AGGIORNAMENTO PAGINE: 7/12 Appuntamenti; 29/11 Adozione; 29/11 Solidarietà a 6 zampe; 29/11 BAUMIAO Anziani; 29/11 SOS Adozione Urgente; 13/10 Macchie; 15/09 Stampabili; 15/08 FAQ.

.


Trova quello che ti serve...

Caricamento in corso...

22 dicembre 2014

Depenalizzazione dei reati contro gli animali: aderisce alle proteste contro questa decisione


Ecco un'altra bella perla sparata dei politici per chiudere in bellezza quest'anno e aprire in meraviglia il prossimo: la depenalizzazione dei reati contro gli animali.

Secondo un nuovo Decreto Legislativo da essere approvato i reati che rientrano nel limite massimo di 5 anni di reclusione non sarebbero punibili e quindi visto che le pene per i reati contro gli animali sono ridicole tante personcine per bene si sentirebbero libere di massacrare gli animali visto che non verrebbero punite.

La Federazione Italiana Associazione Diritti Animali e Ambiente ha proposto una mail bombing su governo e Parlamento per dire no alla depenalizzazione dei reati contro gli animali, inoltre convoca una manifestazione nazionale per il 24 gennaio

Saranno felici gli imbecilli che organizzano gare di combattimenti con animali, chi si diverte a torturare il proprio animale, chi li abbandona, chi crede che un animale solo perché è un animale non deve essere considerato visto che nel mondo c'è gente che muore di fame (come se gli animali avessero una colpa) però uno non pensa alla gente morta di fame quando compra prodotti fatti con lavoro schiavo o con lo sfruttamento di minori dei paesi poveri, anzi si inca**a pure se questi scappano dalla povertà e vengono in Europa!!! Insomma questa legge farà comodo a tutti gli egoisti magari in apparenza tanto santarellini che purtroppo non hanno imparato che il mondo è fatto per tutti e non solo per gli esseri umani e poi addirittura non sanno perché questo mondo sta andando veramente a putBIP per colpa delle azioni irresponsabili fatte non degli animali ma del piccolo esserino con manina da lucertola e con strane manie di narcisismo chiamato essere umano ....

Aderire al mail bombing è semplice: è sufficiente andare sul sito della LAV dove è disponibile un modulo online per inviare l’email di protesta.

Segue ►

Decorazione natalizia economica fatta con busta del pane e barattolo


Questi sono i lavoretti dei bimbi qui di casa che quest'anno sono particolarmente creativi (più di me) e si sono messi a fare la loro decorazione natalizia con quel che trovano in giro:

Ecco due loro creazioni molto interessanti perché facili da fare ed economiche:


Questo porta candele è stato fatto con un barattolo di vetri, colla calda e pout pourri made in ikea

Hanno dipinto il barattolo con degli smalti per le unghie, poi hanno incolato qualche puot pourri nella parte iniziale del vetro, poi l'hanno appoggiato su un piattino con ulteriore decorazione intorno quindi è stata inserita la candelina all'interno.

 Questo cestino è stato fatto con la busta del pane che è stata arrotolata, dipinta con degli smalti, poi hanno messo qualche pout pourri e i loro dolcetti. Facile da fare e i bimbi sono orgogliosi.




Magari non sono oggettini carini come quelli comprati nei negozi ma comunque sono personalizzati e fatti con tanta creatività e originalità.

Segue ►

21 dicembre 2014

Macchie vecchie, indurite e collose: come disincrostare il tessuto e cancellare la macchia



Se avete macchiato un tessuto però vi siete dimenticati di lavarlo e quindi si è creata una vera "placca di sporco" sul capo di abbigliamento allora seguite questo passo passo per cercare di disincrostare il vostro indumento:

  1. Strofinare la macchia con glicerina (farmacia, parafarmacia e alcune erboristerie) e lasciare in posa per alcuni minuti
  2. Preparare una papetta morbida fatta con bicarbonato e maizena o fecola di patate in parti uguali + acqua saponata con sapone di marsiglia (prendere una spugna inumidita e strofinarla nel sapone di marsiglia finché si formi una bella patina, inumidire ulteriormente la spugna e strizzarla raccogliendo l'acqua biancastra finché l'acqua esca quasi limpida, ripetere l'operazione se necessario). Coprire la macchia con questa papetta smacchiante e lasciare in posa per un minimo di 1 ora. In alternativa: mischiare il bicarbonato + amido con detersivo per piatti a mano biologico o ecocompatibile con un pochino d'acqua q.b per preparare la papetta smacchiante.
  3. In alternativa al punto "2" potete usare la pasta di marsiglia inumidita sulla macchia
  4.  Mettere il capo in ammollo in acqua fredda+aceto bianco (1 tazzina di aceto per 2 litri d'acqua). Ammollo per 1 ora
  5. Fare un ulteriore: Se il capo è bianco: ammollo in acqua bollente+percarbonato+acqua saponata con sapone di marsiglia (vedere il punto "2" per capire come prepararla) oppure il vostro detersivo per il bucato (1 tazza di acqua saponata o 1 cucchiaio raso di detersivo e 1 cucchiaino di percarbonato per litro d'acqua). Se il capo è colorato o scuro non usare il percarbonato ma semplicemente sale grosso al posto del percarbonato
  6. Mettere in lavatrice e lavare con il vostro detersivo o con sapone di marsiglia:
 Alcune ricette utili per il punto "5":

http://vivereverde.blogspot.it/2012/04/sapone-di-marsiglia-in-lavatrice-un.html
http://vivereverde.blogspot.it/2013/05/sapone-di-marsiglia-al-posto-del.html
http://vivereverde.blogspot.it/2010/07/detersivo-fai-da-de-per-la-lavatrice.html




Segue ►

Detersivo fai da te "senza misure" per pulire a fondo la vasca da bagno


Questo non è un detersivo fai da te ma un "aggiungi e via". Non c'è una ricetta o un passo passo ma trattasi di un processo un po' più intuitivo.

In pratica si mette un bel po' di bicarbonato nella vasca da bagno, qualche goccia di detersivo per piatti biologico o a basso impatto in angoli diversi della vasca, poi si prende una spugna da cucina inumidita e si strofina tutta la vasca (si fa una specie di scrub), con la stessa spugna si strofina il(i) rubinetto(i), si aspettano alcuni minuti.

Poi si inumidisce la spugna con un bel po' di aceto bianco o succo di limone oppure una soluzione concentrata fatta con acqua e acido citrico (oppure la polvere di acido citrico messo direttamente nella vasca) e si strofina nuovamente sia la vasca che i rubinetti aggiungendo altro bicarbonato se necessario, quindi si aspettano alcuni minuti e si risciacqua per bene.

Potete aggiungere o sostituire il detersivo con acqua ossigenata 40 volumi (quella cremosa cosmetica) oppure sostituire il detersivo con la candeggina delicata (uno sbiancante).

 Potete anche aggiungerci altri ingredienti come la soda solvay o il percarbonato per fare lo "scrub di pulizia" oppure aggiungerci dell'alcol rosa o bianco insieme all'aceto o al posto dell'aceto.

Segue ►

20 dicembre 2014

Acqua di riso integrale per avere capelli e pelle sani e luminosi


Il riso integrale contiene l'orizanolo e l'acido ferulico che sono antiossidanti e quindi combattono i radicali liberi, inoltre l'acido felurico è un fotoprottetore e appunto aiuta a proteggere la pelle e i capelli dai raggi  UV.

Il riso integrale è ricco in Niacina (vitB3) e inositolo che aussilia il metabolismo di minerali importanti come il calcio ad esempio.

Comunque possiamo trarre benefici di questo alimento non solo ingerendolo ma anche usandolo come tonico di bellezza.

Molte donne orientali usano l'acqua di riso quando lavano il capello per mantenerli robusti, lunghi e sani poiché l'acqua di riso ha la capacità di riparare i capelli danneggiati, proteggere e mantenere il colore dei capelli (che sia naturale o meno), ammorbidire e lucidare.

Per la pelle l'acqua di riso stimola la produzione del collagene mantenendo l'elasticità della pelle e stimolando la rigenerazione dei tessuti e la riduzione delle cellule morte, inoltre combatte le macchie e schiarisce la pelle.

L'acqua di riso integrale e biologico stabilizza stomaco e intestino combattendo l'acidità e la diarrea.

Como si prepara l'acqua di riso:

1 bicchiere di riso in una ciotola di vetro o pirex, coprire con acqua minerale bollente
Girare un attimino con cucchiaio di legno, chiudere con coperchio o canovaccio e lasciare riposare per alcune ore o anche fino al giorno dopo

Filtrare e mettere l'acqua di riso in uno spruzzino dedicato ai cosmetici oppure in un barattolo di vetro di preferenza scuro.
Da usare entro 48 ore



Una ricetta per pelli sensibili e irritate:

5 cucchiai di acqua di riso
2 cucchiai di acqua di rosa (rosa damascena e/o rosa canina)
1 cucchiaio di infuso alla malva
maizena q.b per formare una crema fluida

spalmare sul viso e lasciare asciugare bene (indurire)
risciacquare

Un altro modo molto per usare l'acqua di riso è abbinarla all'acqua di rose. Per primo si bagna un dischetto di cottone con l'acqua di rose, si passa sul viso, si aspetta un attimino e poi si fa la stessa cosa con l'acqua di riso. Cosi si tonifica, si lenisce, si rivitalizza e si uniforma il colore della pelle.


Il testo ha scopo informativo, per altre informazioni consultate il medico
Segue ►

19 dicembre 2014

Combattere l'umidità negli armadi con sale grosso e bicarbonato



A volte l'umidità negli armadi, guardaroba e cassetti è cosi intensa che contribuisce alla comparsa della muffa. Per combattere l'umidità un modo veloce è quello di posizionare una scatola di sale grosso ed una di bicarbonato nell'armadio.

Dovete bucherellare la parte superiore della scatola con un ago o spillo poiché i buchi devono essere piccoli per evitare che le polveri (soprattutto il bicarbonato che è più fine) fuoriesca.



Posizionate le scattole e quando vedete che sono gonfie fatte il cambio.

Ci sono alcune scatole di bicarbonato in cui la polvere viene messa direttamente nella scatola stessa e non nel pacchettino di carta, cercate di acquistare  le scatole in cui la la polvere viene messa direttamente e se non mi sbaglio la potete trovare ad esempio nel LIDL.

Potete usare anche la soda solvay ed anche meglio perché riesce ad assorbire l'umidità/acqua in modo ancora più ottimale.

Quando l'umidità e muffa è generalizzata:

http://vivereverde.blogspot.it/2012/11/stanze-e-cantine-ammuffite-e-umide.html
http://vivereverde.blogspot.it/2010/06/calce-contro-lumidita-eccessiva-e-muffa.html
Segue ►

Macchie/incrostazioni di calcare antiche e spesse sul box doccia



Se le macchie sono molto stese e sulle paretti del box doccia conviene passare il prodotto/sostanza anticalcare e lasciarla agire per un bel po' di tempo. Il problema è che il prodotto tende a scivolare via visto che la superficie è in verticale.

Comunque la parola magica per questo tipo di problema è: ammollo


Quando l'incrostazione è vecchia e soprattutto raggiunge un certo spessore è inutile strofinare e strofinare ancora perché si fa solo fatica visto che il calcare ha bisogno di tempo per sciogliersi dunque il segreto è: usare il prodotto, aspettare e lavare!!!

Quindi per raggirare il problema dello scivolamento del detersivo fatte in questo modo:

Spruzzate il vostro box doccia con aceto bianco o con detersivo fai da te fatto con 2 parti di aceto, 1 di acqua e 20 ml di detersivo per piatti a mano bio o a basso impatto per ogni 500 ml di liquido (acqua e aceto). Mischiare, spruzzare e strofinare con una spugna. Un altro esempio di detersivo fai da te è questo QUI

Prendete delle strisce di cotone e appoggiateli sulle incrostazioni che saranno bagnate e quindi il cotone si attaccherà alla superficie. Spruzzare il cotone con ulteriore aceto bianco (se il cotone non si era attaccato alla superficie con un'ulteriore spruzzata di aceto rimarrà al posto suo.

Lasciare in posa il maggior tempo possibile

Risciacquare bene; strofinare con una spugna leggermente insaponata se necessario.

Per i solchi, rientranze e vie di scorrimento incrostate: preparare una crema fatta con bicarbonato o soda solvay (o metà metà) + detersivo per piatti biologico o a basso impatto, mettere su uno spazzolino, strofinare la superficie considerata e lasciare in posa per il maggior tempo possibile. Risciacquare bene.

Se non avete il cotone potete usare della carta assorbente ecologica come ad esempio l'Eco carta Lucart
Segue ►

18 dicembre 2014

Consiglio per gli acquisti: Rosa Tonico "Negozio Leggero" alla Rosa Damascena e Rosa Canina





Vorrei consigliarvi questo prodotto molto semplice però allo stesso tempo molto efficace e piacevole: Il Rosa Tonico del "Negozio Leggero".

Per chi non conoscesse il Negozio Leggero trattasi di un negozio dove tutto si vende ad spina che siano alimenti, detersivi, oli vari come argan e lino ad esempio e cosmetici e in molti casi basta riportare il barattolo (come nel caso del tonico) per riempirlo e pagare di meno.

Ci sono tantissimi prodotti biologici ed ecologici.

Questo tonico è molto rinfrescante ed è piacevole passarlo in faccia per tonificare e pulire la pelle del viso e combattere i segni della stanchezza. Io lo uso dopo la doccia e prima di andare a letto (e poi spalmo un pochino di burro di karitè soprattutto intorno ad occhi e bocca).

Gli ingredienti di questo tonico sono:

acqua, rosa damascena, rosa canina, malva, camomila, acido citrico , sodium anisate.

Senza coloranti, PEG e profumo (anche se un profumino di rosa c'è ed è molto piacevole)

Ho pagato 6,90 euro circa però portando la bottiglietta da 200 ml pagherà circa 5,90 euro.

Fatto in Italia a Rivoli-Torino


Il sito del negozio: http://www.negozioleggero.it/
Segue ►

Consiglio per gli acquisti: Aceto di alcol "Aceto&Più"

Per me l'ingrediente "principe" per le pulizie ecologiche e per l'autoproduzione dei detersivi è l'aceto però sapiamo che l'aceto ha il suo odore caratteristico e pungente.

Comunque come ho già scritto un'altra volta l'aceto di alcol (e non di vino) ha un odore meno intenso, più sopportabile e tende ad assorbire al meglio l'odore delle erbe o degli oli essenziali e quindi è più indicato per fare l'aceto aromatizzato.

Questo aceto dell'immagine si chiama Aceto&Più e l'ho comprato al discount Todis a 59 centesimi per 1 litro.

Questo aceto è efficace quanto gli altri aceto per quanto riguarda il potere sgrassante, anticalcare, smacchiante ed elimina odori.

Tempo fa avevo parlato di un altro aceto di alcol e se non avete visto il link è questo QUI
Segue ►

17 dicembre 2014

Macchie bianche di sapone (chiazze) o di detersivo sui tessuti scuri e jeans



A volte quando e se usiamo sapone di marsiglia, sapone a panetto o detersivo per bucato (soprattutto in polvere) in abbondanza con lo scopo di cancellare le macchie o per il normale lavaggio possono formarsi macchie (chiazze) bianche sui tessuti scuri/jeans.

Per toglierle è necessario tamponare le macchie con abbondante aceto bianco di preferenza tiepido e lasciare in posa per almeno 1 ora e quindi risciacquare con acqua calda.


Segue ►

Macchia di caffè o di caffè latte (anche latte di soia)


  • Mettere un asciugamano o straccio assorbente sotto la zona di tessuto macchiata
  • Tamponare con abbondante aceto bianco e se il tessuto è bianco tamponare ulteriormente con acqua ossigenata 40 volumi (quella cosmetica) oppure con candeggina delicata
  • Lasciare in posa per almeno 15 minuti e quindi coprire la macchia con bicarbonato e quindi versare dell'aceto q.b per bagnare/sciogliere il bicarbonato
  • Aspettare almeno 15 minuti e quindi risciacquare per togliere il bicarbonato e quindi lavare a mano strofinando la macchia con sapone di marsiglia oppure in lavatrice con detersivo a 50 gradi.
Segue ►

16 dicembre 2014

Come allontanare le lumache dal giardino e altri ambienti


Una ricetta molto efficace è quella di cospargere il giardino con i fondi di caffè poiché è un repellente naturale per le lumache senza ucciderle.

Questo metodo sarà ancora più efficace se mischiate i fondi di caffè con circa la stessa quantità di tabacco.

Questa ricetta è efficace per combattere anche le formiche

Nei garage o capanno: l'umidità delle pareti attrae le lumache quindi per allontanarle bisogna combattere appunto l'umidità ed ecco un metodo molto efficace:

http://vivereverde.blogspot.it/2012/11/stanze-e-cantine-ammuffite-e-umide.html
Segue ►

15 dicembre 2014

Vestitino di jeans riciclato per i nostri amici a 4 zampe: modello e passo passo

 
È Natale  ma non solo per noi ma anche per gli adorabili 4 zampe e perché non fare un bel regalino anche per loro???

Se siete bravi con aghi e filo potete fare questo vestitino in jeans riciclato e vedrete che il vostro amico farà un figurone!!


Per il modello con passo passo cliccate QUI
Segue ►

Come trattare le macchie di muffa rossastra (o di altri colori) sui tessuti


La muffa di colore un po' rossastro (marrone rossastro) viene cancellata più facilmente se trattata con un ingrediente un po' "inusuale" cioè la farina di mais o polenta.

Per procedere si fa in questo modo: si immerge in tessuto ammuffito in acqua bollente, farina di mais, sale grosso, soda solvay (soda da bucato) e pezzettini di sapone di marsiglia o detersivo per piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale. Per ogni litro d'acqua: 1 tazzina di caffè di farina e la stessa misura di sale grosso e soda solvay per 10 gr di sapone o 1 cucchiaio di detersivo.

Ammollo per 1 giornata e lavaggio in lavatrice con il vostro detersivo o sapone, 1 cucchiaio di sale grosso e 1 cucchiaio di percarbonato (sbiancante all'ossigeno attivo). Temperatura: 50 gradi per panni bianchi o 40 per colorati. Misure per 3 kg di bucato.

Nonostante questa ricetta sia indicata per cancellare la muffa rossa potete provarla sulle macchie di muffa nera, verde o marrone.


Segue ►

Acqua di lavanda per profumare la casa e il bucato e come usarla con la per scopa a vapore


L'acqua di lavanda da non confondere con l'olio essenziale di lavanda è molto piacevole e può essere usata per profumare la casa e il bucato. Può essere usata anche per profumare l'acqua della scopa a vapore (vaporella ecc).

Per la scopa a vapore potete agire/scegliere di usare l'acqua di lavanda in due modi:

a) inserire 1 cucchiaio di acqua di lavanda nella vaporella
b) mettere 1 cucchiaino di acqua di lavanda o spruzzare un po' di acqua di lavanda direttamente per terra man mano procedete con le pulizie e quindi passarci sopra il vapore. In questo modo non dovete inserire nulla nella vaporella.

L'acqua di lavanda ha comunque altri usi

  • Bagnare un fazzolettino di tessuto e mettere in mezzo al bucato nel cestello della lavatrice o della asciugatrice per profumare il bucato
  • Spruzzare la lavastoviglie prima di avviare il ciclo di lavaggio
  • Mischiare ad un po' di aceto per pulire il frigo
  • Spruzzare le stoffe: divano, sedie ecc
  • Spruzzare negli spazi esterno per allontanare gli insetti
  • Spruzzare sui caloriferi o su dei sacchetti appoggiati sui caloriferi
  • Spruzzare sui sacchettini dell'armadio
Come realizzare l'acqua di lavanda

1 mazzo di lavanda fresco e di preferenza con fiori chiusi
pezzo di juta
mortaio
2 bicchiere di vodka o alcol FU o alcol per liquore
1 bicchieri di acqua demineralizzata

 In una barattolo mischiare i liquidi
Foderare il mortaio con la juta, appoggiare la lavanda (fiori e qualche cm di gambo)
Pestare la pianta e quindi versare insieme alla juta nel barattolo di vetro
Coprire il barattolo con un panno scuro e conservare in un posto fresco e lontano dalla luce per 1 mese


Aprire il vetro, filtrare ed è pronto. Potete metterlo in uno spruzzino o bottiglia.

Se non avete un mortaio mettete la pianta in una busta di plastica e pressatela con un mattarello. 

Potete aggiungere altri ingredienti come oli essenziali (il bergamotto si sposa bene con la lavanda), oppure bucce di arancia, rosmarino, foglie di eucalipto, cipresso, cannella ecc

Segue ►

14 dicembre 2014

Decorazione natalizia fatta con la busta del pane



Ecco un'altra idea per realizzare una decorazione natalizia originale, economica e veloce:




Avete bisogno di:

Busta del pane
Luci di natale
Un rametto finto o un'altra decorazione
Un disegno natalizio
Colla

Dovete stampare il disegno su carta nera oppure stampare su carta bianca e colorarlo di nero
Prendere la busta del pane e arrotolare il bordo, incollare il disegno, inserire le luci e appoggiare il rametto

E poi basta accendere

Per vedere le foto del passo passo cliccate QUI

Per le immagini natalizie ci sono due modelli: QUI e QUI



Segue ►

13 dicembre 2014

Come calcolare la propria impronta ecologica


by wwf

Sviluppo ecocompatibile, calcolo delle risorse necessarie e disponibili, il ruolo delle Nazioni e soprattuto il nostro!

La nostra "impronta ecologica" è determinante per stabilire il futuro del pianeta e delle nuove generazioni e non solo umane.

Vuoi calcolare la tua impronta ecologica? Allorabasta accedere al sito

http://www.footprintnetwork.org/it/index.php/GFN/page/calculators/

E fare i calcoli....
Segue ►

Soda solvay o percarbonato solidificati: come ripristinarli rapidamente






Può capitare che la soda solvay (carbonato di sodio) o il percarbonato di sodio (sbiancante all'ossigeno attivi in polvere) si impietriscano diventando addirittura un vero e proprio sasso rettangolare.


Questo succede perché queste due sostanze assorbono velocemente e facilmente acqua e umidità quindi ogni singola "polvere" si unisce alle altre creando appunto un grande sasso e questo succede soprattutto  quando questi ingredienti sono conservati in scatole di cartone.

Il problema è che una volta diventata pietra è difficile separare (polverizzare) nuovamente sia la soda che il percarbonato però c'è un modo molto semplice per ripristinarli a polvere senza fatica e senza perdere tempo.

Aprite la scatola di cartone o togliete il prodotto solidificato dal barattolo e mettetelo in una forma o in un contenitore in vetro per microonde (pirex ad esempio). Mettete il prodotto in microonde per 1-2 minuti a 800 Watt, togliete e colpite con un cucchiaio di legno, spatola ecc o meglio ancora: mettete alcuni pezzi alla volta nel frullatore o mix e accendetelo (non respirare la polvere quando avete finito di frullare). Vedrete che diventerà polvere velocemente. In alternativa mettete il sasso in una forma e quindi in forno pre riscaldato a 120 gradi per 5-8 minuti.

Quando riscaldati questi elementi perdono acqua che è la responsabile dell'indurimento per questo diventa facile polverizzare sia la soda che il percarbonato.

Attenzione (Achtung!!!): consiglio di usare la mascherina perché le polvere sono sempre irritanti soprattutto per soggetti allergici. Chi soffre di rinite o allergie gravi deve usare la mascherina. Anche il profumo del prodotto (di solito quelli del supermercati sono profumati) può dare fastidio o provocare allergia quindi via alla mascherina o almeno un pezzo di stoffa davanti a naso e bocca.
Segue ►

12 dicembre 2014

Eliminare le macchie d'acqua dalle scarpe in ecopelle, pelle e cuoio



Prendete una normale spugna da cucina (lato morbido) insaponata con sapone di marsiglia e cospargetela con amido (fecola di patata o maizena) oppure con del lievito per i dolci, inumiditela leggermente e strofinate la macchia.

Lasciare in posa per 10 minuti e risciacquate con uno straccio bagnato con acqua e aceto bianco (meglio se di mele) in parti uguali.

Lasciare asciugare e se necessario idratare con un semplice balsamo o crema per le mani.
Segue ►

11 dicembre 2014

Tante macchie diverse sulla tovaglia: passo passo per cancellare tutte quante


Può capitare che diversi liquidi e cibi (vino, succo, grasso, zuccheri, frutta ecc) vadano a finire sulla tovaglia e poi non si sa bene come fare per cancellare tutte quante con un unico rimedio.

In realtà è difficile che un solo ingrediente possa cancellare tutte le macchie però si può ricorrere ad un passo passo:

a) Bagnare la tovaglia con solo acqua fredda e strofinarla con abbondante sapone di marsiglia (soprattutto sulle macchie di grasso), in alternativa mettere la tovaglia con un pezzo di sapone in lavatrice e selezionare il ciclo veloce o ciclo del risciacquo a freddo e senza centrifuga.

b)Mettere la tovaglia in ammollo in acqua fredda, alcol rosa o bianco, aceto bianco e sale grosso  per almeno 1 ora

c) Mettere la tovaglia in ammollo in acqua bollente, 1 bicchiere di acqua saponata con abbondante sapone di marsiglia (strofinare per diverse volte il sapone con una spugna da cucina umida, poi bagnatela con acqua e strizzatela, quindi inumidirla ed strizzarla nuovamente per far uscire fuori il sapone), 2 cucchiai di bicarbonato di sodio e 2 cucchiai di soda solvay. Se la tovaglia è bianca o di colore chiaro aggiungere anche 1 cucchiaio di percarbonato (sbiancante all'ossigeno attivo). Ammollo per 1 giornata.

d) Lavare in lavatrice con il vostro detersivo e 1 cucchiaio di sale grosso.


Se le macchie di grasso sono molto estese o sono numerose potete aggiungerci un po' di detersivo per piatti a mano biologico o ecologico nell'acqua dell'ammollo del punto "b". Un'altra soluzione è quella di strofinare le macchie di grasso con sapone+amido (fecola, maizena ecc).

L'ammollo del punto "b" o "c" sarà più efficace se aggiungete anche 1 bustina di idrolitina o il succo di 1 limone.



Segue ►