Sanremo: Il nostro Jazz per gli innocenti della Pasqua.





L'iniziativa "Il Nostro Jazz per..." presente:
IL NOSTRO JAZZ PER GLI INNOCENTI DELLA PASQUA

Una manifestazione in musica, racconti e video dedicata ai più indifesi della società. Il Jazz dice NO alla strage degli agnelli e capretti per Pasqua.
Fai la connessione tra le fotografie di creature bellissime e quello che c’è su piatto.

Un evento benefico e informativo per:
- Informare o ricordare ai Signori che esistono alternative che non derivano dalla crudeltà.
- Dimostrare quello che succede dietro le quinte a queste piccole, fragili e mansuete creature.
- E ricordare che Gesù amava tutti gli animali ed era contro qualsiasi forma di violenza e crudeltà.

L’evento promuove una diversa sensibilità delle istituzioni verso le abitudini della gente nei confronti degli animali. Aiutando le persone a prendere a considerazione uno stile di vita più rispettoso nei confronti delle creature, informandoli che esistono altre “scelte”, perché noi crediamo che ogni creatura ha il diritto di esistere libera dal dolore e dalla sofferenza.


Ore 17.30
Piccolo Teatro della Federazione Operaria Sanremese.
Via Corradi 47.
Sanremo.

Riccardo Zegna al pianoforte
Simone Monnanni al contrabasso
Filippo Tarditi alla chitarra
Martino Bianchieri alla tromba
Joanna Rimmer alla voce
 


Papa Francesco: “A Pasqua evitate di mangiare carne di agnello o capretto”.
Ogni Pasqua è una vera e propria strage degli innocenti. E’ passato un anno da quando la Lav dichiarò sul web che Papa Francesco I avesse lanciato il seguente appello agli italiani : «a Pasqua sostituiscano la carne d’agnello e capretto con menù alternativi».
Papa Francesco, il Papa del popolo si pronunci contrario a questa barba usanza.

Il suo predecessore Benedetto XVI , affermò nel 2007 (tal notizia è stata resa ufficiale ) durante un’ omelia della Settimana santa queste parole: “Gesù non mangiò agnello all’ultima cena… il sacrificio dell’agnello é un gesto nostalgico, privo di efficacia…(Benedetto XVI)” .

".........Estremismo è strappare gli Animali alle loro famiglie, imprigionarli, fecondarli, separarli, privarli di qualsiasi cosa rendesse la loro vita degna di essere vissuta, ed infine, incolonnarli verso la morte, facendogli sentire i lamenti dei loro fratelli morenti mentre terrorizzati aspettano il proprio turno. Estremista è lo spietato atteggiamento di negazione ad oltranza di tutto ciò.
ESTREMISTA è la mano che ogni giorno alimenta, finanzia e partecipa a tutto questo e nel buio della mente continua a dormire sonni tranquilli. Estremismo è parlare di pace con la bocca piena delle vittime della violenza..."
[Gaspare Messina]


Sono pienamente d'accordo e indipendentemente dal fatto che uno abbia scelto di seguire una dieta vegetariana, vegana o onnivora... sono comunque contraria a queste abbuffate esagerate che si fanno nel periodo delle feste religiose!! Secondo me è dispettoso soprattutto nei confronti degli animali che in nome del commercio e delle vendite vengono trasportati e macellati con una ferocia unica, inoltre è una mancanza di rispetto per chi non ha proprio da mangiare. Le feste religiose dovrebbero riportare i credenti all'umiltà, povertà e alla riflessione, anzi, secondo me si dovrebbe mangiare di anche meno a Pasqua, Natale e via dicendo... Come si dice: la gente pensa solo a magna' !!





Segue ►

24 marzo 2015

Una casa per Dodo, il cane anziano sfrattato


Una casa per Dodo

Lui e' Dodo abbandonato in strada due anni fa'..trova riparo in una villa disabitata x due anni fin quando i proprietari decidono di vendere e lo sfrattano ...adesso vive dietro il cancello della villa senza un riparo, sotto la pioggia ed al gelo , senza mai muoversi da quella che lui pensa sua casa sua..l'unico conforto che ha e' un pasto quotidiano che un anziana signora gli offre.

Gli abitanti della zona lo definiscono un " problema", ma Dodo e' solo un dolcissimo vecchietto che vuole solo un posto asciutto e caldo dove vivere ed un po di coccole...cercasi adozione o stallo urgente x toglierlo dalla strada e far vivere a questo nonnino la sua vecchiaia in pace!

 Questo è l'appello dei volontari che cercano di prendere cura di Dodo (e non solo di lui visto che purtroppo il numero di randagi in zona va oltre i limiti). Lui è in una località vicina a Catania-Sicilia e ha bisogno di una mano. Chi fosse interessato a questo nonno può rispondere all'appello messo qui

https://www.facebook.com/laltrazampa/posts/875305852541560

Oppure inviarmi una mail cliccando sul pulsante CONTATTO sulla pagina del blog in alto a sinistra che verrà inoltrata ai volontari.

Comunque se non siete in Sicilia bisogna pensare o concordare il trasporto del cane come biglietto aereo, padrino di volo e via dicendo però tutto ciò è da essere concordato con i volontari.

Dodo è molto carino, ha una storia triste e merita una vecchiaia al caldo e con una famiglia felice.

Mi raccomando: l'adozione deve essere definitiva quindi dovete contattare i volontari solo se siete davvero interessati perché il cane non va mandato indietro e nemmeno abbandonato un'altra volta e dico questo perché capita molto spesso questo tipo di situazione ridicola!! Nessuno è costretto ad adottare un cane ma una volta che lo fa deve tenerlo e curarlo fino ai suoi ultimi giorno.
Segue ►

Giustizia da cani: un evento per dare voce ai cani della Sicilia

 Evento facebook: clicca qui

E come già annunciato in conferenza stampa, eccoci qui a chiedervi di partecipare a questa manifestazione che si terrà giorno 28/03/15 a Catania in Piazza Giovanni Verga di fronte al palazzo di giustizia. Questo evento nasce dalla necessità di dar voce a chi non può parlare. 

Vogliamo essere portavoce di tutti quegli animali vittime di ingiustizie, di prigionie, di maltrattamenti, di abbandoni, di soprusi e di sofferenze. Troppe volte nella nostra Sicilia i reati nei confronti degli animali rimangono impuniti, troppe volte gli animali sequestrati rimangono in affidamento ai loro aguzzini. 

Troppe le sentenze emesse con frettolosa superficialità, troppe le richieste di archiviazione. Vogliamo la certezza della pena per chi commette reati contro gli animali. Tutti insieme per cambiare le sorti di tutti quegli animali che rimangono nel silenzio, che vivono tutti i giorni la disperazione di una vita ignobile e crudele, tutti insieme per gridare BASTA! 


Tutte le associazioni della Sicilia sono invitate a partecipare ed a manifestare la mancanza di giustizia nei confronti degli animali proprio di fronte il luogo dove la giustizia si amministra. Fino ad oggi nessun tribunale siciliano si è mai pronunciato sulle condizioni di maltrattamento che vivono i cani rinchiusi nei canili siciliani. 

Per i comuni siciliani risolvere il problema del randagismo significa stipulare appalti milionari con le strutture private invece di dotarsi di propri rifugi sanitari senza per altro quasi mai accertarsi delle reali condizioni di vita dei LORO cani Dobbiamo batterci affinché i canili lavorino a porte aperte, in trasparenza, affinchè le sterilizzazioni vengano fatte nei modi e nei tempi previsti dalla legge, affinchè le reimmissioni sul territorio vengano fatte con criterio. 

Vogliamo rifugi pubblici dove i volontari possano supportare gli operatori, rifugi dove tutti i cani ospiti siano visibili e adottabili. Dobbiamo lottare contro chi fino ad oggi ha sfruttato gli animali per arricchirsi, chi ha voluto detenere gli animali solo per accaparrarsi la diaria giornaliera. I partecipanti verranno vestiti di nero e con le foto che possano testimoniare la propria esperienza vissuta con animali vittime di soprusi e che mai hanno avuto giustizia.

Segue ►

23 marzo 2015

Pulire/disincrostare le rientranze e cornicette delle ante.


Pulire le ante dei mobili non è difficile e basta passare un panno umido insaponato con sapone di marsiglia e risciacquare con panno umido e in certi casi asciugare. Altre volte basta un panno umido e bagnato con un po' di aceto e quindi asciugare.

Il problema sono gli angoli, cornicette rientranze presenti in alcune ante e che accumulano sporcizia e che non vengono raggiunte dagli stracci. In questi casi avete bisogno di sapone di marsiglia e spazzolino da denti e uno straccio.



Passate lo spazzolino umido sul sapone di marsiglia e quindi strofinare gli angoli per disincrostarsi, togliete tutto con un straccio umido con solo acqua o acqua e aceto. Asciugare se necessario.
Segue ►

Patina/macchia sul pavimento: quando il problema è la pulizia degli stracci


Spesso mi scrivono chiedendomi come mai i vostri pavimenti sono sempre coperti di macchie, patine, impronte e via dicendo. Molte volte il semplice consiglio di cambiare il modo di pulire il pavimento cioè usando acqua e aceto (e altri ingredienti naturali) e ridurre al minimo l'uso di detersivi schiumosi di solito risolve la cosa.

Il problema è che alcune volte provate un po' tutto (soluzioni ecologiche e non) ma senza risultati. Io però ho notato che alcuni di voi avete l'abitudine di usare e riutilizzare gli stracci e soprattutto il mocio ma non li lavate dopo ogni uso e questo è un grosso problema.

Quando si pulisce il pavimento tutto il grasso e altre sporcizie rimangono attaccati agli stracci e soprattutto tra le fibre del mocio sviluppando anche batteri responsabili della puzza di uova marcia "freschino" che a volte si sente dentro casa.

Quindi dopo ogni uso dovete lavare gli stracci e mocio mettendoli in lavatrice e usare il vostro detersivo (classico ecologico o bio oppure fai da te), oppure con sapone di marsiglia (mettere alcuni pezzi assieme agli stracci, togliere e fare un ultimo risciacquo o anche con la pasta di marsiglia fai da te. Aggiungere anche un po' di percarbonato di sodio (sbiancante all'ossigeno attivo) per disinfettarli.

Potete anche lavarli a mano con sapone o detersivo e acqua ossigenata o candeggina delicata all'ossigeno (non varechina), lasciare in ammollo per un po' e quindi risciacquare, oppure mettere tutto quanto in ammollo in acqua bollente saponata con sapone di marsiglia o altro detersivo ecologico o bio (anche quello per i piatti va bene) e percarbonato. Ammollo per un minimo di 30 minuti e risciacquo a mano o in lavatrice.

Lasciare asciugare all'aria.

Se gli stracci puzzano lavateli e poi metteteli in ammollo in acqua bollente, sale grosso e abbondante aceto bianco o rosso (o bicarbonato) per 1 giornata e risciacquare. Se sono troppo grassi aggiungere del detersivo per piatti biologico o ecologico (ad esempio ecolabel).

Un appunto: alcune volte dicono che dopo aver usato l'aceto di sente una tremenda puzza di uova dopo aver lavato il pavimento e la colpa sarebbe dell'aceto. Non è vero e il motivo della puzza è che le particelle di sporco e i batteri rimangono intrappolati nella patina sul pavimento e l'aceto ha la proprietà di aprire questa patina e viene fuori questo odore. Con successivi lavaggi questa patina verrà rimossa e non si sentiranno più cattivi odori.
Segue ►

20 marzo 2015

Fare la spesa assieme al Bau bau : Si può al Conad Superstore a Bracciano



Al Conad Superstore a Bracciano ci sono dei carrelli speciali dove possono essere messi gli animali domestici da portare all'interno del supermercato. Una grandissima idea e aspetto che altri supermercati abbraccino l'idea.
Segue ►

Accade a Venasca, Cuneo: Seviziano e torturano un Germano Reale in una birreria del luogo.


Ci sono certe cose assurde che non sono accadute nel Medioevo ma nel 2015!!! Cose che da lasciarci impietriti non solo per l'ignoranza estrema di certi individui

Allora.... a Venasca, Provincia di Cuneo risulta che esista una nota birreria che sinceramente non so come si chiami ma dicono che sia molto frequentata e in questo luogo hanno fatto una festa di fine Carnevale e fin li tutto bene però un cosiddetto "gruppo folcloristico locale" ha pensato bene di festeggiare con un rito che non so nemmeno come definirlo dal quanto sia disgustoso.

Questi individui hanno preso un Germano Reale, gli hanno rotto le ali e poi con un imbuto fatto rigurgitare dell'alcol. Gli idioti trogloditi si divertivano tantissimo con questa cosa ma per fortuna qualcuno di normale e civile c'era e ha chiamato i carabinieri .


Comunque come si è dimostrato più di una volta certi soggetti sono maschi solo quando hanno davanti a loro una povera creatura indifesa e di solito quando sono in branco però quando la cosa si fa seria questo tipo di gente fa vedere la loro vera natura e cioè che sono solo dei cagasotto (scusatemi il termine ma fatemelo passare) visto che sono scapati via quando hanno capito che stavano arrivando i carabinieri. Ma se sono tanto uomini e tanto orgogliosi della loro cretinata allora perché non sono rimasti li???

Quando le Guardie Zoofile e le Forze dell'Ordine sono arrivati hanno visto solo il povero animale a girovagare in mezzo al locale...

Nessuno ha voluto raccontare cosa era accaduto e nemmeno informare i nomi dei criminali quindi alla fine non c'era altro da fare che portare di corsa l'animale dal veterinario. Sembrerebbe che questo gruppaccio nonostante siano composto da omuncoli cagasotto, sarebbe considerato pericoloso e intoccabile (una specie di banda o cosa del genere) e la cosa più grave è che sembrerebbe che ogni anno a  Venasca facciano questo tipo di rituale e hanno usato tanti altri animali. Allora mi chiedo: ma il locale aveva permesso questo scempio?? Se si sarebbe da chiuderlo o almeno punire i gestori con una multa bella salata, le persone che li ci vivono non hanno mai visto nulla?? Ma come può accadere una cosa del genere nel 2015???

Allora come abbiamo già detto altre volte: chi sevizia gli animali può ferire gravemente chiunque spesso bambini compresi quindi c'è da dire ai cittadini di Venasca e magari dintorni..... che state allevando delle persone pericolosissime in mezzo a voi e quindi se sapete qualcosa parlate, fatte una chiamata anonima, chiamate  ad esempio l'ANPANA per dire chi ha fatto questo scempio, che gruppo folcloristico era (vergognoso chiamarli cosi), dove vivono, che fanno, quante volte hanno fatto questo tipo di assurdità ecc.... perché loro sono colpevoli perché sono criminali però anche chi pecca di omertà contribuisce alla continuazione di questa ornai orrida catena di maltrattamento contro gli animali.

Purtroppo questo tipo di gente non affronta mai chi magari li può prendere per il collo e farli passare un brutto quarto d'ora, anzi vorrei che loro andassero a fare una me*** del genere in alcuni altri paesi del mondo poiché uscirebbero con la bocca al posto degli occhi!!!

Non ho proprio parole, ormai i maltrattamenti contro i poveri animali avvengono cosi in faccia a tutti tanto poi se la cavano visto che nessuno dice niente e si fa finta di nulla!! Vergogna!!
Segue ►

19 marzo 2015

Fermeresti l'abbandono di un cane? Omertà o Cittadinanza Attiva?



TU COSA FARESTI???
Segue ►

18 marzo 2015

Usi del tè per le pulizie di casa


a) Sgrassatore per la cucina: se una stoviglia è particolarmente grassa o incrostata preparate un tè forte con acqua e aceto bianco o rosso (metà e metà). Versare nella stoviglia e lasciare in ammollo. L'acido tannico presente nel tè è un sgrassatore naturale e insieme all'aceto la sua azione è ottimale. Per il grasso molto ostinato aggiungere anche un po' di detersivo per piatti ecologico o biologico. In questo caso il tè nero è ideale

b) Lucida parquet: 1 tazza di tè assieme a acqua e poco sapone di marsiglia sciolto in acqua oppure con 1 cucchiaio di aceto di mele è ideale per profumare, lucidare e sgrassare il parquet.

c) Ammorbidente per il bucato: preparare una miscela di aceto di mele, tè bianco e alcune gocce di olio essenziale della vostra preferenza. Vedrette che il bucato saprà di pulito, fresco e profumato. Potete aggiungerci un po' di glicerina

d) Profumo per gli armadi: comprare un qualunque tè abbastanza profumato e appendere i sacchetti nell'armadio

e) Il tè alla cannella è efficace per combattere gli insetti. Potete fare un detersivo per i mobili miscelando due parti di tè per 1 di aceto di mele

f)Il tè alla menta o il tè bianco assieme a acqua bollente e percarbonato o acqua ossigenata o ancora candeggina delicata riescono a cancellare diverse macchie dei tessuti bianchi.

g) Per ravvivare il colore dei panno scuri metteteli in ammollo in acqua fredda, tè nero (1 tazza per 1/4 di secchio d'acqua) e sale grosso. Mezza giornata e risciacquo.

h) Pulizia del pavimento: 1 tazza di tè, 3 cucchiai di aceto bianco o rosso e 1/4 di secchio di acqua tiepida/calda. Potete aggiungere una goccia di detersivo per piatti a mano e/o alcol e olio essenziale
Segue ►

16 marzo 2015

Profumarsi naturalmente: recensione di profumi naturali e biologici.






Ci sono diverse alternative ai classici profumi e molte di queste più naturali e per tutte le tasche. Il vantaggio della profumazione biologica o ecocompatibile è che contiene estratti naturali, una minor quantità di ingredienti inquinanti e tranne particolari casi di intolleranza sono più compatibile con la pelle. Inoltre è ideale per chi non tollera le fragranze dei profumi tradizionali.

Questi tre profumi mi sono piaciuti moltissimo:

Dalla sinistra verso destra:

a) Profumo al profumo di melone marchio Equivalenza: l'elenco di ingredienti usati per produrre questo prodotto è molto valido e non ci sono componenti inquinanti o lesivi per la pelle (tranne particolari casi di sensibilità), inoltre l'azienda utilizza essenze vegetali, alcol vegetale e non testa i prodotti sugli animali. Loro producono una vasta gamma di profumi tradizionali e acque profumate e io che adoro le acque fresche e profumate ho scelto questa profumazione perché è durevole, intensa ma allo stesso tempo molto delicata. Secondo me sa di estate e quando la uso di solito dopo aver fatto la doccia riesce a profumare anche la stanza. Costo: 8 euro per 250 ml nei negozi Equivalenza

b) Acqua profumata per il corpo Viola marchio I Provenzali: Oltre alle profumatissime saponette e doccia schiuma ora ci sono anche i profumini e ovviamente non ho potuto resistere. Usavo già il bagno doccia Viola e quindi ho preso anche il profumo. Mi piace tantissimi perché ha un odore molto gradevole, leggermente dolce e floreale però allo stesso tempo molto fresco e nonostante sia un'acqua e non un profumo comunque si fa sentire per tutta la giornata e non ha niente da invidiare ai normali profumi. Gli ingredienti sono tutti naturali ed ecocompatibili. Prezzo: 4,50 euro per 125 ml nelle profumeria, supermercati forniti e acqua e sapone

c) Profumo Regine dei Prati marchio L'Erbolario: un profumo che concentra le note dolci delle rose e della regina dei prati e quelle fresche del legno di cedro. Gradevole e frizzante e tra l'altro molto durevole. Questo sa di primavera piena più che d'estate perché è una essenza che tende più verso il mondo dei fiori ed è leggermente dolce. Prezzo: 20 euro per 50 ml in parafarmacia, erboristerie e negozi l'Erbolario.



Segue ►

15 marzo 2015

San Leonardo, Friuli: Giustizia per Maia


È accaduto nel Friuli.... una dolce cagnolina di nome Maia che aveva il tipico carattere mansueto della razza Labrador è stata l'ennesima vittima della malvagità di soggetti che purtroppo fanno parte della "società incivile".

Il carattere dolce di Maia non l'ha salvata da uno o più criminali che hanno deciso di farle del male: Maia è stata rubata dal giardino di casa sua e quindi portata in un luogo abbandonato e morta in modo terribile.....

I Carabinieri di zona l'hanno trovata ormai morta per la disperazione dei suoi padroni.

Comunque torniamo un po' indietro per fare alcune considerazioni: abbiamo già parlato di alcuni studi che relazionano i crimini/violenza contro gli animali e quelli contro gli esseri umani e in questo caso specifico c'è da dire che questo collegamento è giustissimo.

La cagnolina è stata uccisa il 27 di gennaio di quest'anno e in solo 48 ore il malvivente è stato individuato poiché ha compiuto ben 7 atti criminosi tra Masseris, Clastra e Merso di Sotto di San Leonardo sempre nel Friuli.

Il criminale 30enne ha appiccato il fuoco a delle balle di fieno e di paglia in un ovile provocando danni alla struttura,  poi in un'altra località aveva puntato il fucile contro una vettura di una persona di zona e ha sparato (per fortuna non c'era nessuno dentro), poi in un'altra località ha cercato di dare fuoco ad una macchina.

Non soddisfatto si è spostato e ha sparato ad un uomo che si trovava nel giardino di casa che per fortuna è stato solo sfiorato. L'individuo proseguendo nel suo intento e ha preso di mira alcune macchine dei residenti di zona e nel frattempo ha scaricato la sua follia contro la povera Maia.

Il giorno dopo ha innescato un rogo nella legnaia di un edificio.

L'uomo aveva un regolare porte d'armi a uso caccia.

La cosa più sconvolgente è che i bersagli della sua follia erano persone considerate "amiche" e tra l'altro lui in passato aveva fatto lavori di giardinaggio nel cortile della famiglia di Maia

L'uomo è stato portato in carcere (non so se è ancora li) magari sarà in un ospedale psichiatrico ma sinceramente non lo so.


Diciamo che questo è un caso estremo di un folle che chissà da quando tempo aveva (se aveva) pianificato questi gesti cosi estremi, comunque chi è morto in questa storia è la povera Maia tra l'altro in modo estremamente crudele lasciando un vuoto al cuore alla sua famiglia.


Purtroppo sappiamo che oggi le Leggi sono blande, gli anni in galera sono pochissimi e le multe stabilite sono a volte ridicole, tra l'altro spesso questo tipo di reato viene visto che cosa di poca importanza. Nel caso in questione l'uomo è (o era non lo so) in carcere però non so se risulta anche il reato di maltrattamento contro gli animali tra tutti i capi d'imputazione.

Nel caso di Maia esiste una petizione on line per chiedere giustizia per questo povero animale di 3 anni, io ho già firmato.


CLICCA QUI PER FIRMARE
Segue ►

14 marzo 2015

A Roma: La Festa di Primavera al Rifugio Vitina ex Poverello




Un Evento Imperdibile:  La Festa di Primavera al Rifugio Vitinia ex Poverello:
 
Festeggia l'equinozio di Primavera al rifugio comunale Vitinia ex Poverello: sabato 21 marzo 2015, dalle ore 10 alle ore 15 ecologia, meteorologia, animali, ambiente e musica. Cosa volere di più?

Ecco il programma:


h. 10:00 - 15:00 adozioni
h. 10:00 - 11:30 visite guidate alla Riserva Naturale del Litorale Romano con naturalisti esperti
h. 11:30 - 12:00 incontro con il meteorologo
Marco Formenton che ci racconterà come si formano le nuvole, i tuoni, i lampi
h. 12:00 - 13:00 concerto live dei Garbasamba tra bossanova, samba e latin jazz
h. 13:00 - 15:00 pic nic


Via del Mare km 13,800 Roma

La pagina Facebook dell'evento: https://www.facebook.com/events/1551049791837341/

Partecipate numerosi!!!
Segue ►

Dalla brutalità perversa agli Atti Eroici: 2 casi molto diversi accaduti a Pozzuoli.


Il mese scorso è accaduta una cosa in una località diventata conosciuta ahimè per una cosa negativa: la barbara uccisione del cane Spike. Chi sono si ricorda o non conosce la storia di Spike ve la racconto nuovamente in poche parole:

Spike era un cagnolino molto docile ed era il cane di una signora anziana del paese, un giorno questo povero animale attratto dalla cagnolina in calore è entrato nel giardino si un mostro (io mi rifiuto di chiamarlo persona o essere umano) e questo demente ha prima bastonato il cane e poi gli versato la benzina sul cane per dargli fuoco, il povero animale ha iniziato a correre per cercare di scappare ed è stato investito da un auto e il conducente (un altro fenomeno) non si è fermato per prestare soccorso.

Il povero Spike è morto cosi esasperato dal dolore delle ferite e delle bruciature. Il mostro fetente oggi è a piede libero perché purtroppo la legge non prevede il carcere preventivo per chi comete reati contro gli animali, però è stato aperto un procedimento nei suoi confronti e c'è da aspettare che finisca bene. All'epoca hanno fatto manifestazioni e cose varie ma poi il caso è un po' caduto nel dimenticatoio.


Comunque sempre a Pozzuoli è accaduta una storia molto diversa, i protagonisti sono sempre un cane e un giovane che ha la stessa età del mostro cioè 24 anni. Questo ragazzo era con amici nell'Oasi Naturalistica "Montenuovo" e il suo cane è rimasto ingarbugliato tra gli arbusti vicino ad un burrone, lui è scivolato e assieme al suo cane sono precipitati per 15 metri. Per fortuna il personale del 112 e 118 sono riusciti a salvarli e ora padroncino e cane sono vivi.

Un bravissimo ragazzo che per ora non so come si chiama e nemmeno se si è ripreso del tutto, aspetto proprio di si perché se lo merita!!!

Questo per dire che persone della stessa età, cresciute in uno stesso ambiente comunque possono avere reazioni diverse, in questo caso l'odio e l'amore per un animale.

Molte persone sia in Italia che all'estero mi hanno scritto per avere notizie sul caso di Spike, bene come ho detto per ora il criminale è libero però a settembre (un po' lontana come data visto che sono già passati 8 mesi) ci sarà la prima udienza.

La padrona di Spike è molto contenta ma non vuole manifestazioni/mobilitazioni nel paese perché tanto ormai non servono ma lei vuole semplicemente l'appoggio delle persone e magari la presenza dei cittadini il giorno del processo.

Perché il caso di Spike è importante? Perché purtroppo ogni giorno ci sono tanti Spike che subiscono maltrattamenti, abbandono, torture e molti muoiono perché diciamola tutta: viviamo in un modo infestato di ignoranti che credono di poter sfogare la loro pochezza esistenziale sugli animali e peggio ancora ci sono persone che prendono gli animali e non li curano e poi o li abbandonano o li uccidono. Sono ignoranti che devono finire in galera e pagare una multa bella salata per imparare a vivere da persona e non da idioti.

Quindi il caso di Spike serve per fare vedere che le persone per bene non tollerano più i codardi che credono di poter sfogare la loro perversione sugli animali e continuare comunque a vivere senza problemi.

Ricordo anche che molti studi rivelano che persone che maltrattano gli animali spesso commettono reati contro esseri umani e bambini e il mostro che ha ucciso Spike ha fatto tutto quanto davanti ai suoi figli che sono ben quattro.

Segue ►

13 marzo 2015

Corso per imparare a progettare un giardino low cost, a Rovato-Brescia



Impariamo a progettare un giardino low cost”

Domenica 19 Aprile è in programma un corso a Castello Quistini per imparare a progettare il proprio giardino a basso consumo, con piante rustiche, insolite o dimenticate, e utilizzando materiali inusuali e oggetti riciclati.

Domenica 19 Aprile, dalle 14.30 alle 18.00, a Rovato in provincia di Brescia, nella splendida cornice di Castello Quistini e dei suoi giardini, si terrà uno speciale corso con Simone Montani di Matiteverdi (www.matiteverdi.it), per un'appassionante introduzione al mondo della progettazione del verde per apprendere la teoria e la tecnica per realizzare uno spazio verde in maniera originale e creativa, imparando a conoscere piante insolite o dimenticate, rustiche e a bassa manutenzione, e abbinando al giardino materiali “riciclati” e oggetti rivisitati nella loro funzione, in un connubio personalizzato, unico, contemporaneo e allo stesso tempo low cost, per una perfetta filosofia “green”.

Chi ha la fortuna di avere un giardino si sarà senz’altro accorto che per renderlo bello serve tanta passione, impegno e molte idee. Durante il breve ma intenso corso verranno illustrati nuovi e originali esempi di realizzazioni verdi con riferimenti botanici a specie insolite, quali “Chitalpa tashkentensis”, albero dalle dimensioni contenute le cui foglie lanceolate, raggruppate in mazzetti, conferiscono un aspetto decisamente esotico alla pianta, oppure “Pseudocydonia sinensis”, il falso melo cotogno cinese, molto rustico, dalla particolare corteccia colorata e dai profumatissimi frutti giallo-limone. 

Altri esempi di piante poco conosciute per il giardino che verranno presentate sono “Deschampsia cespitosa” e “Pennisetum macrourum”, erbacee perenni appartenenti alla famiglia delle graminacee, molto rustiche quanto poco utilizzate nel giardinaggio in Italia, il genere “Penstemon”, con la sua infinità di ibridi dalle coloratissime e lunghissime fioriture estive, e particolari varietà di bambù resistenti al freddo.

Il corso organizzato da Dimora Creativa di Andrea Mazza (www.dimoracreativa.it) è in programma Domenica 19 Aprile dalle 14.30 alle 18,00 e la quota di iscrizione è di 30,00 € e il numero di partecipanti è limitato. Per informazioni e iscrizioni al corso: www.matiteverdi.it/eventi.php oppure www.castelloquistini.com/corsi

Castello Quistini si trova in Via Sopramura 3/a a Rovato, in provincia di Brescia.

Chi è Simone Montani?
Simone Montani è un dottore agronomo libero professionista che si occupa di progettazione del paesaggio e spazi verdi, sia pubblici sia privati, dal grande parco estensivo, al piccolo giardino urbano, dall’aiuola stradale alla micro-terrazza cittadina, con il ruolo di responsabile di progetto e direttore dei lavori nelle fasi realizzative.

Cos’è Matiteverdi?
www.matiteverdi.it è un blog e studio di progettazione del verde che svolge anche attività di consulenza tecnico-agronomica, fitopatologica e botanica, di supporto in progetti esterni per svariate figure professionali, quali architetti, ingegneri, geometri e designers, per enti pubblici, aziende florovivaistiche e di giardinaggio, e per privati.


Andrea Mazza | Dimora Creativa
Comunicazione & Eventi

www.dimoracreativa.it
info@dimoracreativa.it
info@andreamazza.com
+39 3391351913
Skype: andreamazza83
Segue ►

12 marzo 2015

Costruire una casa per gatti con scatole di cartone




Questa casa molto chic è stata realizzata con scatole, cola a caldo, matita, righello e forbice.

Praticamente sono stati costruiti 2 piano con un'apertura tra un piano e l'altro.

Per mantenere la casa più stabile (non capovolgersi con il povero micio li dentro) si può incollare dei sassi piatti e pesanti negli angoli del piano inferire o qualcos'altro di pesante.

Vi lascio 2 passo passo, se guardando il primo qualcosa non vi è chiaro guardate anche il secondo, anche se sono il lingua straniera ci sono diverse foto e quindi è facile da capire.

http://www.marthastewart.com/921522/how-make-cardboard-cat-playhouse#187969

http://www.consul.com.br/blog-faca-um-playground-para-gatos-com-caixas-de-papelao/


Segue ►

11 marzo 2015

Attenzione ai vostri animali: pericolo processionaria



Processionaria: è un insetto cioè un lepidottero (popolarmente una "farfallina") che da adulto è non è praticamente pericoloso però la sua fase larvale è micidiale per tutti gli animali (anche l'animale uomo) e soprattutto per i bambini che ingenuamente possono toccare questo parassita.


Le larve nascono a settembre e iniziano la cosiddetta "fase aerea" durante la quale soffrono diverse mute fino alla produzione del nido sui pini, cedri, querce ecc dove convivono tanti individui  raggruppati e li rimangono durante l'inverno. I nido vengono chiamati batuffoli di cotone perché sono bianchi e si trovano di solito sui rami più in alto.



Le larve passano alla "fase terrestre" tra febbraio e maggio cioè il periodo della migrazione collettiva in cui i bruchi abbandonano gli alberi e raggiungono il terreno in processione (per questo si chiamano processionaria), quindi scavano il terreno, si interrano e producono il bozzolo. Lo stato di crisalide dura da 1 a 12 mese. La metamorfosi avviene a luglio e la falena esce dal bozzolo.




 La processionaria è molto pericolosa soprattutto per cani perché scavando il terreno o annusando la processionaria questi possono entrare a contatto con i pelli urticanti oppure  respirarli o mangiali.

I sintomi sono questi:

Improvvisa e intensa salivazione
Violento processo infiammatorio
Ingrossamento delle zone colpite: lingua, bocca, occhi ecc se i pelli hanno toccato quella regione
Difficoltà respiratoria e/o soffocamento se i pelli hanno raggiunto la gola e/o le vie respiratorie
Perdita di vivacità
Febbre
Rifiuto del cibi
Perdita di porzioni della lingua
Vomito
Diarrea


La cura:

Primo Soccorso: Indossare i guanti e cercare di allontanare la sostanza irritante dal cavo orale e lavare la bocca dell'animale con una soluzione fatta con acqua e bicarbonato usando una siringa senza ago se necessario (il cane sentendo dolore a volte non si fa toccare e la siringa può essere utile).

Portare urgentemente il cane dal veterinario, niente cure a casa, fai da te, infusi, impacchi e cose varie!!! Il cane deve essere portato dal veterinario per evitare ulteriori serie complicazioni.



Purtroppo in questo periodo questo bruco si trova un po' ovunque quindi prima di slegare il cane nei parchi, montagna ecc (soprattutto nelle zone dove ci sono alberi di pino, quercia ecc)  bisogna guardare un po' in giro in terreno e starci attenti, io personalmente opterei di non sciogliere il cane.

Se vederete le larve in giro o i loro nido nei rami degli alberi dovete informare l'ASL locale per fare la disinfestazione della zona. Non provate con il fai da te perché provoca solo danni poiché si rischia di usare pesticidi che danneggeranno altre specie (avvelenando anche gli animali domestici) ma non la processionaria, inoltre molti le bruciano senza sapere che cosi facendo i pelli urticanti volano andando a finire addosso al malcapitato.

Inoltre è da evitare di stare vicino alle zone infestate (terreno e/o alberi) perché i bruchi perdono pelli che volando possono raggiungere gli occhi, bocca, vie respiratorie e pelle.

Per trattare gli indumenti dove sono andati a finire i pelli urticanti dovete indossare i guanti, prendere i vestiti e lavarli in lavatrice o immergerli in acqua bollente a temperatura uguale o superiore a 60 gradi.
 
Due nemici naturali della processionaria sono le cinciallegre (danneggiano il nido invernale) e le upupe (danneggiano le crisalide) 




che potrebbero essere molto utili per quanto riguarda il controllo biologico, peccato che i cacciatori siano nemici naturali di queste due specie di uccelli e preferiscono usarli come richiamo vivo invece di lasciarli in pace in natura. Tanto si sa che equilibrio ecologico e caccia non sono proprio sinonimi!! 

Una zona dove so che ci sono stati avvistamenti i processionarie è quella tra Arco e Dro in Trentino quindi state attenti se girate da quelle parti. 
Segue ►

09 marzo 2015

Bisogno di ferro: elenco di alimenti vegetali fonti di ferro


Il ferro è un metallo essenziale per il funzionamento dell'organismo, e anche se sono ancora in tanti a credere che solo gli alimenti di origine animale siano valide fonti di ferro non è proprio cosi: ci sono alcuni vegetali ricchi in ferro e tra l'altro di facile assorbimento.

Ecco l'elenco:

  • Semi di zucca al naturale (non tostati)
  • Pistacchi
  • Legumi
  • Cioccolato fondente
  • Amaranto
  • Avena
  • Semi di chia (l'assorbimento del Ferro presente in questi semi è molto semplice e veloce).
  • Barbabietola
  • Peperone
  • Prezzemolo
  • Piselli Cotti
Da ricordare: la vitamina C stimola l'assorbimento del ferro quindi via agli agrumi, ananas e altri alimenti ricchi in vitamina C.

Segue ►