AGGIORNAMENTO PAGINE: 17/11 Adozione; 17/11 Appuntamenti; 17/11 Solidarietà a 6 zampe; 15/11 BAUMIAO Anziani; 15/11 SOS Adozione Urgente; 13/10 Macchie; 15/09 Stampabili; 15/08 FAQ.

.


Trova quello che ti serve...

Caricamento in corso...

24 novembre 2014

Le proprietà antisettiche, antiparasitarie e espettoranti dei chiodi di garofano


 Uno dei suoi componenti più importanti è l'eugenolo un antiinfiammatorio benefico soprattutto per chi soffre di condizioni infiammatorie croniche all'intestino artrite, artrosi e altre infiammazioni. L'eugenolo è indicato per prevenire/combattere le malattie cardiovascolari e i coaguli sanguigni.

L'eugenolo ha un potente potere antimicrobico rendendo quindi l'OE di chiodi di garofano un ottimo antisettico/antibiotico/conservante tanto da essere stato usato dagli antichi egiziani nella pratica di imbalsamazione delle mummie.

I chiodi di garofano contengono vitamina A, C, K, manganese, magnesio, calcio, potassio e omega 3.

Altre utilità:

  1. Curare le malattie fungine ai piedi con un pediluvio fatto con acqua calda, 1/2 bicchiere di alcol bianco per liquori o alcol FU (non l'alcol rosa) e qualche goccia di OE di chiodi o un infuso forte di chiodi (1 tazza d'acqua e 10 chiodi in ammollo per almeno 1 ora).
  2. Bere una volta al giorno l'infuso fatto con acqua bollente e 10 chiodi di garofano in ammollo per almeno 1 ora. Filtrare e berlo caldo. Serve contro i parassiti intestinali e intossicazioni intestinali. Aggiungere 1 spicchio d'aglio (opzionale ma molto efficace).
  3. Espettorante: Preparare l'infuso di chiodi come in "2" aggiungendo il succo di 1 limone, 1 fetta di mela verde e 3 cm di buccia di 1 arancia biologica. Lasciare in posa per 1 ora, filtrare e berlo caldo. Un altro modo per sfruttare le proprietà espettoranti dei chiodi di garofano: mettere alcuni chiodi di garofano in acqua bollente oppure qualche goccia di OE di chiodi di garofano, aggiungere qualche cucchiaio di bicarbonato e se possibile qualche foglia di menta piperita e rosmarino. Anche qualche goccia di OE di cedro o di cipresso sarebbe utile. Respirare i vapori per 5 minuti.
  4. Mal di testa: Diluire una goccia di OE di chiodi di garofano in 1/2 cucchiaino di olio di mandorle e usarlo per strofinare le tempie e la fronte. Oppure bagnare un fazzoletto con 1 o 2 gocce di OE e annusarlo ogni tanto. Alternativa: respirare i vapori provenienti dai chiodi messi in acqua bollente.
  5. In cucina: potete usare i chiodi per arricchire le tisane, le salse, i dolci e via dicendo.
  6. Forfora: Lavare i capelli normalmente e quindi strofinare il cuoio capelluto con l'infuso di chiodi di garofano oppure aggiungete 1 goccia di OE di chiodi di garofano ad una noce di shampoo.
ATTENZIONE: le donne in gravidanza o che stanno allattando e u bambini piccoli non devono usare l'OE o gli infusi di chiodo di garofano. 

Questi suggerimento hanno solo scopo informativo per altre informazioni consultate il vostro medico.
Segue ►

Lavare il pavimento con aceto e oli essenziali usando la scopa a vapore



Nonostante il vapore sia da sé sufficiente per sterilizzare e sgrassare le superfici e soprattutto i pavimenti molti sentono la necessità di usare altri ingredienti come l'aceto e/o gli oli essenziali profumati però hanno paura di inserire questi ingredienti nella vaporella.

Comunque c'è un modo per utilizzare sia l'aceto che gli oli senza dover necessariamente inserirli nella vaporella:

a) Mettere 2 parti di aceto bianco per 1 di acqua in uno spruzzino, oppure riempitelo con solo aceto
b) Spruzzare una zona di pavimento alla volta, magari 4 piastrelle alla volta con l'aceto diluito o assoluto e mettete 1 o 2 gocce di olio essenziale
c) Pulire le piastrelle (quelle dove avete messo l'aceto e l'olio) con il vapore. Il vapore e l'aceto lucideranno le piastrelle e allo stesso tempo la temperatura diluirà l'olio profumando la stanza e il pavimento.

Potete mettere gocce di oli essenziali diversi in punti diversi del pavimento. Alcuni suggerimenti: olio di cedro e lavanda, olio di bergamotto e patchouli, olio di cipresso e olio di muschio di quercia, olio di sandalo e olio di pino ecc.
Segue ►

22 novembre 2014

In memoria di Oliver!!


Non solo gli uomini vengono inviati a questo pianeta per fare i martiri, anzi non necessariamente i martiri sono uomini....

Oliver è nato per essere un martire, una cosa ingiusta perché lui non ha potuto scegliere ma hanno scelto per lui. Oliver è nato orso ed è nato prigioniere... ha vissuto per 30 anni chiuso in una piccola gabbia con una pettorina in metallo e con un catetere dentro di se.

Oliver è stato uno dei quei poveri Orsi della Luna destinati ad essere torturati per tutta la vita: purtroppo in certi paesi come la Cina e il Vietnam ancora ci si crede che la bile di questi animali abbia determinate proprietà, quindi l'animale viene chiuso in una gabbia e torturato per sentire dolore perché più è grande la loro sofferenza più bile producono.

Oliver ha sopportato per 30 anni questo inferno finché i volontari della Animals Asia l'hanno preso in fin di vita e hanno fatto di tutto per salvarlo. Lui che è un combattente è sopravvissuto, ha "assaggiato" la libertà e la vita fuori dalla gabbia per 4 anni nonostante le sue zampette atrofizzate. Ad Oliver piacevano le farfalle e il profumo dei fiori.

Oliver è morto il 12 di novembre e la sua morte è stata una notizia tremenda, io non sono li ma conosco la loro storia, conosco la serietà dei volontari e sapere che il povero Oliver che ha dato impulso alla campagna di conservazione e salvaguardia di un'intera specie chiamata Orso della Luna è davvero triste.

Oliver mi dispiace per tutto perché noi esseri umani siamo una specie orrenda non solo perché non abbiamo rispetto per la natura e la nominiamo solo quando questa si ribella e ci fa crollare la casa addosso ma soprattutto crediamo che sono noi siamo martiri, che solo noi abbiamo un'anima e che sono noi siamo degni di avere un'anima e di essere figli di qualche Dio.

Gli esseri sprovvisti di anima non sono degni di pietà e di rispetto e come per noi gli animali sono solo corpi che camminano chi se ne frega?? Ma non c'è da stupirsi perché certi figli di Dio credono che sono certi tipi di esseri umani siano validi e belli e gli altri sono sono degli animali anche se scientificamente tutti quanti noi senza eccezione siamo solo una specie animale tra tante altre!! Siamo solo UNA tra tante ALTRE......

Oliver un abbraccio da orso per te e l'unica cosa che mi fa piacere è che sei morto circondato si amore. Aspetto che tu non debba più ritornare in questo mondo orribile e pieno di esseri umani e di politicanti!!

Un pensiero anche a Daniza e all'orso ucciso a fucilate in Abruzzo vittime dall'ignoranza e anche dell'incompetenza di certi soggetti per quanto riguarda la salvaguardia del territorio e non parlo di case e vigneti ma del bioma e degli animali che li ci vivono.

Vorrei anche sapere se certi soggetti che si sono messi a gioire per la morte della povera Daniza si sentono con la coscienza a posto quando sono in Chiesa di domenica a fare finta di essere delle brave persone!!!! Almeno Daniza ha il Paradiso assicurato e loro??? Io credo si no.


https://www.animalsasia.org/it/in-memoria-di-oliver.html

Segue ►

20 novembre 2014

Macchia di mirtillo sul tessuto/vestiti


È una macchia un tantino difficile da togliere però con alcuni passaggio ci si riesce a cancellarla:

a) Strofinare la macchia con un cubetto di ghiaccio
b) Tamponare la macchina con abbondante succo di limone
c) Lasciare in ammollo per 30 a 60 min
d) Lavare con acqua corrente fredda
e) Se rimangono aloni: strofinare la macchia con una crema fluida fatta con bicarbonato e acqua, versare sula crema/sulla macchia un po' di detersivi per piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale e aspettare 20 minuti
f) Spruzzare la zona trattata con un bel po' di aceto bianco e strofinare il tessuto con una spazzola delicata o con le mani mentre la miscela "frigge"
g) Lavare in acqua corrente fredda
h) Se rimangono aloni lasciare in ammollo in acqua calda e (per 1 litro di acqua): 1/2 bicchierino da caffè di aceto, 1/2 di alcol, 1 cucchiaio di percarbonato o 1 cucchiaio di acqua ossigenata 40 volumi o 1/2 bicchierino da caffè di candeggina delicata,  1 cucchiaio di detersivo per piatti a mano. Ammollo per 1 ora e risciacquo a mano o in lavatrice
i) Se rimangono aloni insaponare bene la macchia con abbondante sapone di marsiglia, lasciare in ammollo per due giorni e quindi risciacquare a mano o in lavatrice.
Segue ►

Trattamento di bellezza notturno viso e piedi con burro di karité


Da un po' di tempo ho adottato una nuova "abitudine di bellezza" cioè spalmarmi del burro di karitè in faccia e sui piedi prima di andare a letto.

Ovviamente non bisogna spalmarsi a mo' di pane perché basta poco, circa 1/4 di cucchiaino per il viso e 1/2 per ogni piede.

I risultati: mi sveglio con una pelle molto elastica e mosbida e con il tempo sto notando che la mia pelle sembra più luminosa, morbida e non dimostra quei fastidiosi segni di stanchezza di fine giornata.

I benefici per i piedi è sempre la morbidezza soprattutto della pianta del piede e talloni.

Quindi ricapitolando:

Viso: si mette un pochino di burro sul palmo della mano, si strofina le mani e si spalma il burro sul viso tranne il naso. fare un bel massaggio circolare attorno gli occhi e bocca (regioni dove si formano le rughe più precoci).

Piedi: massaggiare i piedi con burro di karitè e quindi con una crema molto idratante anche se la crema è opzionale, l'importante è che venga usato un bel po' di burro. Meglio ancora se indossate i calzini.

Segue ►

17 novembre 2014

Del broccolo non si butta nulla: Le proprietà nutrizionali del gambo




Di solito quando siamo bambini non amiamo molto i broccoli però crescendo impariamo ad apprezzare questo vegetale un po' puzzolente ma ricco di proprietà nutrizionali. La questione è che di solito molte persone consumano soltanto il fusto (soprattutto se pensiamo ai broccoli siciliani) però sapiate che si può mangiare anche il gambo.


Il gambo contiene vitamine C ed A (ottimi per la pelle ad esempio) e secondo studi realizzati dall'American Institute for Cancer Research negli USA, il gambo dei broccoli sarebbe addirittura un vero e proprio alimento anticancro poiché contiene isotiocianati cioè sostanze fitochimiche in grado di combattere il cancro e i tumori.

Per averci un'idea 100 gr di fusto contiene 3,15 gr di potassio mente 100 gr di gambo contiene ben 5,34 gr.

Ci sono tanti modi per sfruttare i gambi dei broccoli in cucina:

Io ad esempio lo taglio a rondelle fine o lo faccio cuocere a vapore insieme alle foglie (in pentola a pressione bastano 9 minuti), può essere servito anche assieme al sedano rapa, oppure cotto a vapore e quindi messo assieme al riso basmati durante la sua cottura, si può cuocerlo a vapore per poi friggerlo a mo' di patatine fritte , oppure si può semplicemente tagliarli mooooolto finemente e servirli con sale, olio, pepe e aceto di mele e magari con delle fettine di arancia o con del radicchio crudo tritato.

Segue ►

16 novembre 2014

Sciroppo forte per combattere il raffreddore e per sciogliere il muco


Questo sciroppo è indicato per combattere il raffreddore, il blocco delle vie respiratorie ed è anche un ottimo espettorante.


Ingredienti


4 cucchiai di miele di eucalipto
1/2 kg di zucchero di canna
1 ananas con tutta la buccia (di preferenza biologico)
300 gr di crescione
50 gr di zenzero fresco tagliato a rondelle
1 mela verde a cubetti con buccia (di preferenza biologica)
buccia di 1 limone e di 1 arancia a cubetti (di preferenza biologico)
200 ml di aceto di mele
10 foglie di salvia
1 tazza di acqua
10 gocce di OE di menta piperita (opzionale)


Preparazione

Unire lo zucchero con l'acqua e cucinare finché la miscela inizierà a diventare densa, lavare bene la buccia dell'ananas con aceto e acqua corrente (meglio se strofinato con una spazzola per i piatti).

Tagliare l'ananas a cubetti, lavare il crescione con acqua corrente per poi immergerlo in una soluzione di acqua e aceto o acqua e bicarbonato per 15 minuti e lavare nuovamente in acqua corrente.

Aggiungere gli altri ingredienti tranne il miele e cucinare per 20 minuti a fiamma bassa (deve diventare densa ma non asciutta) aggiungendo acqua se necessario

Spegnere la fiamma, raffreddare, filtrare e aggiungere il miele

Mettere lo sciroppo in una bottiglia o barattolo di vetro e conservare in frigo. Momenti prima di consumarlo riempite 1 cucchiaio e lasciatelo intiepidirsi per alcuni minuti a temperatura ambiente o nel forno riscaldato.

Se volete fare le vostre etichette cliccate su questo file PDF. Dovete non solo aprire il file ma proprio scaricarlo per poter scriverci con il computer. 

Non è indicato per diabetici

Segue ►

15 novembre 2014

Come cancellare le macchie dal pavimento usando la vaporella



Un consigli per togliere alcuni tipi di macchia dal pavimento usando la vaporella ed alcuni altri semplici ingredienti:

a) Macchie grasse: rimuovere i residui e cospargere la macchia con abbondante amido (mais o fecola di patate), appoggiare della carta assorbente sopra e quindi un peso (un libro o qualche altra cosa). Aspettare almeno 1 ora, spazzare, spruzzare la zona interessata con abbondante aceto bianco, aspettare 5 minuti e quindi pulire con il vapore. Un consiglio: se avete del gesso o del cemento bianco a casa usateli poiché sono molto più assorbenti.

b) Macchie acide (detersivi, sgrassatori, disincrostanti, anticalcare, disincrostanti, acidi, prodotti per il WC, disincrostante per cemento ecc) oppure macchie di pipi o di vomito: rimuovere i residui e strofinare la macchia con una crema di bicarbonato e acqua (la crema deve essere fluida quindi né liquida né tanto meno secca), aspettare alcuni minuti spazzare e risciacquare con solo acqua. Preparare una miscela fatta con olio da cucina e aceto bianco (2 parti di olio per 1 di aceto), versare qualche cucchiaino di miscela su un panno morbido asciutto (giallo o flanella) e strofinare/lucidare la macchia cercando di idratarla. Anche in questo caso potete usare il gesso o il cemento.

Coprire con un foglio di giornale a lasciare in posa per 24 ore, togliere il giornale e sgrassare con tanto vapore. Verificare se la zona interessata è a posto (né grassa ma nemmeno macchiata), se c'è del grasso potete lavarla con acqua e una goccia di detersivo per piatti, risciacquare e pulire con vapore.

Ricordiamo che sul marmo non si usa l'aceto e ma solo bicarbonato o soda solvay!!


Segue ►

SOS spese veterinarie per una cagnolina molto simpatica.


Condivido l'appello per questa piccoletta che ha bisogno di analisi veterinarie costose e molto particolari. Aiutiamo il Canile di Veletri anche con una piccola cifra. C'è da ricordare che i canili dipendono dalle donazioni soprattutto perché il numero di animali da accudire è enorme e i soldi non bastano mai!!

 Le loro parole:

Trilly, scricciola di appena 4 kg, probabilmente investita e con sintomi neurologici, tra cui un attacco ischemico avuto di recente,



Necessita di una risonanza magnetica per formulare una diagnosi che chiarisca i suoi sintomi, costo 400 euro! 
Chi vuole puo’ aiutare trilly con una donazione a: Associazione Veliterna tutela del cane

Iban it16 o051 0439 491c c001 0522 185 (il quinto carattere e’ una “o”, gli altri sono zeri) – causale “trilly”. 

La raccolta fondi verrà’ interrotta appena raggiunta la cifra e appena effettuata verra’ pubblicata la fattura della risonanza. l’unione fa la forza e se siamo in tanti anche donando poco ciascuno possiamo aiutare trilly!


Trilly è una cagnolina di soli 4 kg, 4 anni, simil volpina, ma nonostante il suo peso non è una cagnolina per tutti: non è adatta a famiglie con bambini, è gelosa degli altri animali e diffidente verso le persone che non conosce.

Però noi siamo convinti che Trilly con un po’ di amore e pazienza può voler bene a chiunque, tanto che ormai si è molto affezionata alle due volontarie che vede più spesso, come testimoniano le foto a loro sale in braccio, dà i bacini e le “difende” dalle altre persone e dai cani che si avvicinano (come già detto è molto gelosa!).

Convive con altri due cani di taglia simile anche se alla presenza delle sue amate volontarie li caccia via. Trilly è chippata e sterilizzata, leishmania negativa.



Vi prego aiutateci a diffondere il suo appello affinché’ anche lei possa trovare una famiglia o uno stallo, il canile non e’ un luogo adatto per una piccolina che versa nel suo stato, potrebbe avere un altro attacco di notte e nessuno si accorgerebbe che sta male! grazie a tutti! 


Adottabile solo al centro-nord Italia previa visita di preaffido.

Ufficio Adozioni: 06.96453459 lun-ven orario 10-13 Claudia: 338.7034771 adozionicanilevelletri@gmail.com

Silvia: 339.2208552 canile.velletri.silvia@gmail.com
Caterina: 333.9726087 Ufficio Diritti Animali: 06.96158492
La pagina dedicata a Trully qui
Segue ►

14 novembre 2014

7 Passi per sistemare al meglio lo studio o angolo da lavoro.


Se lo studio/angolo da lavoro non è organizzato la produttività e la concentrazione calano quindi vale la pena dedicare 1 giornata o addirittura un'intera settimana per ordinare tutto quanto prima di iniziare le attività.

Questi consigli sono stati pensati per lo studio/angolo di lavoro inserito in un ambiente domestico però è possibile sfruttare i consigli per sistemare anche l'ufficio.

Passo 1. Liberarsi: per primo dovete riunire tutti quei fogli, fotocopie, ricevute, vecchi quaderni ecc che non hanno più nessun valore. Dovete levare anche i fogli inutili messi in delle eventuali cartelle. Mettere tutto quanto in un bidone dedicato alla carta e buttate tutto quanto.

Passo 2. Verificare: verificare se la vostra apparecchiatura funziona e se è necessaria. Ad esempio un vecchio computer anche se funzionante non necessariamente ha una ragione per esistere (almeno nelle vostre case), quindi decidete cosa vale la pena tenere (=utile) e quello che vale la pena buttare (=inutile ma non necessariamente rotto).

Passo 3. Archivio morto: dedicare alcune cartelle per quei documenti che sono ancora utili (magari i documenti di proprietà della casa) però non sono di uso corrente o che debbano essere consultati spesso cosi da organizzare l'utilità e la temporaneità del vostro archivio generale.

Passo 4: Ordinare: cercate di ordinare il vostro archivio sia per data, che per importanza, che per ordine in modo da trovare e riordinare subito tutto quanto. Impigliare le cartelle senza un criterio non aiuterà a portare ordine al vostro studio.

Passo 5: Spazio: lo spazio va usato bene ed è importante dedicare lo spazio alle cartelle e altri oggetti dedicati all'organizzazione come i porta matite, i libri ecc. La decorazione (cornici, fiori, e altri frufru se proprio devono esserci devono essere sistemati per ultimo).

Passo 6: Pulizia: spolverate spesso i vostri oggetti e puliteli spesso con un panno bagnato magari con alcol. La polvere da una sensazione di abbandono e disordine portando di conseguenza altro disordine.

Passo 7: Posto di blocco: se lo studio viene usato da tante persone e tra questi ci sono tanti disordinati allora per punizione chiudete lo studio a chiave e impedendo l'ingresso per almeno 1 settimana.

Altri consigli qui

Segue ►

Come allontanare i ragni


I ragni non amano molto l'odore dell'OE di menta piperita e nemmeno l'OE di canfora quindi per allontanarle/impedire il loro ingresso nelle stanze usate questi olii in un brucia essenze.

Efficace anche appoggiare alcuni piattini con alcol bianco o vodka+chiodi di garofano+alcune gocce di OE su qualche mobile/angoli della casa

Negli armadi potete posizionare dei sacchettini di tessuto riempiti con cotone bagnato con olio essenziale e nel garage delle ciotole con alcol bianco o vodka e olio in abbondanza.

Potete mettere dei piccoli asciugamani bagnati con olio o olio + alcol nel cesto dei panni sporchi per evitare l'annidamento dei ragni.

Attenti al giardino: l'erbaccia alta e i solchi nel muro attraggono i ragni quindi mantenetelo pulito e ordinato e ogni tanto spruzzate i muri con una miscela di alcol ed olii essenziali. Meglio ancora se preparate una miscela fatta con 500 ml di alcol bianco o vodka, 1 cucchiaio di chiodi di garofano e 1 cucchiaino di ogni OE (canfora e menta). In posa in barattolo chiuso per 1 mese.

Usate questa miscela per spruzzare i muri, gli angoli, i vasi, i mobili in legno da giardino e tutte quelle zone che piacciono ai ragni.

L'OE di canfora è ideale per allontanare non solo i ragni ma anche tantissimi altri insetti però è un po' difficile da trovare per cui in alternativa potete usare l'OE di lavanda.


Segue ►

13 novembre 2014

Come disinfettare, e rinfrescare i divani in tessuto sfoderabile con vapore e aceto.



Un ottimo metodo per igienizzare/disinfettare a fondo eliminando allo stesso tempo eventuali odori impregnati nel tessuto del divano e/o sedie non sfoderabili o semplicemente per rinfrescarli è questo:

1. Spruzzare il dovano con aceto bianco o di mele in abbondanza
2. Aspettare 5 minuti e quindi passare la vaporella sulla zona/zone trattata(e) con aceto

Il risultato sarà ottimale se aggiungette all'aceto anche alcune gocce di olio essenziale fresco come ad esempio di cedro (o anche bergamotto, pino, eucalipto, arancio, limone, lavanda, ecc) oppure una miscela di oli. Il vapore scioglierà gli oli e questi sprigioneranno un gradevole profumo.

Quest'operazione serve anche per smacchiare i divani di colore chiaro o bianco.

Attenzione: se c'è della polvere sul divano o peli di animali bisogna aspirare e dopodiché procedere con la pulizia a vapore.
Segue ►

11 novembre 2014

Trattamento schiarente per il viso


Questo trattamento può essere utile per cancellare alcuni tipo di macchie sul viso e soprattutto quelle scure anche se certamente nei casi più difficili è raccomandabile andarci dal dermatologo.

Primo passaggio: Miscelare del latte detergente biologico e bicarbonato di sodio in parti uguali e strofinare delicatamente il viso, lasciare in posa per 5 minuti e risciacquare

Secondo passaggio: preparare una crema con amido (maizena o fecola di patate), miele e latte di riso o latte di vacca biologico, mischiare bene e applicare la maschera sul viso. Lasciare in posa per 30 minuti e risciacquare bene

Usare 1 volta a settimana all'inizio e poi almeno 1 volta ogni 15 giorni.
Segue ►

10 novembre 2014

Le 7 abitudini fondamentali per essere una persona organizzata



Di solito le persone ordinate non nascono cosi ma piuttosto imparano a coltivare certe abitudini che finiscono per diventare automatiche nelle loro vite e ci sono ben 7 abitudini/pilastri fondamentali da seguire quando si decide di aggiungerci più ordine alla propria vita a all'ambiente che ci circonda: casa, lavoro ecc.

1. Scrivere tutto: c'è chi si ricorda e pianifica tutto a memoria però sono le classiche "eccezioni alla regola" e se state leggendo questo testo vuol dire che avete bisogno di diventare più organizzati e quindi la memoria magari non è proprio la vostra alleata. Le persone organizzate scrivono tutto: le date, i promemoria, le faccende, gli appuntamenti ecc, in modo da poter pianificare tutte le cose senza affanno.

2. Stabilire mete con scadenza: Sognare è bello però bisogna essere pratici bisogna darsi una scadenza. L'organizzazione e la produttività camminano di pari passo e quindi se si desidera raggiungere un certo risultato bisogna determinare un periodo per l'inizio e per la fine ad esempio un sabato per pulire da cima a fondo tutta la camera da letto o anche per terminare un determinato lavoro. È importante avere dei limiti poiché stabilire tante mete da essere realizzate nello stesso periodo è la strada per l'insuccesso.

Un altro punto importante: più la meta è difficile più il periodo deve essere lungo. Ad esempio non si studia per 4 esami in 2 settimane ma bisogna stabilire un periodo più lungo e dentro questo periodo dei "sottoperiodi" per dedicare ad ogni topico/materia.

3. Non procrastinare: Più si aspetta per fare qualcosa più difficile sarà realizzarla, l'organizzazione è una cosa veloce!!! Se si fa tutto nei tempi stabiliti la difficoltà per realizzare qualcosa diminuirà (insieme alla pigrizia) e anche le faccende future verranno fatte più rapidamente (abitudine ad essere organizzati).

4. Un posto per tutto e tutto al suo posto: per avere una vita organizzata bisogna mantenere le cose al posto loro. La tazzina del caffè non va lasciata sul tavolo ma messa subito nel lavandino, i giocatoli vanno messi a posto, i piatti asciutti pure, per i documenti la stessa cosa ecc. È valido anche insegnare/esigere che tutti i membri della famiglia siano organizzati e aiutino a mantenere gli spazi puliti ed ordinati per facilitare il lavoro a tutti quanti (distribuzione delle responsabilità e ci si stanca di meno).

5. Mettere a posto regolarmente: accumulare sporco o disordine aumenta la pigrizia, una casa ordinata chiama l'ordine e quindi è necessario incontrare sempre un tempo per ordinare tutto. Inoltre se la casa è già ordinata impiegherete sempre un minor tempo per metterla a posto e di conseguenza ci resterà sempre di più per i vostri hobby. La regola è: fare prima le cose meno piacevoli come le pulizie e la organizzazione per poi dedicarsi alle cose piacevoli.

6. Avere/acquistare solo il necessario: secondo me questo è il consiglio principale perché una cozzagli di oggetti pieni di polvere ed accumulati dentro casa non fa altro che portare disordine ed sporcizia per non parlare del tempo che necessario per pulire e ordinare tutto quanto. Se non potete dedicarvi integralmente alla vostra casa allora il meno è meglio.

7. Liberarsi di quello che non serve: se avete degli oggetti dimenticati a casa allora è un segno che non sono utili per voi (magari si per qualcun altro) allora addio accumuli e si sceglie la via più adatta: donare o buttare.

Segue ►

09 novembre 2014

Consigli per chi non trova mai il tempo per ordinare la casa: attenti alla funzionalità


Molti di voi e soprattutto in questo periodo "chissà perché" m'avete scritto per chiedere un aiuto per quanto riguarda l'organizzazione delle faccende domestiche. C'è chi non ne può più, chi non trova mai il tempo, chi è sommerso dalla roba in giro per casa e chi proprio non riesce ad avere una casa in ordine e pulita.

C'è da dire che averci una casa perfettamente ordinata e senza un granello di polvere in giro è un po' impossibile però avere almeno un 80% di ordine a casa è fattibile però con tanti "se" e tanti "però" e uno di questi è pensare la casa che fa per voi. Non mi dilungherò più di tanto sull'argomento perché ne abbiamo già parlato tempo fa (qui) semplicemente farò una sintesi del concetto dell'organizzazione della casa quando non abbiamo tanto tempo per dedicarci all'ordine e alle pulizie: costruite gli spazi secondo i vostri ritmi!! È inutile avere una casa piena di oggettini carini, tanti complementi d'arredo, tanti mobili ecc se non avete il tempo di spolverarli, sistemarli ecc. Avere tante cornici piene di polvere, oggetti sparsi dentro casa, mobili carini ma per niente capienti, fiori appassiti o piante finte spolverate e grasse e la carta piena di polvere non aiuta a dare alla casa un aspetto pulito e ordinato.


Se non avete il tempo per dedicare alle pulizie (e questo consiglio ve lo darò lo seguo alla lettera) allora scegliete la casa minimalista e soprattutto funzionale. Magari non il minimalismo estremo poiché non piace a tutti però optate per pochi mobili (accumulano solo polvere sopra e sotto), pochi oggetti in giro (da spolverare), tanti mobili contenitori (divani, puff, cassapanca ecc), armadi grandi e/o alti e e soprattutto capienti per tenere le cose in ordine e lontane dalla polvere, mobili che possano chiudersi in modo che la polvere non va a finire sugli oggetti (difficili da trovare ma sono molto utili le librerie con ante in vetro ad esempio), mobili funzionali in cucina, pavimenti facili da pulire (se dovete posarli), divani sfoderabili, sedie senza imbottitura e fatte in materiale facile da pulire (l'acrilico ad esempio), e cesti contenitori per sistemare i giochi dei bimbi e anche i panni da stirare. Direi che è da evitare tappeti, moquette se non avete il tempo di aspirarli spesso e anche le tende in certi casi.


Quindi in sintesi per avere una casa ordinata e pulita anche lavorando tutto il giorno e magari con figli da badare è meglio lasciar perdere le case "bomboniera" o da "bambole" e optare per un ambiente moderno e funzionale, però se la vostra casa è tutt'altro che funzionale allora pianificate cosa vale la pena conservare e cosa è solo d'impiccio e pian piano cercate di modificarla magari all'inizio acquistando qualche mobile contenitore come i puff ad esempio che sono molto utili per conservare le riviste (che chiamano la polvere).

Ultimi consigli: 1. evitate di andare al mobilificio senza aver fatto una pianificazione su carta, anche un disegno fatto male aiuta molto. Pensate alle soluzioni più utili al vostro problema, ad esempio un armadio capiente vicino alla parete X, un divano contenitore vicino alla posizione Y ecc. Pianificate per evitare di acquistare mobili ed oggetti sbagliati o peggio ancora inutili. 2. Prima di acquistare gli oggetti fattevi le seguenti domande: riuscirò a mantenerlo pulito? Ho già troppa roba sparsa per casa? Se la risposta è no per la prima o si per la seconda domanda allora lasciatelo perdere.
Segue ►

08 novembre 2014

Straripa fiume Almone ed è strage di animali in Via Appia a Roma


Si è tanto parlato di pioggia, bombe d'acqua e altri scenari apocalittici e ahimè a Roma l'apocalisse l'hanno vissuto nel vero senso della parola gli animali di alcune zone agricole della zona di Appia Antica a Roma.

A causa delle piogge è straripato il fiume Almone e l'acqua ha travolto le fattorie e ha fatto una vera e propria strage di animali e appunto tanti cani, galline, conigli e anche alcuni cavalli sono morti tutti quanti annegati.

A me sinceramente mi dispiace molto per questi poveri animali che non sono altro che vittime della nostra stessa irresponsabilità visto che nei fiumi si trova di tutto: bottiglie, detriti, mobili, wc, pezzi di materiali di costruzione e via dicendo.

È responsabilità del Comune tenere puliti i tombini, i letti dei fiumi, trattare gli alberi, fare la potatura, togliere le foglie che si inseriscono nei tombini ecc, però c'è da dire che la maleducazione generale, la mania di buttare le cose dove capita, bottiglie gettate ovunque, buste di plastica, mobili, materassi, insomma la mania del "faccio come mi pare" e ci pensino gli altri a fare le persone civili e a pulire la mia sporcizia non fa altro che peggiorare il problema visto che passate le esondazioni i fiumi non riportano alla luce solo legno e pezzi di piante ma anche tantissima sporcizia e riportano anche quello che vogliamo nascondere: la nostra grandissima inciviltà perché li le bottiglie, le buste di plastica e i mobili vecchi non dovrebbero esserci.

Nonostante i rischi gli animali erano chiusi nelle gabbie ma non si poteva immaginare che un simile allagamento potrebbe succedere? Nessuno aveva calcolato i rischi? Non lo so!! sinceramente non vorrei dare la colpa ad una persona nello specifico ma a tante persone hanno contribuito e che contribuiscono ancora al tilt e anche alle morti (in questo caso di tanti animali) che ormai sono diventate comuni ogni volta che piove: quindi sono colpevole tutte quelle persone a cui manca il senso civico, le autorità che non tengono pulite le vie di scarico e di scorrimento dell'acqua e non solo, chi ha usufruito alla grande dell'abusivismo costruendo edifici in zone dove si potrebbe proprio costruire, e chi crede che sia una bella cosa estirpare la vegetazione naturale visto che per la testolina di alcuni questa non serve a niente però non pensano che il manto vegetale originale è il sistema che la natura ha per trattenere gli smottamenti e le cariche d'acqua.

Se la mentalità non cambia e con l'avanzare dei cambiamenti climatici creati o per essere precisi "accelerati" da noi tra qualche anno non so cosa potrà accadere alle città grandi o piccole che siano.
Segue ►

07 novembre 2014

Crema di pulizia fai da te all'aceto e amido: 9 usi per pulizie, sgrassare e lucidare


Come prepararla: in una ciotolina versate un po' di amido e quindi aceto (bianco, rosso o di mele) fino ad avere una crema fluida. Cos'è l'amido? Fecola di patate o maizena, amido di mais, frumina, amido di riso, amido da stiro, amido di cereali.

  1. Per lucidare i rubinetti: Mettete un po' di crema su una spugna e strofinate il rubinetto. Potete risciacquarne subito oppure lasciare in posa per alcuni minuti soprattutto se ci sono tracce di calcare. Se il rubinetto è in rama aggiungete del sale fino alla ricetta.
  2. Per sgrassare la plastica: se gli oggetti in plastica sono unti strofinateli con la crema, lasciate in posa per alcuni minuti e risciacquare
  3. Per sgrassare e lucidare le pentole: dopo aver fatto un primo lavaggio per togliere i residui strofinare la pentola con un bel po' di crema (potete metterla direttamente nella pentola o su una spugna o spugna d'acciaio), strofinare bene e risciacquare. Se la pentola è molto sporca lasciate in posa per alcuni minuti prima di risciacquare.
  4. Per sgrassare la vasca da bagno: preparare un bel po' di crema e quindi usando una spugna o una spazzola per i piatti strofinate bene la vasca. Lasciare in posa per alcuni minuti e risciacquare
  5. Per smacchiare i vestiti: per le macchie di unto applicate la crema sulla macchia facendola penetrare bene nel tessuto (in questo caso la crema dovrà essere abbastanza fluida quasi liquida), lasciare agire per circa 20 minuti o di più e lavare
  6. Per le macchie sconosciute sul pavimento: strofinare la macchia con la crema, lasciare agire per alcuni minuti, risciacquare con solo acqua e poi con acqua e aceto (proporzione 3:1).
    Sgrassare/lucidare il lavello della cucina: strofinare con la crema, risciacquare e dare un'ultima passata con una spugna bagnata con solo aceto e risciacquare
  7. Sgrassare/lucidare il piano cottura: come per il lavello
  8. Segni di ditate/impronte difficili da togliere: strofinare la zona interessata con la crema, risciacquare bene con panno umido, spruzzare con solo aceto e asciugare.
  9. Per sgrassare le pareti del bagno: se sono unte o un po' scure o opache strofinatele  per bene con la crema aggiungendo un po' di detersivo per piatti a mano o altro detersivo biologico o a basso impatto ambientale.

Attenzione (Achtung!!): Questa crema non va usata su marmo e pietra naturale, sul legno provatela prima su un angolo nascosto.

Segue ►

05 novembre 2014

Benefici del frutto della passione: più che passione direi tanta tranquillità


 Il frutto della passione è originario dell'Sudamerica ed è disponibile nelle varianti gialle e viola. Questo frutto contiene una grande quantità di antiossidanti (come abbiamo già detto altre volte gli antiossidanti combattono il calcro, l'invecchiamento e le infiammazioni) e contiene soprattutto vitamina A, grandi quantità di vitamina C e flavonoidi, contiene anche tante fibre efficaci per migliorare la digestione.

Pressione Arteriosa: il frutto della passione contiene circa 348 mg di potassio che corrisponde al 7% del RDA e quindi aiuta a mantenere la pressione in un intervallo di valori ideale riducendo di conseguenza l'incidenza di malattie cardiache e vascolari.

Colon: ricca in fibre solubili in grado di eliminare le tossine presenti nel colon e che possono contribuire allo sviluppo di malattie

 Occhi:il frutto della passione è ricco in vitamine A e C e flavonoidi benefici per mantenere la salute degli occhi nel tempo

Sangue: Contiene il 20% RDA ed essendo ricco in vitamina C è l'alimento ideale per chi soffre di anemia visto che la vitamina C è fondamentale per l'assorbimento del ferro.

Asma: il frutto della passione si è dimostrato efficace del combatte dell'asma.

Il beneficio principale del frutto della passione è la sua capacità calmante, si perché contiene serotonina che da sollievo ai nervi "che saltano" e secondo studi sembrerebbe che questo frutto agirebbe come le benzodiazepine sostanze presenti nei farmaci contro lo stress e insonnia, inoltre avrebbe la proprietà di aumentare i livelli di acido gamma amminobutirrico nel cervello rilassandolo di conseguenza. Il frutto della passione aiuta a combattere l'insonnia.

Controindicazioni: donne in gravidanza

Consumo: Come succo, nei dolci (mousse, budino eccc) oppure anche come condimento per insalate e altri alimenti.


Segue ►

03 novembre 2014

Parete in pietra naturale macchiata o scolorita: rimedi per ripristinarla il più possibile


Succede spesso quando la/le parete(i) in questione è (sono) quella(e) del bagno: magari dopo l'uso di certi prodotti aggressivi come gli anticalcari o gli ultrasgrassatori che macchiano facilmente la pietra facendola diventare bianca, opaca o addirittura porosa e/o corrosa.

Benché soltanto un professionista potrà risolvere il problema al 100% ci sono alcune soluzioni che potrebbero almeno migliorare e mascherare i danni e dipendendo da quanto siano superficiali magari il difetto potrebbe anche sparire.

Elenco i "rimedi" dal più semplice al più elaborato però attenzione: consiglio il test su un angolino della macchia per vedere come reagisce la pietra prima di trattare tutta la macchia soprattutto se molto estesa e in una zona molto visibile.
  1. Idratazione con olio vegetale e aceto: versare in una ciotola 2 parti di olio vegetale (oliva ad esempio) per 1 di aceto bianco (potete usare l'aceto purché diluito in olio e non sul marmo). Immergere un pennello togliendo l'eccesso di olio per poi passarlo sulle zone intaccate (il pennello non deve essere usato quando molto carico per non ungere troppo la superficie). Strofinare con un panno giallo o flanella asciutti. Ripetere l'operazione e lasciare in posa per 1 notte o  giornata. Sgrassare (se necessario perché a volte la pietra assorbe tutto soprattutto se la zona intaccata è profonda) con spugna insaponata con sapone di marsiglia o al massimo acqua con poco detersivo per piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale.
  2.  Idratazione con olio di lino crudo: strofinare la zona interessata con un pennello bagnato con olio di lino cotto, togliere l'eccesso d'olio dal pennello e pennellare la macchia. Anche in questo caso strofinare con un panno giallo o flanella asciutti. Ripetere l'operazione e lasciare in posa per 1 notte o  giornata. Sgrassare (se necessario perché a volte la pietra assorbe tutto soprattutto se la zona intaccata è profonda) con spugna insaponata con sapone di marsiglia o al massimo acqua con poco detersivo per piatti a mano biologico o a basso impatto ambientale.
  3. Metodo intensivo con protettivo idratante al terpene d'arancio:  Mischiare 2 parti di terpene (un solvente vegetale che sostituisce i prodotti tossici a base di nitro e idrocarburici derivati dal petrolio) e 1 parte di olio di lino crudo, procedere come in 1 o 2 cioè con il pennello, panno e spugna insaponata.
L'olio di lino crudo lo potete trovare nei ferramenta e bricolage e il terpene chiamato anche limonene in alcuni bricolage che vendono prodotti ecologico o prodotti per la bioedilizia oppure nei negozi di nelle arti e anche on line

Ci sono anche i solventi al terpene che vanno bene se tutta la miscela è naturale come ad esempio il terpene assieme alla trementina naturale priva di idrocarburi derivati dal petrolio, oppure il terpene assieme a degli oli essenziali come ad esempio l'olio di cedro o l'olio  di pino.
In qualunque caso lasciate le finestre aperte perché la trementina può provocare mal di testa.

Se avete la curiosità di avere altre informazioni sul terpene cliccate QUI

Segue ►

Trattare il mal di testa e l'emicrania con l'olio essenziale di menta piperita


Un modo per combattere il mal di testa senza ricorrere ai medicinali è quello di preparare il proprio medicinale per applicazione esterna con l'OE di menta piperita.

Secondo alcuni studi scientifici l'applicazione dell'olio essenziale di menta piperita può in molti casi sostituire l'azione analgesica del paracetamolo per quanto riguarda il mal di testa/emicrania.

Il modo per preparare il medicinale è questo:

alcol bianco alimentare (per liquori) o alcol FU
acqua distillata (demineralizzata)
OE essenziale di menta piperita (l'olio essenziale e non essenze per la casa e cose del genere)

Avete bisogno di preparare l'alcol 10% e per farlo dovete seguire una formulina molto semplice:

concentrazione dell'alcol X volume di alcol da essere diluito = concentrazione che voglio ottenere X volume che voglio ottenere

Un esempio: voglio fare 50 ml di alcol 10% e ho alcol a 95%

quindi:

95 x V = 10 x 50

V = 5,26 ml di alcol (diciamo 5 ml)

Quindi per 50 ml devo usare circa 5 ml di alcol 95% per 45 ml di acqua demineralizzata

E qui potete fare in due modi

a) Fare la soluzione vera e propria aggiungendo 20 gocce di OE di menta e agitando prima dell'applicazione
b) Lasciare l'alcol preparato e quando serve mettere un po' di alcol in 1 cucchiaino e quindi diluire 2 gocce di olio.

In ogni modo dovete applicare l'alcol sulla fronte e tempie e fare un massaggio.

Anche le inalazioni di acqua (vapore), olio diluito in acqua bollente e bicarbonato aiuta a combattere il mal di testa (da non fare o chiedere al medico in caso di asma e gravi problemi respiratori).

Prima di utilizzare su bambini chiedete un'opinione al vostro medico.

Se il vostro mal di testa/emicrania è molto persistente o dolorosa sarebbe meglio andare dal vostro medico per fare delle analisi.




Segue ►