AGGIORNAMENTO PAGINE: 27/10 BAUMIAO Anziani; 15/10 Adozione; 15/10 Adozione Urgente; 13/10 Macchie; 11/10 Adozione; 15/09 Stampabili; 05/09 Appuntamenti; 07/08 Solidarietà; 15/15 FAQ.

.


Trova quello che ti serve...

Caricamento in corso...

31 ottobre 2014

Crema idratante per mobili in legno molto rinsecchiti


Se qualche vostro mobile in legno è cosi rinsecchito da non rispondere ai trattamenti fatti con oli, cere e prodotti specifici allora potete provare a "rianimarli" con il burro di karitè.

Infatti questa ricetta è una specie di "ultima spiaggia" per qui mobili dei cuore visto che il burro di karitè costa!!

La ricetta è questa:

Ingredienti:

1 noce di burro di karitè
2 cucchiai di olio di lino crudo (ferramenta o bricolage)
10 cucchiai di OE di cedro (opzionale)
cera d'api o di carnauba (opzionale)
Panno giallo o flanella

  • Sciogliere il burro a bagnomaria e quindi aggiungere l'olio (gli olii)
  • Lasciar raffreddare e quindi usando la flanella asciutta spalmare la miscela sul legno passando e lucidando allo stesso tempo
  • Lucidare ulteriormente a lavoro finito
  • Finalizzare con una passata di cera di carnauba o cera d'api per dare un effetto lucido e/o protettivo anche se non obbligatorio poiché l'idratazione è già stata fatta quando avete usato la miscela burro+olio
Segue ►

30 ottobre 2014

Invasione di insetti in bagno: a volte il problema proviene dagli scarichi


Se gli insetti non lasciano stare il vostro bagno nonostante questo venga pulito per bene allora vi do questo piccolo consiglio: spesso gli insetti si nutrono dei residui presenti nelle tubature e finiscono per salire in superficie,

Quindi se notate appunto che la "popolazione" di insetti aumenta vale la pena versarci del bicarbonato di sodio nei tubi (lavandino, bidet, vasca e scarichi sul pavimento) soprattutto quando il bagno non viene usato per troppo tempo (magari se non c'è nessuno a casa durante il giorno) e durante la notte.

Altro modo per risolvere il problema è quello di versare 1 volta a settimana 1 o 2 bicchieri di aceto nei tubi (meglio se rosso), aspettare 10 minuti e quindi acqua bollente.


Segue ►

28 ottobre 2014

Granito opaco: come lucidare e rinnovare i piani in granito



Attenzione!!! Mi riferisco al granito e non al marmo!!!

Preparate la seguente miscela:

2 cucchiai di olio di lino cotto (bricolage e ferramenta)
1 cucchiaio di bicarbonato (se la pietra è molto opaca aggiungere anche un po' di soda solvay)


Mischiare fino ad ottenere una miscela fluida ma abrasiva, versare un po' su una spugna umida e insaponata con sapone di marsiglia. Strofinare bene e lasciare in posa per alcuni minuti e risciacquare bene con un panno bagnato.

Versare nuovamente del bicarbonato sul granito, prendere una spugna da cucina e bagnarla con aceto, strofinare il granito passando la spugna in quelle zone dove avete versato il bicarbonato bagnando la spugna con altro aceto se necessario.

Risciacquare con acqua pulita e alla fine con acqua e alcol rosa o bianco (3 parti di acqua per 1 di alcol)
Segue ►

Asciugamani vecchi: come rinfrescarli a fondo


Quando gli asciugamani vengono lavati più volte e soprattutto quando vengono lavati con l'ammorbidente le fibre incorporano residui di detersivi, ammorbidente, additivi, calcare ecc tanto che a volte emanano cattivo odore anche se appena tolti dalla lavatrice.

A questo punto bisogna rinfrescarli a fondo in questo modo:

a) Immergere gli asciugamani previamente puliti in una miscela di acqua bollente e soda solvay (soda da bucato) e lasciare in ammollo per 1 ora o anche 1 giornata. Il trattamento con la soda da bucato serve quando la fibra in questo caso, cioè quando avete la sensazione che l'asciugamano non esca pulito fino in fondo dalla lavatrice oppure quando la fibra è talmente "intrisa" di prodotti di lavaggi (soprattutto gli ammorbidenti) al punto di aver perso la sua capacità assorbente
b) Risciacquare in acqua corrente, o in lavatrice o semplicemente immergerli in acqua pulita
c) Lasciarli in ammollo in acqua e aceto bianco (1 bicchierino da caffè per litro di acqua bollente). Ammollo per 1 ora a 1 giornata
d) Risciacquare molto bene a mano o in lavatrice ed appendere.
e) Potete aggiungere qualche goccia di OE (tipo cedro, lavanda o bergamotto) alle acqua dell'ammollo.
Segue ►

Come sfruttare la miscela aceto+bicarbonato nelle pulizie II


Qui avevo scritto alcune utilità per la casa sfruttando la miscela di aceto e bicarbonato però ci sono ancora tanti altri usi per questo miscuglio "effervescente"

a) Lucidare l'acciaio inox: per dare extra lucentezza all'inox (pentole, ciotole posate ecc) mettere un po' di bicarbonato su una spugna inumidita e quindi strofinate l'oggetto (previamente sgrassato), quindi spruzzare l'oggetto o la spugna con aceto bianco o rosso e strofinare mente "frigge", lasciare in posa per alcuni minuti e risciacquare. Se rimangono segni bianchi basterà strofinare con un po' di aceto. Se volete usare questa miscela per sgrassare a fondo le pentole molto sporche dovete aggiungere un po' di detersivo alla spugna ed eventualmente ripetere l'operazione.

b) Prelavaggio per smacchiare i vestiti in lavatrice: per togliere le macchia più resistenti provate a fare un prelavaggio con bicarbonato e aceto: mettete un po' di bicarbonato sui capi nel cestello, posizionare quindi una pallina del bucato con aceto sempre nel cestello e quindi avviare il lavaggio a freddo e senza centrifuga. Il bicarbonato+aceto si mischieranno e l'effervescenza aiuterà a smacchiare i vestiti.Potete aggiungere 1 cucchiaino di detersivo per il bucato biologico o ecocompatibile per ogni 5 kg di bucato e per questa quantità di bucato 2 cucchiai pieni di bicarbonato per ogni 50 ml di aceto bianco.

c) Smacchiare le piastrelle lucide e fughe: pareti: mettere un po' di bicarbonato su una spugna bagnata e leggermente insaponata con qualche detersivo biologico o a basso impatto ambientale e spruzzare con aceto. Strofinare quindi le piastrelle con questa miscela "effervescente" e quindi strofinare con una spazzola per i piatti se necessario. Pavimento: versare il bicarbonato e il detersivo direttamente sul pavimento (piccoli zone di pavimento alla volta) e strofinare con spugna, quindi spruzzare con aceto e strofinare con spugna o spazzola per i piatti

d) Lucidare i bicchieri opacchi: se i bicchieri sono un po' opachi versate un po' di bicarbonato nel bicchiere e strofinateli dentro e fuori usando una una spugna umida, quindi versare/spruzzare un po' di aceto nel bicchiere e strofinare, lasciare in posa per alcuni minuti e risciacquare bene, usare detersivo se necessario ma di solito non c'è bisogno

e) Pulire a fondo i peluche: Bagnare bene il peluche e quindi strofinarli con abbondante aceto bianco, poi versate del bicarbonato sulla mano e strofinate il peluche, la miscela dovrà friggere. Se volete potete strofinare il peluche con bicarbonato+detersivo per piatti per pulire a fondo. Risciacquare bene.

f) Macchie di pipi di cani/gatti: Strofinare la zona macchiata con una spugna umida+bicarbonato quindi spruzzare con aceto bianco e strofinate, risciacquare con acqua pulita e alla fine con acqua e un po' di alcol.

g) Pulire i pavimenti esterni: versare acqua e bicarbonato sul pavimento e quindi strofinare con una scopa o spazzolone, versare un po' dia aceto bianco qua e là e strofinare bene, risciacquare con acqua pulita o acqua e alcol rosa o bianco

h) Macchie persistenti sulle scarpe da ginnastica: strofinare con bicarbonato+detersivo per piatti a mano o altro detergente delicato biologico o a basso impatto, quindi spruzzare con aceto e strofinare la scarpe sfruttando l'effetto effervescente per togliere le macchie. Risciacquare a mano o in lavatrice

Come dico sempre non abbiate paura di usare il bicarbonato e l'aceto insieme perché a volte questa miscela è ottima per alcuni tipi di pulizia


Segue ►

27 ottobre 2014

Inizia la strage di gatti neri!! Proteggiamo i gatti dagli imbecili di turno



Purtroppo in diverse zone d'Italia molti imbecilli hanno deciso di fare del male ai gatti neri. La Polizia ha scoperto corpi di animali usati nei rituali di chissà che cosa idiota!!!

Nonostante siamo ormai nel 2014 e certe credenze dovrebbero essere belle che sparite nel vortice del nulla c'è ancora qualche demente che insiste a fare del male a queste povere creature.

Io sono sono contraria a nessuna religione o credo anche se non seguo davvero nella però credo che il rispetto per gli animali e per le persone dovrebbe essere obbligatorio per qualunque religione o roba simile!!! Sentire che nel 2014 qualcuno ancora si metta a fare sacrifici usando i poveri animali è una cosa davvero irritante!!!

Sembrerebbe che soprattutto in Umbria hanno trovato diversi rituali di magia nera con l'uso dei gatti neri specialmente a Terni e Perugia quindi se siete di li vale la pena vedere se qualcuno cerca di rubare i povero gatti randagi e no.

Anche a Viterbo e altre zone del Lazio e in Piemonte hanno già trovato qualcosa comunque nessuna Regione è esclusa tanto che addirittura l'Aidaa sta organizzando le ronde per individuare eventuali rapitori di gatti neri e ha messo anche una taglia sulla loro testa. Io tra il 31 ottobre e 1 novembre starò molto attenta perché nella mia zona ci sono i randagi e tra questi uno completamente nero, e voglio vedere se qualche matto disgraziato oserò a fare del male a lui!!!! Nemmeno Belzebù in persona potrà farmi smettere di dargli tanti di quei calci in c*l*!!!

State anche voi molto attenti ai gatti della vostra zona e se avete un gatto nero tenetelo a casa in e non lasciatelo uscire fino al 2 di novembre e faccio appello anche agli addetti delle religioni/credo legati alla Stregoneria ma che non fanno del male agli animali come ad esempio gli addetti della Wicca di restare attenti alla presenza di gatti neri o di rituali con la presenza di gatti nei boschi e chiamate la polizia se necessario li dove non è possibile intervenire...

Notizia su http://www.ilmessaggero.it
Segue ►

Massaggi veloci con Amla per ammorbidire i capelli secchi e duri


Un'altra ricetta per ammorbidire i capelli aridi, spessi e duri: i massaggi con Amla (se non sai cos'è l'amla guarda qui).

In realtà i massaggi con l'Amla possono essere fatti in maniere diverse però è importante che siano comunque veloci perché non sempre è possibile fare impacchi con pose lunghe ecc, inoltre alcune persone (me comprese) manifestano allergie al cuoio capelluto se il contatto con l'amla è molto prolungato.

Metodi:

a) Lavare i capelli con shampoo o altri ingredienti (shikakai, aritha, gassoul ecc) mettere un po' di polvere di amla sulla mano, bagnare con un po' d'acqua, applicare sul cuoio/capelli e massaggiare bene, applicare anche sulla lunghezza e massaggiare delicatamente. Aspettare alcuni minuti e risciacquare. L'amla è un balsamo naturale però se i vostri capelli sono molto secchi potete applicare un balsamo o crema dopo che avete risciacquato l'amla.

b) Preshampoo con amla e olio di cocco (o altro olio): miscelare amla+olio fino ad ottenere una crema fluida, applicare sui capelli bagnati e massaggiare, aspettare alcuni minuti e lavare con shampoo

c) Massaggio con amla+maschera per capelli: potete miscelare amla e crema e applicare sui capelli dopo lo shampoo, aspettare alcuni minuti e quindi risciacquare.

Io personalmente tendo a preferire l'opzione "a" perché più veloce e uso l'amla ad ogni lavaggio e noto che i capelli tendono a rimanere sempre più morbidi e più a lungo


Segue ►

26 ottobre 2014

Capi di abbigliamento permanentemente maleodoranti nonostanti i lavaggi


Se capita che nonostante i lavaggi con detersivo, sapone e additivi i capi escano comunque maleodoranti dalla lavatrice (i motivi possono essere diversi: incrostazioni in lavatrice, sporcizie nascoste nelle guarnizioni, qualità dell'acqua, quantità sbagliata di detersivo, capi rimasti a lunghi nel cesto degli sporchi ecc).


Comunque per risolvere il problema sarebbe interessante fare un prelavaggio con aceto bianco. Per procedere dovere usare da 50 a 100 ml di aceto bianco per 5 kg di bucato (aumentare la quantità se ci sono asciugamani e/o capi pesanti). Fare un lavaggio a freddo (ciclo veloce) e senza centrifuga e quindi procedere con il ciclo di lavaggio con la temperatura e detersivi/additivi scelti.Potete usare aceto al posto dell'ammorbidente.

Il risultato sarà ottimale se insieme all'aceto aggiungete alcune gocce di olio essenziale (lavanda, cedro, bergamotto, arance, muschio, agrumi ecc) e potete usare il bicarbonato al posto dell'aceto per il prelavaggio (1 cucchiaio per chilo di bucato) anche se io personalmente credo che l'aceto sia più efficace.

Segue ►

Cancellare le macchie di corrosione e le macchie tenaci sul pavimento con aceto e bicarbonato



Un modo veloce per provare ad eliminare le macchie di corrosione provocate dai detersivi, acidi e altre sostanze, oppure le macchie difficili da eliminare.


a) Coprile la macchia con bicarbonato e strofinare con una spugna bagnata
b) Spruzzare con aceto bianco bagnando bene il bicarbonato e strofinare con una spugna da cucina o spugna d'acciaio nel momento che la miscela inizierà a "friggere"
c) Metterci su altro bicarbonato quindi aceto e  strofinare
d) Aspettare 5 minuti e risciacquare con acqua pulita e quindi con acqua e aceto (3 parti di acqua per 1 di aceto)
d) Asciugare, se la zona rimane un po' bianca è un segno che sia rimasto qualche residuo di bicarbonato e per eliminare i segni bianchi basterà lavare nuovamente con acqua e aceto


Mi raccomando non abbiate paura di usare bicarbonato e aceto insieme perché in certi casi questa miscela  è utilissima soprattutto per lucidare le superfici incluso l'acciaio inox.

Attenzione: questo trattamento non deve essere fatto sul marmo, ardesia, legno e parquet


Segue ►

Decorazione di Halloween: Fare dei piccoli Jack O'Lantern con le arance.



Tra pochi giorni è halloween e so che per tanti di voi questa festa non è affatto importante e avete anche ragione anche se a me piace molto ma soltanto perché fin da piccola io e i miei famigliari ci mettevamo a tagliare le zucche e ad organizzare la notte di halloween :)


Ancora oggi porto avanti la tradizione (soprattutto per i piccoli che si divertono) e ci metto qualche addobbo "fantasmagorico" di qua e di la anche se quest'anno per motivi vari sono molto indietro con i preparativi.

Ovviamente il nostro Jack O' Lantern non può mancare però per ora ho usato le arance al posto delle zucche


Farle è facilissimo, si taglie la parte superiore e quindi si toglie la polpa con uno scavino, quindi si fanno occhi e bocca con un coltellino appuntito e poi si metti dentro una candelina. Ho infilato anche qualche chiodo di garofano nei "Jackini". Il bello è che quando la candela è accesa il nostro jack profuma tutta la casa.

Un po' di storia:

La leggenda racconta che Jack il Miserabile nel corso della sua vita aveva ingannato il Diavolo diverse volte però quando morì il suo ingresso è stato vietato sia in Paradiso che nell'Inferno e quindi è stato condannato a girovagare nel limbo. Il Diavolo gli ha dato una tizzone per fargli luce e per farlo durare di più Jack l'ha messo dentro ad una rapa.. proprio una rapa perché in Irlanda in contadini non usavano le zucche ma le rape, barbabietole e le patate.


Gli Irlandesi sbarcati negli Stati Uniti hanno iniziato ad usare le zucche per preparare le lanterne.
Ci sono due spiegazioni per le lanterne di halloween: la prima dice che nella notte del 31 ottobre il mondo dei vivi e quello dei morti si incontrano e Jack e gli altri spiriti cercano un rifugio per riposarsi però non scelgono le case protette dalle zucche, invece un'altra credenza è quella che le zucche illuminassero la vita dei cari passati nel aldilà.  Comunque l'origine  e il motivo pratico di questa festa era quello di ringraziare gli spiriti per i raccolti visto che il 31 ottobre chiude il ciclo della raccolta estiva.

C'è una cosa da dire sui gatti neri: Nel Medioevo si credeva che streghe e gatti neri erano collegati e anzi, che le streghe potessero trasferire il loro spirito maligno nei gatti neri. Alcune culture vedevano i gatti neri come la reincarnazione di una persona che sia stata malvagia in una vita anteriore. Purtroppo questa credenza era talmente radicata che il Papa Innocenzo VIII addirittura aveva incluso questo povero animale nell'elenco dei perseguitati dell'Inquisizione (campagna assassina guidata della Chiesa Cattolica e praticata nel Medioevo).


Nonostante in periodo in questione sia passato da un pezzo ci sono ancora delle persone "medievali dentro" che credono ancora che i gatti neri abbiano qualche collegamento con le streghe, spiriti maligni ecc e si divertono a farli del male soprattutto in questo periodo. Aspettando che io non trovi nessuno in giro a dare fastidio ai gatti neri altrimenti altro che Jack O'Lantern per salvare chicchessia dalla mia ira funesta, inoltre si beccherà  anche una dennuncia per reato di maltrattamento contro gli animali, quindi resta stare attenti soprattutto se ci sono gatti randagi in giro nel vostro quartiere.


Quindi viviamo il halloween moderno come una cosa leggera e divertente non più collegato a stregonerie o cose strane ma semplicemente ai sorrisi soprattutto dei bambini.
Segue ►

24 ottobre 2014

4 opzioni alternative alla panna tradizionale



 Chi come me non usa la panna tradizionale a volte trova un po' di difficoltà per sostituirla. Ho fatto diversi tentativi (alcuni andati malissimo) e alla fine ho ottenuto quattro combinazioni che secondo me riescono a sostituire la panna per i dolci almeno per i budini e dolci da forno. 

Per la panna montata bisogna aggiungere gli amidi però c'è ancora da lavorare per avere gli stessi e identici risultati della panna tradizionale.
  1. Crema di Avena: 3 cucchiai di avena e 1 e 1/2 tazza di acqua, mischiare prima a freddo, accendere la fiamma bassa e mescolare fino ad ottenere una crema
  2. Crema di Riso: 3 cucchiai di farina di riso e 1 e 1/2 tazza di acqua, mischiare prima a freddo, accendere la fiamma bassa e mescolare fino ad ottenere una crema
  3. Crema di Latte di Cocco:Versare il contenuto in una ciotola e portare in frigo per 2 ore. La parte solida si separerà da quella liquida. Dovete usare solo la parte solida. Per addensare potete aggiungere un po' di farina di riso o frumina
  4. Crema di Mandorle: Versare 1 e 1/2 tazza di latte di mandorle in una pentola e quindi 2 cucchiai rasi di frumina o farina di riso o maizena, mischiare a freddo, accendere la fiamma (bassa) e girare fino alla formazione della crema.

Per dare più "cremosità" alle ricette potete arricchirle con yogurt di soia.
Segue ►

Pulizie delle pentole sporche da cibi appiccicatici


Alcuni alimenti derivati dal latte (di origine vegetale o animale) e altri cibi appiccicatici a volte rimangono attaccati al fondo e pareti delle pentole se/quando non sono stati bruciati.

Per riuscire a pulire bene la pentola avete bisogno di

aceto bianco o rosso
bicarbonato
detersivo per piatti a mano bio o a basso impatto ambientale

Per primo riempite la pentola con acqua fino a ricoprire tutta la zona interessata (fondo e magari le pareti della pentola) e portate ad ebollizione. Spegnere la fiamma quando saranno passati circa  minuti dall'ebollizione

Buttare l'acqua e quindi versare un po' di bicarbonato nella pentola e quindi strofinarla con una spugna insaponata con poco detersivo per piatti.

Quando l'avete strofinata bene versate ancora un po' di bicarbonato nella pentola e quindi un po' di aceto (o spruzzate con aceto)

Nel momento che inizierà a "friggere" dovete iniziare a strofinare nuovamente la pentola, usate aceto assieme al bicarbonato senza sensi di colpa mi raccomando!!

Lavare e ripetere se necessario.

Potete usare una spugna d'acciaio al posto della normale spugna per i piatti.

Questa passo passo può essere utilizzato anche per sgrassare e lucidare le pentole in generale
Segue ►

Solidarietà per continuare ad aiutare i gatti randaggi. Le Sfigatte


Vorrei fare un appello per un'Associazione Animalista molto importante e che ha fatto davvero tanto per i gatti abbandonati. L'Associazione di chiama Le Sfigatte e loro ormai hanno raggiunto un debito cosi alto da non poter più aiutare nessun animale. I volontari hanno salvato dalla morte una grossa quantità di animali e hanno provveduto all'adozione di tantissimi gatti però quasi sempre hanno dovuto farsi carico delle spese.

Dopo aver pagato quasi 20.000 euro di spese veterinarie il loro debito è ancora molto alto: ben 18.000 euro e le fatture sono tutte visionabili a richiesta.

Per saldare un debito del genere è necessario che tante persone possano farle una donazione anche se piccola però se sono in tanti a farla si può arrivare ad un risultato positivo

Per conoscere l'associazione, il loro lavoro (io le accompagno già da un po' e so che sono persone molto serie) potete visitare il loro sito:

http://www.lesfigatte.org/


Segue ►

22 ottobre 2014

Tristi e demenziali storie di abbandono: conigli... tanti conigli


L'essere umano che crede di essere l'animale più intelligente e importante dell'Universo non fa altro che dimostrare sempre di più la sua grande demenzialità!! Perché dico questo? Perché questo esserino chiamato uomo fa delle cose demenziali: inquina il proprio ambiente,  distingue quelli della propria non per le loro qualità personali ma per altri caratteri irrilevante come il colore della pelle e il luogo di nascita ecc.

Comunque c'è una cosa molto ma molto demenziale che fa questo esserino a volte ridicolo: abusa dei membri delle altre specie.

Tutta questa chiacchiera è per raccontarvi una storia che dura da un po' di tempo e che non è mai stata risolta del tutto. La cosa è iniziata con una mail di una lettrice del blog che la chiamerò "Olivia" che ci ha raccontato che in Zona San Paolo Basilica a Roma quindi nemmeno tanto lontano dal Centro una coppia di conigli è stata abbandonata in un terreno vuoto e si sa che da una parte i conigli si riproducono in fretta e poi ci sono tanti cretini che hanno iniziato ad abbandonare altri conigli e alla fine questi animali si sono moltiplicati esponenzialmente.

In Zona San Paolo in Via Tiberio Imperatore avevano creato un Parco dei Conigli per poter tenere questi animali al sicuro però l'attuale amministrazione ha deciso di chiudere il Parco ed abbattere gli animali. Per fortuna l'OIPA è intervenuta e questi animali sono stati catturati e inviati ad alcune strutture come ad esempio alcune fattorie didattiche e dunque ora un certo esercizio di zona può usare costruire il suo parcheggio in quella area senza fastidiosi intoppi.

Allora magari state pensando: Problema risolto?? Mica tanto!!

Sempre in zona San Paolo Basilica in Via Giustiniano Imperatore esiste un Parco gestito dalla SS Lazio (si quella del calcio ecc). Questo Parco è ricintato ma aperto durante il giorno e li ci vivono dei conigli sopravvissuti all'attacco degli uomini.  I residenti presi dalla commozione e soprattutto la lettrice che ci ha raccontato la storia davano da mangiare ai conigli quindi via alle carote.

Il problema è che i gestori del Parco si sono incazzati e hanno imposto che nessuno deve buttare le carote nel loro terreno. Dovete sapere che dove c'è il Parco hanno iniziato a costruire i campo da baseball  sempre della Lazio e quindi il terreno deve essere immacolato altrimenti con che faccia potrebbero ricevere i dirigenti???

Beh, come ogni tanto ci vado alla Garbatella (per chi non conosce Roma la (Garbatella è vicina a San Paolo) sono andata li di persona per dare un'occhiata ed è vero, in quel terreno ci sono non solo conigli ma anche dei gatti e il problema è che come questo terreno è privato e ricintato nessuno avrebbe il diritto di alimentare gli animali.

Ho chiesto ai residenti di zona e loro lamentele principali sono state queste:

  • Loro danno da mangiare di nascosto sia ai conigli che ai gatti perché non vogliono che gli animali muoiano di fame
  • Molti non amano il Parco perché secondo loro è un luogo troppo rumoroso e tra l'altro troppo vicino ai palazzi (direi praticamente di sotto) e il rumore più fastidioso sarebbe quello prodotto da una pista da skateboard e devo dire la verità che l'impatto delle tavole sulla rampa produce tantissimo rumore e visto che il parco rimane aperto da domenica a domenica direi che è un po' troppo.
  • Le urla continue degli adolescenti con bestemmie annesse non sono proprio delle canzoni
  • Sono preoccupati per quando le partite di baseball inizieranno e del rumore perché appunto anche il campo da baseball è vicinissimo ai palazzi.
  • Il Parcheggio vicino al parco e tra i palazzi interessati si riempie di ragazzino e ragazzoni urlatori, drogati per non parlare della sporcizia, preservativi ed altre porcherie.
  • Alcune persone invece hanno detto che il parco è utile per le famiglie quindi diciamo che c'è anche qualcuno che apprezza.
Sembra che i gestori del parco non abbiano voglia di curare questi animali anche se non vogliono che altre persone di occupino di loro.

Olivia ci ha detto che ha chiamato diverse associazioni animaliste e l'unica ad avere risposto è stata l'OIPA però loro hanno risposto che non possono agire sul terreno di un privato e che in questo caso l'obbligo di curare, alimentare e prestare soccorso agli animali è del gestore(i) del terreno quindi in questo caso credo la SS Lazio o magari del gestore del terreno chissà.

Comunque appunto di chi gestisce il terreno, loro possono comunque cercare di catturare (non uccidere) gli animali e provvedere all'adozione oppure contattare un Ente Animalista che faccia questo tipo di lavoro di ricupero e che magari li chiederà un contributo (per quel che si è capito l'OIPA non potrebbe andarci lo stesso). Il gestore del Parco avrebbe detto che le associazioni animaliste potrebbero entrare per catturare i conigli però a gratis. Comunque credo che la SS Lazio potrebbe spendere due soldini per aiutare questi animali. C'è da sottolineare che i gestori non maltrattano gli animali e loro paura è che il loro terreno possa diventare una specie di discarica.

Le altre associazioni animaliste non hanno dato nessuna risposta quindi la nostra Olivia ha deciso di aiutare gli animali un po' in clandestinità perché come tanti altri non li vuole vedere morti di fame anche se c'è da dire che tanti conigli sono già stati uccisi sia da cani sciolti perché il Parco è collegato ad un parcheggio e le persone li ci portano anche cani di grossa taglia senza guinzaglio, alcuni sono stati schiacciati dalle macchine, una volta un residente ha quasi menato dei ragazzini che prendevano a calcio un cucciolo di coniglio che era li nel parcheggio, poi ci sono le cause naturali come la fame, i gatti, le cornacchie ecc e le vittime sarebbero soprattutto i piccoli.

Senza entrare nel merito di chi abbia ragione, se la nostra Olivia, la Lazio, il gestore del Parco, i residenti ecc e se qualcuno c'è da dire la sua in merito (di utile) potete usare i commenti e la nostra mail. Fatto questo appunto devo dire che tutta questa situazione di merda (scusatemi ma è la parola giusta) accaduta in questa zona è stata provocata da qualche demente che ha deciso di abbandonare i propri animali e poi questo demente è stato seguito da tanti altri dementi che hanno deciso di abbandonare appunto i loro animali magari regalati ai loro figli, fidanzati ecc.

Quindi come i dementi creano situazioni demenziali ecco che in un quartiere vicino al centro di Roma, per colpa di idiota che ha deciso di abbandonare i propri animali, non riesce a risolvere questo problema difficilissimo visto che il numero di animali ancora in giro non solo nel Parco della Lazio ma anche in altri punti della zona è ancora grande e i poveri conigli si fanno ancora vedere in giro. Questo poveretti sono esposti a tutti i pericoli della città: i dementi, le macchine, i predatori e via dicendo. In zona (in altre vie) ci sono anche tanti gatti randagi.

Ho visto questi animali da vicino e c'è un coniglio nero e altri più o meno bianchi un po' macchiati e uno marroncino e ci sono due gatti: uno nero e uno bianco macchiato di nero che secondo una residente è stato anche un po' male un po' di tempo fa.

Diciamo che queste a queste creature non gliene può fregare di meno il baseball, dei dirigenti, i rumori, i ragazzoni ecc, la loro lotta quotidiana è quella di vivere e basta e sinceramente anche a me e senza voler offendere nessuno "me ne può fregare di meno"chicchessia anzi l'unica cosa che aspetto è che queste povere creature possano sopravvivere a tutta questa confusione.

Vi ho raccontato questa storia per enfatizzare il fatto di come  l'abbandono degli animali cosi tanti problemi e di quanto sarebbe necessario che i padroni dementi vengano multati di brutto (dolore alle tasche è la più efficace) e che siano costretti a fare lavori sociali nei canili e/o altre strutture di recupero animale perché non si può più sentire che ogni ca** di anno vengano abbandonati un grossa popolazione di animali!! È una cosa assurda e intollerabile!!!

Se volete vedere da vicino questi animali il Parco in questione si trova in Zona San Paolo Basilica tra Via Giustiniano Imperatore e Via Villa di Lucina.




Segue ►

Una ricettina veloce per stimolare la crescita dei capelli.


Un consiglio ultra veloce per tutte le persone che desiderano una capigliatura più lunga: ogni volta che preparate la vostra maschera idratante fai da te aggiungete 1 perla (o pasticca) di olio di carota.

L'olio di carota fa molto bene ai capelli e aiuta a velocizzare la crescita e se riuscite ad usare direttamente l'olio piuttosto che la perla va bene lo stesso.

Un'unica osservazione: non fa miracoli nel senso che se la vostra alimentazione non è un granché o non è molto variegata oppure si esagera con fumo e alcol non sarò una perlina a fare la differenza.

Potete trovare le perle in erboristeria, parafarmacia, farmacia e alcuni supermercati (soprattutto la marca equilibra).
Segue ►

Ricetta di oleolito di avocado.


L'olio di avocado è uno dei più idratanti che esistono ed è ideale per chi ha bisogno di una idratazione intensa sia per chi ha capelli molto secchi e aridi sia per chi li ha danneggiati con tinture e altre chimiche.

1 avocado maturo
50 ml di olio di lino biologico (cosmetico o alimentare)
50 ml di olio di riso

Tagliare la polpa a pezzi, metterli in una centrifuga o frullatore assieme agli oli

Portare il contenuto in una pentola e quindi a bagnomaria, l'acqua dovrà evaporare al 100% e la polpa diventerà un po' scura

Aspettare che il composto si raffreddi, filtrarlo con dei canovacci e raccogliere l'olio

L'olio di lino funge da idratante mentre l'olio di riso è un ricostruttore (ideale per capelli fragili e/o che si spezzano).

Potete usare altri olii come olio EV di oliva, argan, cocco, sesamo ecc. Se volete avere invece una miscela cremosa potete aggiungere del burro di karitè rammollito.

con olio di oliva

Segue ►

21 ottobre 2014

Pulizia delle fughe IV



5 bicchieri d'acqua di preferenza demineralizzata
1 di bicchiere di aceto bianco
1/2 bicchiere di succo di limone
1/2 bicchiere di bicarbonato o soda solvay (soda da bucato)

Mischiare gli ingredienti in una ciotola capiente (la miscela tenderà a gonfiarsi e risalire)

Versare la miscela sulle fughe e mattonelle e strofinare con una spazzola, lasciare agire per almeno 15 minuti e risciacquare bene con acqua pulita e per ultimo con acqua e aceto.
Segue ►

Quando le fughe si riducono o spariscono dopo le pulizie


Può capitare che dopo aver pulito a fondo le fughe queste si riducano o addirittura spariscano. Molti credono che i "colpevoli" siano i prodotti usati per le pulizie che siano naturali o meno ma in realtà il vero motivo è che le fughe già da prima non esistevano più.

Quando il materiale riempitivo tra una piastrella e altra viene asportato via (azione del tempo, pulizie ecc) la polvere/sporco entra nello spazio tra le mattonelle riempiendola e quando viene asportata rimane soltanto lo spazio vuoto senza sporcizia e senza materiale riempitivo.

La soluzione sarebbe rifare le fughe riempiendole con la malta riempitiva per le fughe affidandosi ad un piastrellista oppure appellando al fai da te. Nei negozi di bricolage/ferramenta esistono molti prodotti appositi per risanare le fughe ed alcuni sono anche ecologici, ecco alcuni esempi:

Roefix
Pura Calce
Kerakoll

Esistono anche i prodotti a tubetti facili da utilizzare. 
Segue ►

Come rendere i capelli molto spessi più fini con tre ingredienti naturali


Alcune persone sognano con capelli più folti e spessi però c'è anche chi li ha molto spessi e grossi ma in realtà li vorrebbe più fini.

I capelli grossi a volte sono duri per via del loro diametro e l'idratazione naturale (il sebo) fa fatica ad avvolgere tutto il filo di capello. Il filo spesso è anche soggetto al sollevamento delle cuticole che contribuisce all'aspetto di paglia o addirittura di fil di ferro.

Trattare e soprattutto idratare questo tipo di capello è un po' difficile però esistono tre ingredienti del tutto naturali che possono rendere i fili più fini o almeno più malleabili.

Questi sono:

a) Lo zucchero
b) Il miele
c) L'olio di argan

Le ragazze afroamericane fanno molto uso di questi ingredienti per rendere i loro fili (naturalmente molto spessi) più fini e delicati.

Questi ingredienti possono essere usati in svariati modi e combinazioni:

  • Preshampoo con olio di argan e zucchero bianco o di canna oppure olio e miele
  •  Maschera di idratazione con crema, un po' di zucchero, olio e miele. Posa per 30 minuti e lavaggio
  • Non usare il balsamo da solo ma con un po' di zucchero bianco o di canna
  • Un'altra ricetta antiopacità è fare un ultimo risciacquo con 1 litro d'acqua, 1 o 2 cucchiai di aceto di mele e 1 cucchiaio raso di zucchero.

In ogni modo indipendentemente dal fatto dei capelli fini o spessi questi tre ingredienti sono benefici per tutti i tipi di capelli poiché li rendono molto più idratati (e soprattutto lo zucchero risalta le proprietà idratanti delle creme, balsami e maschere capillari), luminosi e malleabili.
Segue ►

19 ottobre 2014

Tè verde per un viso sodo e tonico


Per tonificare ed stimolare sia la pelle che i muscoli facciali si può usare il classico tè verde ghiacciato a cubetti.

Per fare il massaggio basterà mettere 2 cubetti su un panno fino e quindi strofinare il viso con delicati movimenti circolari. Lasciare asciugare all'aria.

Le proprietà tonificanti del tè verde assieme al freddo aiuta a stimolare muscoli e tessuti e la pelle risulterà più soda e giovane


Segue ►