AGGIORNAMENTO PAGINE: 05/01 Stampabili; 29/12 Appuntamenti; 26/12 Macchie; 23/12 Adozione; 23/12 BAUMIAO Anziani; 29/11 Solidarietà a 6 zampe; 29/11 SOS Adozione Urgente; 15/08 FAQ.

.


Trova quello che ti serve...

Caricamento in corso...

29 gennaio 2015

Associazione cani con il pigiama a righe: raccolta cibo urgente e punti di raccolta


 L'Associazione "CANI CON IL PIGIAMA A RIGHE" di Torino accudisce ed ha accudito diversi cani abbandonati e maltrattati, inoltre aiuta altre colonie a sfamare i randagi.

Loro hanno bisogno di donazione di cibo per sfamare le povere creature che accudiscono ogni giorno e noi  (e soprattutto voi di Torino e d'intorni) potete aiutarli portando del cibo secco o umido direttamente in canile (Canile Croce Blu di Piossasco Superstrada Torino Pinerolo, Via Volvera, 67 10045 Piossasco, Torino, oppure facendo un acquisto di cibo per cani nei punto di raccolta:

Punti raccolta cibo permanenti:

 AGRINONE STORE Via Sestriere 65 None (To)
IPER DOG Via Dell’Artigianato 5 Faule (Cn)
FAMILA Via Pinerolo 42 Cumiana (To)
LA SIRENETTA Via S.Rocco 10/a Orbassano (To)
EURO PREZZI Via Martiri del XXI n°141 Pinerolo (To)
L’OASI DEGLI ANIMALI Via IV Novembre 3, Giaveno (TO)
EKOM via Trento 38 Castagnole (To)
CARREFOUR Market via Alfieri 15 Orbassano (To)
DPiù discount via torino 14 Roletto (To)


Se siete interessati a sostenere l'associazione potete fare una donazione sul c/c postale IBAN IT97 G076 0101 0000 0000 6476 271 intestato ad Associazione Cani con il Pigiama a Righe.

Anche un pacchettino di cibo è tanto per chi non ha niente e ogni giorno deve lottare per aiutare gli animali abbandonati. Ricordiamo anche che un animale non è un giocatolo e abbandonare un animale non è solo reato ma anche un gesto indegno e spregevole!!

http://www.caniconilpigiamarighe.it/
Segue ►

I benefici nutrizionali della carota viola e ricetta



Le carote viola contengono più antiossidanti rispetto alle carote arancione e possiedono proprietà antiinfiammatorie che li  rende utili ad esempio per il trattamento dell'artrite.

Nella carota viola sono state trovate sostanze antivirali, antisettiche, antibiotiche, anticancerose e batacarotene. Contiene anche fitochimici come i carotenoidi, poliacetileni (utile contro il cancro del colon), fenolici e sesquiterpeni (antiinfiammatorio). Gli anticancerosi presenti nella carota viola non solo combattono la formazione delle diverse forme di cancro ma combattono anche le cellule cancerogene già presenti.

  Eccellenti nel contrasto delle infezioni batteriche come raffreddore, infezioni al tratto urinario, stomaco e bocca. Contiene una grande concentrazione di vitamina A che protegge le arterie evitando problemi vascolari e al cervello.

Contiene anche vitamina B, C, E, Calcio e fibre.

Una particolarità di questo alimento è la sua azione nutriente per la pelle e i capelli e anche la sua capacità di migliorare la qualità del latte materno, inoltre contiene una forma di calcio facilmente assorbibile dall'organismo.Le radici sono efficaci per combattere i parassiti intestinali, l'indigestione, problemi alle tonsille, e costipazione.

Le foglie della carota viola contengono vitamina K che non è presente nella carota.

Alcuni studi fatti dall'Università del Queensland rivelano che il succo di carota viola stabilizza i livelli di zucchero nel sangue, combatte le malattie epatiche e cardiache.
 
Ieri ho preparato un cuscus diverso nel senso che non ho mischiato il cuscus con le verdure ma ho servito ogni preparazione in una ciotola o vassoio diverso.

Ho ripassato le carote con olio e aglio in camicia, quindi ho aggiunto sale e acqua e cotto in fiamma media per circa 20 minuti (le ho cotte intere e quindi ci è voluto un po anche perché sono un po' più dure rispetto alle arancione) comunque per velocizzare la preparazione potete usare la pentola a pressione. Ho lasciato avanzare l'acqua di cottura poiché  mi serviva per il cuscus.
 
In un'altra pentola  ho fatto un soffritto con aglio e olio ed ho soffritto i  funghi champignon, quindi ho aggiunto un po' di vino bianco, del cavolo nero a pezzettini e olive verdi e sale. Cottura per circa 20 minuti.

Ho tolto le carote e ho versato il cuscus nella loro acqua di cottura.

 








Carote cotte









Cuscus preparato nell'acqua di cottura (il nero è la pentola)










Il preparato di funghi con tanto di fumo...
Segue ►

27 gennaio 2015

Il Giorno della Memoria: Un appunto per tutti gli essere umani


Oggi come possiamo vedere il Giorno della Memoria? Cosa rappresenta?

Oltre a non farci dimenticare che alcuni esseri umani sono tutt'altro che esseri umani e io non potrei mai chiare Hitler e i suoi seguaci di umani ma solo di esseri e basta.... "Essere" un essere umano è un'altra cosa.

Comunque vedo il Giorno della Memoria come un appunto per l'umanità come se si dicesse: se fatte cosi le cose finiranno male per voi... la mentalità dell'essere umano di classe A e classe B, classificare per il colore della pelle, la religione.. mantenere una parte del mondo in povertà mentre l'altra gode i benesseri della vita....

Purtroppo oggi vediamo che commettiamo gli stessi errori e alcuni sono frutto delle stronzate che diceva Hitler come la discriminazione per il colore della pelle, etnia ecc.

Sappiamo che mostruosità crea altra mostruosità e privare le persone dai diritti che dovrebbero valere per tutta l'umanità come il diritto all'educazione, alla salute, al lavoro, alla casa, all'ambiente ecc non ha fatto altro che creare gruppi e persone pronte a prendere il potere li dove lo Stato non c'è. Il problema è che questo potere può essere stabilito con la violenza e con l'ignoranza.

Oggi pensiamo molto al fanatismo religioso però nel mondo ci sono tanti altri gruppi violenti che non c'entrano con la religione: il traffico di droghe, il traffico di essei umani, il traffico di bambini/pedofilia, il traffico di animali, le mafie.... e tutti questi gruppi usano bambini senza nessun scrupolo e uccidono tanto o di più dei gruppi di fanatici religiosi e tutti questi sono forti li dove lo Stato non c'è.

Anche l'atteggiamento del essere umano nei confronti di altri esseri umani aiuta a creare queste realtà tremende visto che siamo tutti collegati e non solo per quanto riguarda internet. Noi acquistiamo prodotti e servizi molte volte fabbricati con esplorazione del lavoro adulto e infantile, o coinvolti con lo sterminio di animali o dell'ambiente. A noi può essere un vantaggio: tanta offerta e prezzo basso, però per altri significa povertà e umiliazione con tutte le conseguenze: carestia, spostamenti, viaggio della speranza, violenza e via dicendo.

Non esiste un mondo con buoni (noi) e cattivi (loro) ma semplicemente un mondo in cui tutti quanti noi siamo responsabili per  il destino di tutto il mondo.

L'idea di risolvere il problema con le guerre del tipo ci vado li uccido tutti quanti e torno a casa ormai si sa che non risolvono un bel nulla, anzi servono solo a creare altri problemi. L'unica soluzione è creazione di un ambiente in cui tutti abbiano accesso allo studio, al lavoro e alla sanità.

Il giorno della memoria ci ricorda ogni anno che stiamo sbagliando però sbagliamo ancora, vediamo quante di questi 25 di gennaio saranno necessari per farci ragionare.....

Segue ►

26 gennaio 2015

Infuso di edera: un antiparassitario e antibatterico per le tutte le piante.

Questo infuso antibatterico e antiparassitario per le piante si è rivelato davvero efficace. Le mie piante e soprattutto una di loro è stata invasa da parassiti che la stavano letteralmente mangiando e quindi le foglie stavano cadendo e la poverina stava diventando un po' trasparente e anche un po' bruciata.

Ho preparato quest'infuso di edera semplicemente tagliando dei rami e mettendo tutto quanto in acqua bollente, poco più di 1 litro. Ho chiuso la pentola e ho lasciato in ammollo per un'intera giornata.

Il giorno dopo ho versato l'infuso sulla pianta e sul terreno. Dopo due giorni ho già notato dei cambiamenti e quindi ho preparato un'altra dose di infuso e ho versato sulla pianta quando il sole non c'era più. Sono passate due settimana dal trattamento e la pianta si è ripresa al 90%, comunque c'è da dire che il freddo dei giorni passati ha aiutato a logorare un po' le piante.


Ho anche messo dei fondi di caffè con cenere di legna e gusci d'uova biologico tritati per rafforzare le piante poiché ogni tanto hanno bisogno di nutrimento extra.

Attenzione (Achtung!!) L'infuso di edera non va bevuto senza consultare il medico perché potrebbe risultare tossico quindi avvertite le persone a casa e attenzione ai bambini e animali domestici.

Se non avete una piantina (o piantona) di edera a casa andate a cercare in giro visto che è una pianta molto comune, la mia è antica e praticamente viene gestita in regime di cooperazione tra me e le garze del quartiere. Non so perché ma a loro l'edera piace moltissimo e quindi loro vengono nella mia terrazza e con quei loro becchi resistenti riescono a tagliare i rami più lunghi e se li portano via. Il mio compito è quello di annaffiare, girare e alimentare la pianta e poi ci pensano i miei amici giardinieri.
Segue ►

22 gennaio 2015

Come creare un filtro per cappa elimina odori


Un consiglio veloce ma molto efficace per neutralizzare i cattivi odori in cucina: spruzzare il filtro della cappa con aceto bianco un modo che oltre a assorbire il grasso e il fumo il filtro farà anche da elimina odori. Non bisogna esagerare poiché bastano 3 o 4 spruzzi.

Comunque sarebbe meglio se questa operazione venisse fatta con un filtro pulito (nuovo o lavato), inoltre vale la pena ricordarsi che il filtro sporco e impregnato di grasso impuzzolentisce la cucina. Se non sapete come lavare il filtro della cappa guardate QUI.

Un'altra soluzione: acquistare un filtro per la cappa fatto con foglie di carbone attivo, è un po' difficile da trovare però vale la pena cercare nei casalinghi più forniti o nei negozi di bricolage.

Una marca molto buona è questa qui:


Segue ►

21 gennaio 2015

Stick labbra extra dolce I provenzali: idratazione e profumo.

Oggi vorrei parlare di questo cosmetico che mi è piaciuto moltissimo: lo stick labbra della I Provenzali al Ribes Rosso

Con il freddo che ha fatto giorni fa mi sono sbrigata a comprare un prodotto idratante per proteggere le labbra e ho cercato di acquistare un prodotto il più naturale possibile ma efficace.

Questa marca mi piace moltissimo e di solito acquisto sia i saponi che le saponette, shampoo, maschera, bagnoschiuma, detersivi,  ecc però lo stick è la prima volta.

Il fatto che sia al ribes rosso extra dolce mi ha diciamo... motivata ad comperarlo e le mie impressioni sono queste:

È profumatissimo e la fragranza è persistente ma non sa di profumo sintetico ma di odorino di frutta davvero molto piacevole.

Idrata bene le labbra e l'effetto è durevole però non scivola come i soliti prodotti a base di silicone o paraffina perché ovviamente ogni ingrediente ha la sua viscosità e di conseguenza la sua proprietà di "scivolamento" comunque non è niente di fastidioso, anzi il fatto che abbia una viscosità diversa vuol dire che si sta usando un prodotto più naturale.

Pensate che tutti i prodotti in commercio passano per un test per la viscosità per fare con che il prodotto si avvicini sempre di più al gusto del consumatore. Ad esempio i dentifrici devono uscire dal tubetto con una certa velocità e con una certa "cremosità", nel senso che se un dentifricio è molto duro o un po' molle viene automaticamente rigettato dai consumatori poiché hanno una specie di "parametro incosciente" e quindi si fanno tutti i test del caso e se necessario un prodotto viene "corretto".

Lo stesso discorso serve per gli shampoo, crema, detersivi (di solito i prodotti densi vanno alla grande e anche quelli molto profumati), prodotti culinari come le salse a cubetti e via dicendo.


Finita la parentesi torniamo al nostro prodotto: lo stick è testato contro nichel e glutine e anche se molti dicono che il test contro il glutine sia inutile nel caso dei prodotti per le labbra che inevitabilmente vengono in parte inghiottiti è bene fare questo tipo di test.

Non testato sugli animali!!

Io l'ho comprato all'UPIM però l'ho visto anche all'acqua e sapone. Ho pagato 2,40 euro.

La prossima volta acquisterò quello alla mora e uva.
Segue ►

19 gennaio 2015

Soluzioni con Acido citrico per pulire, sbiancare e smacchiare la vasca da bagno


L'acido citrico è utile non solo come ammorbidente, in realtà questa polvere è un vero e proprio multiuso ed ha due proprietà molto importanti: sbiancante e smacchiante.

L'acido citrico impedisce che la vasca ingiallisca perché sbianca le superfici e impedisce la formazione di calcare (che tra l'altro trattiene lo sporco).

Ci sono due modi per usare l'acido citrico e la scelta dipende dal quanto la vasca sia macchiata o incrostata:

Per i lavaggio normali e giornalieri potete preparare uno spruzzino con 700 ml di acqua, 1 cucchiaio raso di acido citrico e volendo si può aggiungere 1 cucchiaino di detersivo per piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale. Se non volete usare il detersivo per i piatti non è un problema, preparate il vostro detersivo con solo acqua e acido citrico e osservate i risultati.

Per disincrostare le vasche macchiate/sporche soprattutto quelle che sono diventate porose e per questo motivo trattengono di più lo sporco. In questo caso è consigliabile lavarla a fondo usando un trattamento mirato:

Per primo dovete sgrassarla usando una spugna insaponata quindi versate 1 o 2 cucchiai di acido citrico sul fondo della vasca e alcune gocce di detersivo per piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale. Prendete una spugna bagnata e strofinate la vasca usando l'acido citrico per fare una sorta di scrub alla vasca da bagno. Dovete insistere soprattutto sulle zone macchiate. Lasciare agire da 15 minuti a 1 ora e risciacquare. Se la vasca è molto porosa/sporca lasciate in ammollo anche per diverse ore.

Macchie marroncine (sono macchie organiche come macchie di olio, sangue ecc oppure ruggine). Potete spruzzare/strofinate la macchia sia con il detersivo  per lavaggio normali e lasciare in posa per alcuni minuti oppure con il detersivo+acqua ossigenata 40 volumi oppure candeggina delicata, o in alternativa strofinare con una crema fatta con acido citrico e poco detersivo per piatti a mano, agire per alcuni minuti e risciacquare.

Ricordate sempre che le ricette del blog rappresentano uno spunto per la preparazione delle vostre ricette personali e quindi se volete cambiarle, modificarle, non usare certi ingredienti o aggiungere altri siete liberi di farlo.

Questo perché a volte mi scrivono per informarmi che non si vuole usare questo o quell'altro ingrediente perché magari a qualcuno sta antipatico ecc, direi che questa cosa ha un senso se qualcuno ha dei dubbi ma non sa con cosa sostituirlo e in questo caso posso dare un suggerimento, però se lo scopo è solo quello di avvertirmi lasciate perdere e fatte come volete perché lo scopo è quello di informare però poi ognuno è libero di usare la creatività togliendo/aggiungendo ingredienti, cambiando dosaggi e via dicendo.

Detto questo vorrei sottolineare che le stesse ricette possono essere usate per smacchiare/sbiancare/disincrostare il WC, bidet e lavandino.
Segue ►

Una firma, un appello disperato per impedire la morte di 23 esemplari di Orsi della Luna


Non lasciamoli morire!! 

Ventitré orsi rinchiusi in una fattoria della bile illegale nella baia di Halong, in Vietnam, stanno per morire e per questo la Animals Asia chiede il nostro aiuto. Dobbiamo solo firmale la loro lettera per chiedere la chiusura della fattoria di Cau Trang e l’affidamento degli orsi alle cure di Animals Asia.

I loro veterinari sono riusciti a entrare nell’allevamento e hanno documentato una realtà scioccante: orsi denutriti, con ferite aperte, gravi patologie agli occhi e ai denti, arti amputati e da quando hanno messo piede nella fattoria di Cau Trang, lo scorso novembre, altri quattro orsi sono morti.

La Animals Asia sta facendo tutto il possibile per ottenere la chiusura di questo allevamento e nella loro riserva c'è abbastanza spazio per accogliere e prenderci cura di tutti i 23 esemplari in pericolo di vita.

BASTA UNA FIRMA!!! Gli orsi non hanno molto tempo. Dobbiamo tirarli fuori ora e per farlo abbiamo bisogno del tuo aiuto. Firma la lettera adesso e aiutiamoli a portare gli animali fuori da quell'inferno.

Per firmare clicca qui
Segue ►

17 gennaio 2015

7 alimenti che combattono i sintomi della gastrite e ulcera.


a) Biscotti integrali: chi soffre di gastrite e ulcera deve evitare di rimanerci a stomaco vuoto, quindi ogni tanto bisogna mangiare in biscottino integrale che tra l'altro non irrita le pareti dello stomaco.

b) Infuso di finocchio: beve diverse volte al giorno e soprattutto 10 minuti prima dei pasti. Questo infuso è un calmante regolatore delle finzioni non solo dello stomaco ma di tutto l'apparato digerente. Potete prepararne un bel po', versare in un thermos e portare a lavoro, oppure portare dei sacchetti.

c) Frutta non citrica come la mela matura, pera, banana, papaya (ottima per proteggere e calmare lo stomaco), mango maturo ecc. La frutta citrica come ananas, arancia ecc vanno mangiate solo se sono molto mature.

d) Succo di Aloe Vera: cicatrizzante e calmante e cura le ferite dello stomaco. Da bere soprattutto a digiuno (50 ml).

e) Latte e yogurt di soia

f) Radicchio, cicoria e cavoli meglio se cotti al vapore

g) Verdura lessata

Da dimenticare:

fumo, alcol, condimenti acidi e/o grasso, non consumare o diminuire molto il consumo di carne soprattutto la carne grassa (fatte un test e smettete di mangiare almeno la carne di manzo per 1 mese e vedrete il quanto la carne effettivamente appesantisce), bevande gassate, zucchero bianco, alimenti molto caldi, fast food, alimenti piccanti o salati, frutta citrica quando ancora abbastanza acida e latte (aiuta a produrre acido e quindi bruciore nonostante l'iniziale sollievo)

Mangiare piano ed evitare il digiuno.

Questo testo ha solo scopo informativo, non sospendete i farmaci e nemmeno le cure mediche. Per maggiori informazioni cercate il vostro medico.
Segue ►

15 gennaio 2015

Come pulire in fretta il piano cottura in acciaio


A volte non bisogna pulire a fondo il piano cottura o perché non è cosi sporco oppure perché non abbiamo proprio il tempo per farlo però bisogna pulirlo al meno quello che basta per "rispetto del decoro"

Quindi avete bisogno di una spugna, un panno spugna o spugna samba e aceto bianco

Spruzzare il piano cottura con aceto, strofinare leggermente con il panno spugna o spugna samba togliendo anche qualche residuo di cibo, risciacquare con la spugna bagnata e asciugare.


Segue ►

14 gennaio 2015

Tonico astringente e purificante per la pelle acneica e grassa


Questo tonico è facile da preparare ed è efficace per purificare la pelle grassa e la pelle acneica. va usato ogni giorno prima di andare a letto oppure due volte al giorno.

Ingredienti

1/2 bicchiere di soluzione fisiologica o tè bianco
1 cucchiaino raso di argilla (la migliore è l'argilla rassoul però potete usare altri tipi di argilla)
2 gocce di OE di geranio

Mischiare bene l'olio nell'argilla e quindi versare la soluzione fisiologica o il tè e mischiare
Aspettare il tempo necessario per far precipitare l'argilla (si depositerà nel fondo del bicchiere), quindi prendete un dischetto o batuffolo di cotone, saturatelo bene con il liquido e passatelo sul viso. Se la vostra pelle è molto irritata non bisogna strofinate ma soltanto appoggiare il cottone su ogni punto del viso per alcuni secondi.
 
Un altro modo per usare il tonico: bagnare una garza medica e quindi appoggiarla sul viso per alcuni minuti.

Lasciare asciugare.

La soluzione sarò più efficace se aggiungete 1 goccia di OE di eucalipto

Se avete una tendenzialmente pelle allergica  mettete 1 goccia di tonico sul viso e una goccia sul polso e aspettate alcuni minuti. Non usare in caso di prurito e arrossimento. In questo caso usate solo l'argilla e il tè o la soluzione fisiologica.

Per complementare l'azione purificante della ricetta cercate di mangiare alimenti come la papaya, le carote e le mele per purificare la pelle e anche tanta acqua.


Segue ►

13 gennaio 2015

Sgorgante fai da te con acido citrico


Questa ricetta l'ho inventata/testata proprio oggi ed è stata la salvezza per lo scarico della vasca da bagno, appena l'ho utilizzata il tappo se n'è andato e finalmente l'acqua scende senza creare l'odiosa pozzanghera mentre uno si fa la doccia.

Ingredienti:

acido citrico (dove si compra: internet,
bicarbonato
sale grosso
da 4 a 5 litri di acqua bollente.

Ho messo sul tubo circa 1/2 bicchiere di acido citrico, 1/2 di bicarbonato e 1 di sale grosso quindi ho versato l'acqua bollente.

Ha fatto un rumore pazzesco comunque ho aspettato alcuni minuti e ho aperto il rubinetto per fare scorrere un po' d'acqua e devo dire che andava giù senza problemi.

Di solito uso l'aceto e non l'acido citrico però il vantaggio dell'acido citrico è che essendo una polvere non inizia a reagire subito con il bicarbonato come invece lo fa l'aceto e quindi si ha un po' di tempo in più per versare l'acqua, inoltre come i due ingredienti  reagiscono solo quando si versa l'acqua bollente l'effetto è molto più intenso rispetto a quando si usa l'aceto.

Quindi testata ed approvata.

acido citrico: dove si compra? internet,negozi e supermercati biologici, alcune erboristerie, negozi che vendono prodotti per la produzione del vino, alcuni vivai e ingrosso per pasticceria.
Segue ►

Maschera viso schiarente e anti macchie


Questa maschera mantiene uniforme il colore della pelle e se usata in modo costante evita la formazione delle macchie scure e schiarisce quelle esistenti.

Avete bisogno di:

1 cucchiaio di piselli
farina di frumento
Latte di riso (quello del supermercato va bene)

Mettere i piselli in un pentolino (di preferenza smaltato), coprirli con latte di riso e cuocerli a fiamma dolce aggiungendo un po' di latte durante la cottura se necessario. Quando i piselli saranno morbidi lasciate raffreddare.

Passare i piselli bolliti con il latte in un colino o canovaccio di cottone pulito schiacciando (o strizzando) i piselli per raccogliere bene tutto il liquido (dovrà rimanere solo la massa secca sul canovaccio o colino).

Fare una crema morbida mischiando poco frumento alla volta al liquido di latte e piselli.

Aspettare alcuni minuti e spalmare la crema sulla pelle.

Lasciare agire per 20 minuti e risciacquare.

Questa crema ha un delicato potere sbiancante.


Segue ►

11 gennaio 2015

Come profumare i vestiti con la soda da bucato profumata


Il bucato profumato è sempre un piacere e nonostante la quantità di detersivi che troviamo in giro c'è da dire che quel buon profumino vintage che ricorda la nonna piace un po' a tutti.

La soda da bucato è uno di quei classici prodotti antichi che riportano a tempi passati però anche se continua ad essere molto utile contro le macchie, il grasso e il calcare comunque è priva di profumo.

Per renderla profumata è molto semplice:

Mettere 100 gr di soda in un frullatore e 2 gocce di OE di lavanda + 2 gocce di OE di bergamotto per un odore fresco, oppure 2 gocce di OE di lavanda + 2 gocce di OE di patchouli o sandalo per una profumazione più dolce.... insomma la combinazione di oli deve essere scelta secondo i gusti personali. Di solito i normali profumi usano note di bergamotto, muschio, lavanda, cedro, verbena, geranio, arancio, ecc per in buon odore di fresco e pulito.

Un consiglio: dopo che avete frullato non dovete aprire subito il coperchio del frullatore per non respirare la polvere, lasciate in riposo per 1 minuti e aprite.

Quando avete frullato un bel po' (se il frullatore fa fatica togliete la polvere, mettetela in un barattolo di vetro o plastica e riempite il frullatore per continuare l'operazione).

La stessa operazione può essere usata per preparare del bicarbonato profumato.
Segue ►

Come profumare in modo veloce e uniforme il talco fai da te


Il talco fai da te è realizzato con amido di riso (e non il classico talco che è un minerale chiamato esteatite) una sostanza molto più sana rispetto al classico talco.

Alcune persone però hanno difficoltà di ottenere il talco omogeneamente profumato nel senso che per fare il talco bisogna inserire alcune gocce nel barattolo con amido e girare per cospargerlo però a volte alcune parti rimangono troppo impregnate e altre quasi prive di profumo.

Un modo per rendere il profumo perfettamente uniforme è quello di versare 3 o 4 cucchiai di amido di riso in un frullatore, aggiungere 1 o 2 gocce di OE di lavanda (o altro) e frullare, quindi aggiungere altri cucchiai di amido e OE e frullare. Quando il frullatore inizierà a fare fatica a girare trasferite il talco in un barattolo di vetro e continuare.

Aggiungere al barattolo, chiudere, agitare e lasciarlo chiuso per almeno 1 settimana.
Segue ►

Idratazione powerful per capelli aridi


Questa idratazione capillare è indicata per capelli secchissimi e stopposi poiché molto idratante. Ottima per capelli afro o trattati chimicamente (tinte, tiraggio, permanente ecc).

Ingredienti:

Panna di soia o classica (una molto buona è quella marchio Alpro Soya che si trova nei supermercati)
Latte di cocco (non l'olio ma il latte) potete trovarlo negli scaffali dei dolci, etnici o mercati etnici

Montare la panna (di soia o classica) e aggiungere la stessa quantità di latte di cocco
Applicare sui capelli umidi, coprire con cuffia della doccia e aspettare circa 30 minuti.
Lavare normalmente

Per i capelli più secchi: potete aggiungere 1 cucchiaio di olio idratante come mandorle, jojoba, lino, avocado, semi di vinacciolo, argan ecc eppure/oppure 1 cucchiaio di burro di karitè.
Segue ►

10 gennaio 2015

Aperiveg e Lotteria benefica organizzata dall’OIPA Milano


APERIVEG ED ESTRAZIONE PREMI LOTTERIA BENEFICA

Per iniziare bene il nuovo anno cosa c’è di meglio di un aperiveg e della possibilità di vincere bellissimi premi aiutando gli animali?

Mercoledì 15 gennaio non mancate all’estrazione dei premi della lotteria benefica organizzata dall’OIPA Milano a partire dalle 18 al San Vittore, in viale Papiniano 16.

Per chi non fosse riuscito a prendere i biglietti, sarà possibile acquistarli fino alle 19.30 direttamente presso il locale

Per ulteriori informazioni: http://www.oipa.org/italia/appuntamenti/gennaio_lotteria.html
Segue ►

09 gennaio 2015

Il Viaggio di Sammy: un bellissimo viaggio da fare insieme a questo ragazzo speciale


Un argomento del tutto novo per noi: trasmissioni televisive.....

Purtroppo ultimamente siamo sommersi di brutte notizie, persone che uccidono, sparano, sciacalli politico che se ne approfittano dalla disgrazia altrui per acchiappare voti dicendo cavolate in TV, programmi che sono al limite del bullismo, reality che passano messaggi spesso negativi ecc.. però in mezzo a tutta questa robaccia per fortuna c'è qualcosa che si salva.

Un programma molto interessante e che passa non solo un bel messaggio ma che fa proprio sorridere è il documentario fatto dalla National Geographic (Nat Geo People) chiamato "Il Viaggio di Sammy".


Sammy è un ragazzo veneto di Tezze sul Brenta affetto da una malattia genetica chiamata Progeria che provoca invecchiamento precoce e malattie correlate all'avanzata età. Questo ragazzo nonostante la sua malattia conduce la sua vita come un qualunque ragazzo di 18 anni però la caratteristica che lo contraddistingue è la sua grande positività, la sua energia e anche la sua bontà.

Sammy riesce proprio a farci riflettere, a farci pensare e a volte a vederci anche come dei ridicoli poiché spesso ci facciano tanti problemi, ci lamentiamo per la minima cosa anche se abbiamo tutta la capacità del mondo per affrontare la vita, lui che ha una malattia cosi limitante e degenerante affronta la vita in un modo coraggioso e con molta dignità.

Anche i genitori di Sammy sono persone speciali un po' come tutti i genitori che seguono i figli che magari hanno bisogno di attenzioni speciali, sono persone che abbandonano sé stessi per compiere magari uno dei più grandi gesti di amore del mondo cioè la dedizione di un genitore per un figlio bisognoso. Insomma non c'è come non essere solidale con i genitori del ragazzo Sammy, sentire tristezza quando la mamma rivela le sue preoccupazioni e quando si vede che il papà a volte non ha goduto più di tanto il viaggio perché troppo concentrato sulle necessità del figlio.


Assieme a loro c'è anche Riccardo il miglior amico di Sammy che secondo me rappresenta un bellissimo esempio contro il bullismo che esiste nelle scuole e non solo.


Sammy aveva un sogno cioè viaggiare negli USA e fare la famosissima e bellissima (e aggiungerei: meravigliosa) Route 66 che collega Chicago a Santa Monica e in mezzo c'è tutto un paesaggio fantastico da vedere con tutta la storia che caratterizza questa strada. Se avete l'opportunità di fare questo viaggio andate perché è unico!!!


Sammy ha conosciuto anche tanti personaggi interessantissimi che secondo me sono amati da tanti ragazzini e non solo....

Sammy con la sua simpatia ci fa davvero vivere questo viaggio assieme a lui: si ride, si riflette, si impara..... insomma è coinvolgente inoltre si conosce di più questa malattia, come viene affrontata ecc.

Ovvio che piacere o meno un programma è una cosa molto personale, a me questo documentario mi è piaciuto tantissimo e il messaggio che mi è arrivato è molto positivo soprattutto in questo periodo in cui sembra che la negatività sia all'ordine del giorno.

La nuova avventura di Sammy è l'Università... lui si è iscritto a Fisica ed ha scelto l'Università di Padova (un corso molto facile). Io auguro a Sammy tutto il bene di questo mondo e molto successo nella sua carriera universitaria e tanta forza e coraggio ai genitori ovviamente.

Chi ha sky on demand può scaricare le puntate, altrimenti si può vedere la programmazione futura o se ci sono gli episodi on line.
Segue ►

08 gennaio 2015

Trattamento a caldo per i piedi per combattere secchezza e screpolature profonde


Questo trattamento è inspirato a quello che viene fatto da alcuni centri estetici cioè il trattamento alla paraffina. Le differenze è che in questo caso non verrà usata la paraffina ma il burro di karitè e l'altra è che il trattamento è a "due fasi".

Avete bisogno di
1 cucchiaio di burro di karitè
2 cucchiai di cera di carnauba o cera d'api
1/2 cucchiaio di olio di avocado
10 gocce di olio essenziale di cedro

Mettete la cera in un pentolino a bagnomaria e scioglietela, quindi aggiungete  l'olio  di avocado e mischiateli bene. Versare la miscela in un contenitore di ceramica e lasciare raffreddare ed indurire. Attenzione (achtung) non dovete versare la cera fusa sui vostri piedi altrimenti vi toccherà andare dritto verso il pronto soccorso visto che la tenperatura di fusione della cera è di circa 60 gradi!!!



Sciogliere il burro di karitè a bagnomaria (la temperatura varia dai 32 ai 45 gradi e se avete un termometro da cucina per misurare la temperatura giusta è meglio perché dovete usare il prodotto caldo ma è ovvio che la temperatura deve essere sopportabile). Raggiunta la fusione aggiungere l'olio di cedro.
 
Mischiate, mettete i vostri  piedi in una bacinella vuota per evitare che il burro cada sul pavimento, e applicatela non solo sulla pianta ma su tutto il piede

Prendete la vostra cera ormai tiepida, metteteci una noce sulla mano e quindi massaggiate bene i vostri piedi. Ungeteli con abbondante cera, non bisogna risparmiare soprattutto sui talloni.


Avvolgeteli con asciugamano asciutto o con calza di lana.

Aspettare anche 30 minuti magari mangiando i popcorn davanti alla TV. A questo punto basterà strofinare i piedi con l'asciugamano per togliere l'eccesso (se ci saranno).

L'OE di cedro è indicato per trattare le screpolature e per combattere la stanchezza ma non riuscendo a trovarlo potete usare l'OE di eucalipto, o menta piperita o cipresso. Per on solo idratare ma anche combattere i cattivi odori potete aggiungere 5 gocce di OE di canfora. 



Segue ►

07 gennaio 2015

Planning per organizzare la stiratura e ordinare gli accumuli


Stirare non è proprio un'attività piacevolissima da fare però quando i panni iniziano ad accumularsi e i cassetti si svuotano bisogna darsi da fare.

Comunque per cercare di evitare gli accumuli o almeno organizzare la montagna di panni è possibile ricorrere ad un planning con organizzazione per giorni e per tipologia di vestiti.

Come ognuno organizza la stiratura in modo diverso: c'è chi stira tutto e chi stira solo il necessario (io ad esempio stiro soltanto i vestiti da lavoro e da passeggio ad esempio) nel planning avete 4 spazi dove scrivere/dividere i vestiti da stirare in un determinato giorno.

Ad esempio: lunedì:

Vestiti da Passeggio: 2 jeans, 1 blusa, 1 felpa
Vestiti da Lavoro: 2 gonne, 1 camicia

E via dicendo.

Non bisogna necessariamente stirare ogni giorno anche se i fogli sono divisi appunto per giorni della settimana.

Per scaricare/stampare il link è questo

QUI

Oppure sulla nostra pagina "stampabili"
Segue ►