Cerca nel blog

Caricamento in corso...

29 giugno 2016

Antipasto vegano con gambi di asparagi: un modo veloce per riciclare gli alimenti.

Oggi Veganino ci proporrà una ricetta non solo vegetariana ma anche  abbastanza in linea con l'idea del riciclo e del risparmio.

Allora sapiamo che molti piatti a base di asparagi richiedono le famose punte e una piccola porzione in più, e il gambo spesso viene buttato, e invece i gambi sono commestibili e anche ricchi di nutrienti importanti come le fibre, potassio ecc.

La proposta di oggi è questa: un piccolo antipasto fatto in pentola a pressione.

E ora il nostro Chef ci spiegherò come prepararlo, comunque è molto semplice:

Ingredienti:

1 mazzetto di gambi di asparagi
sale rosa
pepe nero meglio se grattugiato al momento
olio EV di oliva
erba cipollina fresca
acqua
vino bianco
aglio



Preparazione
  • In pentola mettere 1 aglio intero e 2 o 3 cucchiai di olio, soffriggere, aggiungere i gambi tagliati come nella foto e ripassare nell'olio e aglio
  • Aggiungere 1/2 bicchiere di vino, fare evaporare l'alcol, aggiungere 1/2 bicchiere di acqua e chiudere la pentola a pressione. Cuocere per 5 minuti dopo che abbia iniziato ad andare in pressione.
  • Aprire la pentola, adagiare gli asparagi su un piatto, aggiungere una grattugiata  di pepe nero (o verde) e sale rosa e se necessario un po' di olio a crudo.
  • Potete schiacciare l'aglio che sarà morbido dentro la pentola e usarlo come condimento assieme al sale, pepe e olio.


Segue

I benefici delle lenticchie: energia, controllo del colesterolo e degli zuccheri.


Le lenticchie sono leguminose e contengono una grande quantità di fibre, sia solubili che insolubili, e appunto le fibre contribuiscono all'abbassamento del colesterolo e controlla i livelli di zucchero nel sangue.

La fibra insolubile combatte la costipazione e aiuta a prevenire malate come i fastidi stomacali la sindrome dell'intestino irritabile e la diverticolite.

La fibra solubile aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e riduce il colesterolo cattivo.

Le lenticchie forniscono energie perché ricche di ferro facilmente assimilabile e quindi è utile per chi soffre di anemia, per il periodo del ciclo mestruale, per i bambini e per chi segue le diete vegane o vegetariane.

Le lenticchie hanno un grande contenuto proteico ed è ideale per aumentare l'energia muscolare. Contengono 18 dai 20 amminoacidi necessari alla produzione di proteine e se germinano acquisiscono tutti e venti. Quindi se siete vegani, alla classica domanda "e le proteine?" Potete rispondere: fatti gli af   Lenticchie!!
 
Il Dottore Nicholas Perricone (quello che spesso partecipa al programma di Oprah), ha posizionato le lenticchie al quarto posto del suo elenco di super alimenti. I primi tre sono: açai (un frutto dell'Amazzonia), aglio e orzo.

Quindi gente, le lenticchie non sono soltanto un alimento usato a capodanno per attrarre i soldi ma devono essere consumate durante tutto l'anno, e posso garantire che possono essere usate in mille modi in cucina: zuppe, come un hamburger, insalata fredda con olive, pomodori, carotine, e asparagi, con la pasta e via dicendo.

Se siete un po' intolleranti (anche se le lenticchie sono più leggere rispetto ai fagioli), dovete risciacquarle più volte prima di cucinarle, e aggiungere un pochino di succo di arancia all'acqua di cottura.


Segue

28 giugno 2016

Calabria: Quattro assassini torturano a morte un randagio e postano un video su facebook


Orrore a SANGINETO, Provincia di Cosenza, quattro assassini si sono divertiti in questo modo: hanno impiccato un povero cane e quindi l'hanno inflitto dei colpi alla testa con una mazza, poi non contenti hanno pubblicato il video su facebook magari per rendere pubblico la loro infinita ignoranza e stupidità.

Ovviamente il video è andato a finire in mano alle Autorità e i colpevoli sono stati identificati. Secondo gli inquirenti quella era una punizione al cane colpevole di aver ammazzato due capre.

Ma si può, nel 2016 avere ancora persone in giro cosi idiote e ignoranti?? Credo proprio di sì visto anche certi stupri di gruppo commesso da giovanissimi in questi ultimi tempi.

C'è bisogno di una punizione rigidissima per questa gente!!! Voglio vedere quanto questi qui ammazzeranno anche le persone perché è gente che si diverte a fare queste cose.

Molti gruppi animalisti vogliono seguire da vicino questo caso, comunque per maggiori informazioni sui mostri che hanno compiuto questa barbarie contro il povero animale, cliccate QUI

E cliccando QUI potete firmare la petizione per chiedere una punizione esemplare a questi delinquenti.
Segue

Pasta fredda al limone e germe di grano

Un'altra ricetta dello Chef Veganino... la pasta fredda al limone con germe di grano


Ingredienti:

mezze penne o altra pasta corta
germe di grano
semi di sesamo nero
olio EV di oliva
1 limone di Sorrento biologico
sale
aglio
Prezzemolo

Marinare per almeno 30 minuti aglio, succo di limone (1/4 di limone), e olio EV di oliva (il doppio rispetto al succo di limone)
Riscaldare gli ingredienti in una padella e aggiungere la pasta al dente previamente raffreddata in acqua corrente fredda (100-150 gr)
Ripassare aggiungendo un pochino di olio a crudo se è un po' asciutta
Aggiungere 1-2 cucchiai di germe di grano e amalgamare (come uno farebbe se usasse il parmigiano)
Aggiungere 1 cucchiaino scarso di semi di sesamo nero

Segue

Spiedini vegani per un barbecue very green

Veganino e i suoi suggerimenti.

Il piccolo chef alieno dice che.... fa caldo!! E ora tante persone pensano al solito barbecue a base di carne :=/

E noi Veganino? Non mangiamo? Rimaniamo a casa?

Certo di no, possiamo fare i nostri spiedini e metterli nel barbecue

Per oggi abbiamo pensato a questi:






Pomodoro datterino, wurstel vegani al farro oliva gigante, champignon, tofu, seitan, friggitelli
Poi vanno mangiate con la salsa di soia, vinaigrette, salsa picante, tabasco, insomma con quel che volete.




Questo è solo un suggerimento ma potete aggiungere del pane, polenta a dadini, peperone, mele, pere e altra frutta o verdura del vostro gradimento

Buon Appetito!!
Segue

Maschera ecobio fai da te schiarente e purificante al riso e argilla


Questa maschera di bellezza ecobio è indicata non solo per chi ha la pelle impura, ma anche per rassodare, uniformare il colore, schiarire il viso (zone scure, macchie, segni del sole ecc), purificare i pori e combattere acne, punti neri ecc.

Dopo averla usata si ha la sensazione di una pelle pulita in profondità.

Avete bisogno di

Argilla verde ventilata
Latte di riso

Mischiare i due ingredienti fino ad ottenere una crema morbida, mettete un cucchiaio scarso di argilla in una ciotola di ceramica e versate pian piano del latte di riso. Non usare oggetti in metallo

Spalmare sul viso e aspettare alcuni minuti, quando inizierà a tirare potete lavare il viso. Se non avete una pelle particolarmente grassa è meglio non lasciare che l'argilla diventi proprio secca "a mo' di statua" sul viso, (anche se io a volte spalmo l'argilla e vado a fare altre cose mentre ho la maschera in posa, e questa poi diventa quasi parte di me, però come si dice fatte quel che dico e non quel che faccio). 

Lavare molto bene e asciugare, se sentite la necessità potete spalmare un velo di crema bio leggera sul viso. Io a volte finalizzo con la crema e a volte no, perché ho percepito che quando uso il latte di riso la pelle oltre a rimanere più chiara si secca di meno.

Un consiglio finale: di solito aggiungo anche 4 gocce di olio "Aloe Olio" della Zuccari che contiene acido ialuronico vegetale. A me questo prodotto piace tantissimo e ne avevo parlato QUI, però il suo uso è opzionale!

Io uso l'argilla Argital, però va bene una qualunque marca e potete usare anche altre argille: rosa, rossa, nera, bianca....



Segue

24 giugno 2016

Ricetta Vegana: Torta all'ananas senza latte né uova

Ecco il nostro amico intergalattico che vuole condividere un'altra sua ricetta:

La torta all'ananas



INGREDIENTI

20 ml circa di acqua della cottura dei ceci
100 ml di latte di riso
100 gr di zucchero di canna
200 gr di farina 00 + 1 cucchiaio di farina di castagne
 50 gr. di margarina vegetale
1 bustina di lievito per dolci
scorza di limone
Fettine di ananas

PREPARAZIONE

Adagiare le fettine di ananas sul fondo della forma
Versare l'acqua di cottura dei ceci nella ciotola dello sbattitore e sbattere finché diventi leggermente cremosa, aggiungere le scorze, lo zucchero e la margarina e amalgamare bene
Aggiungere le farine e il latte e amalgamare
Aggiungere il fermento e amalgamare usando la velocità minima
Versare l'impasto sulle fettine d'ananas
Portare in forno preriscaldato a 180 gradi per 30 minuti

L'acqua di cottura dei ceci può sostituire le uova e soprattutto gli albumi, per saperne di più guardate QUI


 

Segue

22 giugno 2016

Auguri alla nuova Sindaca di Roma: cambiamenti sì, ma solo con l'aiuto di tutti



Buona fortuna a Virginia Raggi la nuova Sindaca di Roma, questa città ha bisogno di un pugno forte per rimettere in sesto quella che è la Capitale più conosciuta e importante del mondo.

Un augurio per il cambiamento non solo del governo locale ma anche della mentalità di tanti cittadini che vivono in questa Città e non importa se nati o meno a Roma. Purtroppo il cancro che ha inghiotto molti amministratori è riuscito a uccidere la coscienza anche di chi qui ci vive. Quante volte vediamo scene di completa e totale inciviltà in tutti i quartieri di Roma: mobili, materassi, scarti edilizi, involucri alimentari, wc, bidet, caldaie, escrementi di cane (e anche di altro).... Ed è inutile dare sempre la colpa agli immigrati, zingari ecc perché anche tanti cittadini non stranieri, e addirittura nati in questa città, la sporco in modo indecoroso!

Sapiamo tutti che l'Ama ha bisogno di una bella "ripulita", però non servirà a nulla se i cittadini non faranno la loro parte. Molti ancora non fanno la raccolta differenziata o la raccolta dell'organico e le scuse non mancano: si ma i miei vicini non la fanno, si ma tanto che cambia, la città fa schifo, si ma tanto l'Ama mischia tutto.

Io sinceramente non so se è veritiera o meno quest'ultima affermazione poiché non ho mai visto però non credo sia un argomento valido per non fare la raccolta. Io la faccio perché è il mio dovere come abitante di questo territorio, se l'Amministrazione locale non fa la sua parte non lo so ma io ho la mia coscienza pulita.

Come diceva Kennedy nel suo discorso alla Nazione:


"Ask not what your country can do for you; ask what you can do for your country" 

 "Non chiederti cosa può fare il tuo paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese"

È inutile volere una città pulita se siamo i primi ad sporcarla, oppure disinfettare la casa fino all'esaurimento e magari lasciare gli escrementi del proprio cane in giro per sporcare le scarpe di qualcun altro, dobbiamo curare la città come curiamo le nostre case. Inoltre bisogna educare i bambini e adolescenti a fare lo stesso. Qui sotto casa c'è un grande parco in cui vengono bambini e adolescenti anche di altre zone, a fine giornata le tracce del loro passaggio è vergognosa: bicchieri, cartoni della pizza, resti di cibo, bottiglie ecc. Una totale mancanza di educazione.

Aspetto in un grande cambiamento per questa città, però questo avverrà soltanto se i cittadini saranno pronti a collaborare, altrimenti possono assumere anche Capitan America per governare che non servirà a nulla, ormai i problemi sono troppo e solo con l'aiuto di tutti si può cambiare.

Non abbiate vergogna di dire a qualcuno di raccogliere i bisogni del cane, di non buttare la carta per terra, di non buttare i mobili vicino al cassonetto ecc. I marciapiedi sono pubblici quindi la loro pulizia sono affari miei, tuoi e di tutti quanti.

Aspetto che la neo sindaca abbia il coraggio di fare la multa agli incivili, compresi i cretini che abbandonano gli animali (in realtà più che una multa).

Non bisogna nemmeno fare una nuova legge visto che esiste già, basta soltanto applicarla con decisione assoluta:

Quanto costa sporcare Roma

Rinnovo gli auguri alla nuova amministrazione e aspettiamo bene!

Per finire: STOP ALLE BOTTICELLE A ROMA!!


Segue

21 giugno 2016

Pulizia delle fughe: come strofinarle facendo meno fatica.



La pulizia delle fughe può essere faticosa perché a volte oltre a stendere il prodotto pulente bisogna anche strofinare.

Tra l'altro i prodotti molto aggressivi possono anche sbiancare le fughe ma spesso mangiano o macchiano i bordi delle mattonelle.

Un modo per risparmiare il braccio se proprio dovete strofinare le fughe è questo: usare un semplice kit manicure/pedicure.

Usando le punte giunte potete disincrostare le fughe senza tanto sforzo.

Per primo dovete spalmare il prodotto pulente e in passato ho pubblicato diverse ricette, e se le volete vedere basta usare la funzione CERCA del blog, anche per cercare altri argomenti.

In questo modo:


Quindi di solito le punte sono queste:

 Potete fare in diversi modi: spalmare il prodotto sulle fughe, aspettare il tempo di posa e quindi strofinare con la punta adatta oppure strofinare la punta nel sapone di marsiglia o sapone alga e strofinare le fughe

Io inizierei con la numero 4 che è in gomma, quindi con la 1 o la 3 per le fughe più grandi. La 2 è abrasiva e la 5 un po' più abrasiva e quindi vanno usate li dove lo sporco è più persistente. Dovete sceglierle voi osservando il vostro pavimento.

Quindi è solo fare avanti e indietro e le testine penseranno a fare lo sforzo. È un lavoro di precisione però secondo me può risparmiare fatica.

Per finire voglio fare un appunto: può accadere che pulendo le fughe ci si accorga che questa "non c'è", però non l'avete levata via voi o il prodotto che avete usato (come mi ha scritto una volta una signora via mail), ma semplicemente non esistendo più e lo sporco ha preso il suo posto, dunque tolto lo sporco è ovvio che resta solo lo spazio vuoto o semivuoto, e questo vuol dire che bisogna acquistare un prodotto per riempire le fughe presso qualche negozio di bricolage o ferramenta.
Con il tempo è normale che accada. 
Segue

20 giugno 2016

Come fare un porta sapone riciclando una vaschetta per alimenti



È sempre utile avere un pezzo di sapone in cucina o in lavanderia per lavare canovacci, spugne del lavandino, superfici, stoviglie ecc,

Però secondo me è meglio lasciarlo in un angolino tutto suo, questo perché quando viene a contatto con la spugna di lavare i piatti può ridurre l'azione lavante del detersivo o dell'aceto per le pulizie. Questo accade sia per l'effetto dell'acqua calcarea che per le proprietà del sapone stesso.

Non bisogna necessariamente acquistare un porta sapone, anzi potete fare il vostro usando una semplice vaschetta porta pomodori vuota destinata a finire nella spazzatura.

La vaschetta ideale è questa qui, perché che ha un coperchio non estraibile e con dei fori per il passaggio d'aria, importante per mantenere il sapone asciutto

Ed ecco il sapone qua dentro (sapone Alga)

E questo è il fondo con due forellini laterali e uno centrale fatto da me, importante per evitare ristagni d'acqua, cosi il sapone resta asciutto.

Potete mettere una spugna da usare solo con il sapone sempre dentro la vaschettina, l'importante è che sia sempre strizzata.


Segue

Capelli e unghie deboli: una tisana può renderli più forti


Se i vostri capelli e unghie si presentano un po' deboli in questo periodo, oltre ai cosmetici potete darli un "up" consumando delle apposite tisane o anche un miscuglio

Una tisana che aiuterà a rendere la vostra chioma e le vostre unghie più delle può essere fatta con ginkgo e ortica

Nelle erboristerie o supermercati potete acquistare sia le bustine che le foglie/frutti essiccati per preparare la tisana. Preparatela usando ginkgo e ortica in parti uguali e bevetela 1 o 2 volte al giorno. Con il passare dei giorni unghie e capelli saranno più luminosi.

Come sempre vorrei ricordarvi che fumo, alcol, alimentazione non sana, stress e problemi di salute indeboliscono unghie e capelli.
Inoltre unghie e capelli indicano lo stato generale del nostro corpo, se il problema persiste o peggiora, allora sarebbe indicato fare delle analisi per vedere se non avete qualche anemia, problemi ormonali ecc

Controindicazioni per quanto riguarda il ginkgo

Gravidanza e allattamento (come nel caso di ogni altro ingrediente è sempre meglio chiedere un'opinione al medico)
Farmaci: rimedi per il sangue e plasma, inibitori del MAO e FANS, aspirina, eminente chirurgia
Problemi di coagulazione
Bambini

In caso di controindicazioni potete usare la tisana direttamente sui capelli, però chiedete sempre un parare al vostro medico.
Segue

Maschera rivitalizzante e nutriente per capelli opachi


Questa maschera serve per rivitalizzare e fortificare i capelli spenti, oltreché nutrirli e idratarli dall'interno. Se avete la cute grassa usatela solo sulle punte.

Mischiare in una ciotola

1 cucchiaio di glicerina vegetale
2 cucchiai di latte di avena
1 cucchiaino di olio di mandorle o olio di germe di grano
1 cucchiaino di olio di ricino
1 cucchiaino di gel di aloe vera (opzionale)
1 cucchiaio di zucchero bianco da cucina
3 cucchiai di maschera per capelli ecobio della vostra preferenza.

Mischiare la maschera, lo zucchero e gli oli, quindi aggiungere il latte e la glicerina vegetale

Bagnare per bene i capelli, dovono essere molto umidi perché in questo modo la glicerina agisce al meglio. Dovete solo tamponare i capelli per togliere l'eccesso d'acqua
Passare sui capelli e quindi coprirli con una cuffia per la doccia
Tenere in posa da 30 minuti a 1 ora
Lavare normalmente

Se potete aggiungere anche 1 cucchiaino di olio di amla meglio ancora, però dicono che l'amla scurisce i capelli, quindi se li avete biondi magari sarebbe meglio fare una prova su una ciocca. Sui miei capelli non ho mai notato cambiamento di colore, però non sono bionda sono castana media.

Alcune erboristerie e parafarmacie vengono la glicerina vegetale, altrimenti su internet.

Il latte vegetale è quello da bere che potete trovare nei supermercati

---------------------------------------------



Glicerina Vegetale , La Saponaria Ordina sul Giardino dei Libri

Segue

11 giugno 2016

Trattamento riparatore e nutriente per le punte secche e/o rovinate dei capelli



Spesso l'unico rimedio valido per le punte spigate, secche e danneggiate sono le forbici, però in alcuni casi si riesce a tamponare il problema e quindi aspettare che il capello possa crescere prima di tagliare le lunghezze

Quest'impacco è molti efficace perché è un ricostruente e cerca di lisciare le punte dei capelli lisci o di arricciare le punte dei capelli ricci. Le ragazze ricce sanno che le punte dei capelli se sono danneggiate formano boccoli e nemmeno sono lisce.

Ingredienti

Vino rosso corposo
glicerina vegetale
burro di karitè o burro di mango
olio di cocco
olio di ricino
aceto di mele

Mischiare 100 ml di vino rosso in 100 ml di acqua distillata (demineralizzata per il ferro da stiro), portare su fiamma dolce per 5-8 minuti per fare evaporare l'alcol
Aggiungere 2 cucchiai di glicerina, 1 cucchiaino di aceto di mele e mischiare
Aggiungere  1 cucchiaio raso di burro di karitè fuso
Mischiare 1 cucchiaino di olio di ricino in 2 cucchiai di olio di cocco abbastanza caldo ma non bollente, dopo che li avete mischiato uniteli alla miscela.
Mischiare bene e lasciare raffreddare

Applicazione:

Ungere le punte danneggiate con questo prodotto, lasciare in posa per almeno 20 minuti (più sta meglio è anche se va risciacquato), e quindi lavate i capelli normalmente.

--------------------------------------------------------



Glicerina Vegetale , La Saponaria Ordina sul Giardino dei Libri 







Burro di karité , Carone Ordina sul Giardino dei Libri 
Segue

10 giugno 2016

12 soluzioni naturali utili per aiutare a curare le emorroidi.


Innanzitutto vorrei sottolineare che queste cure non sostituiscono  il consulto medico, però possono essere efficaci in alcuni casi, però se i sintomi persistono per un certo limite di tempo bisogna fare una visita al proctologista.

Premessa fatta vediamo quali sono questi ingredienti

1) Tintura di ippocastano: diluire 15 gocce in 1 cucchiaio d'acqua, inzuppare un batuffolo di cotone o dischetto di cotone e tamponare la zona interessata che dovrà essere molto pulita

2)Tisana di equiseto: potete usare le bustine o le foglie essiccate, bere 2 tazze di tè al giorno e/o il semicupio con acqua tiepida e 1 bicchiere di tisana, tutto ciò serve per sfiammare la zona interessata

3) Capsule di aglio: benefico per la vascolarizzazione dell'intestino e zona anale. Nelle erboristerie ci sono capsule arricchite con erbe che evitano il retrogusto, oppure ci sono quelle dell'equilibra che si trovano nei supermercati. Una capsula due volte al giorno. Questa cura va fatta indipendentemente se fatte altre, però se volete usare i medicinali è meglio informare il medico

4)  Gel di aloe: mettere un po' di gel su un pezzo di cotone o dischetto di cotone e tamponare la zona interessata.
5) Oleolito di calendola o olio essenziale di calendola: Se usate l'olio essenziale dovete mischiare 15 gocce in 1 cucchiaio di olio EV di oliva o meglio ancora in olio di sesamo o di vinacciolo.
In ogni caso inzuppare un pezzo di cotone e tamponare la zona interessata

6) OE di cipresso, OE di menta piperita e OE di tea tree: Mischiare 2 gocce di ognuno di questi oli in 1 cucchiaio di olio EV di oliva o meglio ancora in olio di sesamo o di vinacciolo

7) Cataplasma di argilla: preparare una crema morbida fatta con argilla verde ventilata e acqua, mettere su una garza e applicare sulla zona interessata. Lasciare in posa da 1-6 ore. Se possibile applicare prima di andare a letto. In alternativa si può fare il semicupio con acqua tiepida e argilla

8) Infuso di amamelide: preparare solo 1 tazzina di tè di tisana molto concentrata. Conservarla in frigo e alcune volte al giorno immergere un pezzo di cotone pulito e applicare sulla zona interessata. Potete preparare un semicupio con acqua tiepida e 1 bicchiere di infuso concentrato. Agire per almeno 20 minuti

9) Tisana all'ortica: potete acquistare in polvere o bustine, oppure usare le foglie fresche (mi raccomando i guanti!).

10) Infuso di chiodi di garofano e aceto di miele: preparare un infuso concentrato e fare un semicupio con acqua tiepida e 1 bicchiere di infuso più 1 tazzina da caffè piena di aceto di mele per almeno 20 minuti.

11) Attività fisica è molto importante perché l'organismo non è fatto per stare fermo, evitare di stare molto tempo seduti e se proprio bisogna farlo per motivo di lavoro ogni 30 minuti cercate di alzarvi e camminare un po'), mangiare sano, mangiare fibre, bere molti liquidi, non fumare, non bere alcol.

12) Evitare ansia e stress, mi rendo conto che in certi casi è difficilissimo, però bisogna fare uno sforzo, magari facendo pilate, ioga, meditazione, massaggi o anche cercando l'aiuto di un psicologo.

Questi sono i piccoli rimedi della natura per la cura, però ci tengo a ripetere: se la situazione non migliora bisogna andare dal dottore e valutare insieme a lui la soluzione migliore per il vostro caso.

Donne in gravidanza o allattamento o persone che stanno assumendo farmaci vari: consultate il vostro medico!!!

Segue

Lavaggio del kimono bianco e candeggio contro l'ingiallimento


Il kimono tende ad ingiallire soprattutto perché si suda durante la pratica sportiva, oppure perché capita essere seduto o anche proiettati sul pavimento o sul tatami

Per conservare il candore del kimono ed evitare l'ingiallimento potete usare i seguenti accorgimenti

Fare un prelavaggio a freddo con il succo di 1 limone+1/2 bicchiere di alcol bianco o aceto bianco (passaggio opzionale)
Lavare il kimono con sapone o detersivo per il bucato (fai da te o classico biologico o a basso impatto, meglio se in polvere)+1 cucchiaio di percarbonato+1 cucchiaio di bicarbonato+1 cucchiaio di sale grosso
Lavare a 50 gradi massimo 60 se l'etichetta permette,  usando un po' di aceto di mele o bianco come ammorbidente (l'ammorbidente blocca i pori dei tessuti e nel caso dello sport è meglio mantenerli liberi). Potete riempire mezza vaschetta dell'ammorbidente con aceto e il resto con acqua
Selezionale l'opzione extra risciacquo. Io di solito uso il ciclo rapido (in realtà lo uso quasi sempre per tutti i panni)
Scuotere il tessuto prima di appenderlo

Se il kimono è ingiallito

3 ricette antigiallo:

a) Bagnare il tessuto, strofinarlo con abbondante sapone di marsiglia, lasciare agire per 1 giornata sotto il sole, lavare in lavatrice con percarbonato e sale e quindi usare l'aceto di mele o bianco al posto dell'ammorbidente

b) Metterlo in ammollo in acqua bollente+succo di 1 limone+2 cucchiai di sale grosso per 1 giornata
e quindi lavatrice
c) Metterlo in ammollo in acqua bollente+1 cucchiaio di percarbonato+2 cucchiai di bicarbonato+1 cucchiaio di sale grosso. 1 giornata quindi lavatrice
d) Tamponare il kimono con acqua ossigenata 40 gradi e insaponare. Chiudere il kimono in una busta e lasciare agire per 24 ore. lavare in lavatrice con detersivo e bicarbonato.

Segue

07 giugno 2016

Gnocchi al ragù speziato fatti con il trito Macì della sojasun.

Ecco il nostro alienino che porta una delle sue ricette vegane:
 
Oggi Veganino ci propone:

 Gnocchi al ragù speziato


Ingredienti:

1 confezione di macì della sojasun*










1 peperone grande
1 cipolla rossa piccola
Prezzemolo
1 confezioni di 500 gr di gnocchi (io me li faccio fare da un pastaio, però nei negozi bio e anche a Eataly potete trovare le confezioni)
1/2 bottiglia di salsa di pomodoro rustica
 sale
 olio Ev di oliva
 vino rosso
 tabasco rosso (opzionale)



Preparazione:

Soffriggere la cipolla, olio e peperone a cubetti
Aggiungere il trito di soia, e soffriggere per altri 2 minuti
sfumare con vino rosso
Aspettare 1 minuti e aggiungere il pomodoro, mischiare per 1 minuto e aggiungere acqua fino a coprire tutto
Aggiungere sale a gusto (poco alla volta perché il macì è già condito) e da 4-5 gocce di tabasco
Aggiungere 1 cucchiaio di prezzemolo fresco
Preparare gli gnocchi e aggiungere al ragù quando la salsa risulterà densa
Ripassare e servire caldo.



Acquisti:
Dove ho comprato il Macì della sojasun? Al Conad e costa 2,50 euro
*Se nel vostro supermercato non vendono questo prodotto potete comprare del seitan fresco e tagliarlo molto finemente.

Ho fatto un normalissimo acquisto e la casa produttrice NON mi ha chiesto di farne pubblicità!

------------------------------------------------------------------------
Prodotti con Seitan Ordina su Sorgente Natura
Segue

06 giugno 2016

Spolverare e pulire le candele in modo efficace


Per spolverare le candele avete bisogno di  batuffolo di cotone e alcol rosa o bianco
Bagnare il cotone con l'alcol e strofinare la candela
Non rimarrà traccia della polvere e la candela sarà più pulita

In alcune erboristerie vendono candele prive di ingredienti  e soprattutto profumi tossici, e sono preferibili rispetto alle classiche candele che contengono profumazioni tossiche nella loro composizione.





Candela profumata menta e verbena , Ordina sul Giardino dei Libri
Segue

31 maggio 2016

Organizzare la biancheria da letto in modo ottimale

Un modo molto efficace per sistemare la biancheria e non perdere pezzi nell'armadio, è quello di inserire tutti gli elementi in una federa.

Si piegano le lenzuola e una delle federe (se parliamo di letto matrimoniale) e poi inseriamo tutto quanto in una federa. Poi basterà piegare e inserire nell'armadio disponendo la biancheria in pila nell'armadio.



Se invece alcune federe non sono appaiate, oppure le lenzuola si sono consumate ma le federe sono in buon stato, è meglio raggrupparle in un'unica federa (magari una che non vi piace più), e quindi sistemarle nell'armadio, cosi non si perdono e possono essere usate ad esempio per gli ospiti o quando andate fuori casa.



Ricordiamo che una casa ordinata sembrerà anche più pulita e accogliente
Segue

Detergente ecobio all'argilla per pavimenti e superfici.


200 gr di sapone Alga o altro sapone vegetale come marsiglia, aleppo, ecc
2 cucchiai di bicarbonato
3 cucchiai di argilla (una qualunque, anche quella per l'artigianato va bene)
2 litri d'acqua demineralizzata o acqua della pioggia
200 ml di alcol rosa o bianco
10 ml olio essenziale (lavanda, tea tree*, bergamotto, pino, cedro, eucalipto, muschio, agrumi ecc).

Tagliare il sapone a pezzettini piccoli e metterli nell'acqua bollente
Quando saranno sciolti (se quando l'acqua sarà fredda vedete qualche pezzettino rimarrà integro prendete un frullatore a immersione per omogeneizzare tutto), aggiungere alcol, bicarbonato, argilla e olio essenziale
Mischiare bene
Lasciare riposare per almeno 1 ora

Inserire in un barattolo con tappo dosatore.


Agitare sempre prima di utilizzare perché essendo tutti gli ingredienti naturali possono precipitare o cambiare viscosità, comunque la sua proprietà pulente non cambia.

Aggiungere 1 cucchiaio di soluzione per 1/4 di secchio di acqua, meglio se calda.
*L'olio essenziale di tea tree è un conservante naturale, quindi potete aggiungerlo anche se avete usato altro olio.
È un ottimo detergente soprattutto per il gres rustico, ruvido e cotto
Delicato quindi può essere usato anche sul marmo e granito.
È igienizzante perché contiene alcol, sapone, argilla e olio essenziale
Conservare in posto fresco e asciutto.

Segue

30 maggio 2016

Evento: 2 giugno nella fattoria della pace IPPOASI a Pisa

Festa a Ippoasi il 2 giugno, la Fattoria della Pace a Pisa che ospita molti animali salvati dalla morte e dai maltrattamenti.....

Programma:
- ore 10:00 visita guidata al Santuario di Animali Liberi
- ore 12:30 buffet biovegano a km0 curato da Animalincucina
- ore 14:30 “La cruda verità sul cibo”, a cura della dott.sa M. Pizzi, medico di base, vegana, specialista in Neurologia e Neuropsichiatria Infantile. Esperta in alimentazione per la prevenzione e cura delle malattie
- ore 14:30 intrattenimento bimbi con Saltimbanco, la scuola di arti circensi di Livorno
- ore 16:00 visita guidata al Santuario di Animali Liberi
Per tutto il giorno sarà in funzione il Biobar, con estratti di frutta fresca, vino, birra, succhi di frutta.

L’EVENTO È INTERAMENTE A SOSTEGNO DEI DUE RIFUGI DI IPPOASI:
la Fattoria della Pace e il Rifugio della Bubi.
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA a eventi@ippoasi.org o 3897629476
Evento a cura di Ippoasi con la collaborazione di Animalincucina e Saltimbanco.





Per altre informazioni visitare il loro sito cliccando QUI


Segue

Powered By Blogger | Template Created By Lord HTML