AGGIORNAMENTO PAGINE: 17/02 Adozione; 05/01 Stampabili; 26/12 Macchie; 23/12 BAUMIAO Anziani; 29/11 Solidarietà a 6 zampe; 29/11 SOS Adozione Urgente; 15/08 FAQ.

.


Trova quello che ti serve...

Caricamento in corso...

05 marzo 2015

A tavola: alimenti che allungano e abbelliscono i capelli


Per avere una capigliatura lunga e sana non basta usare tanti cosmetici ma serve anche curare l'alimentazione e variarla il più possibile inoltre è fondamentale dare addio all'alcol e alle sigarette. 

Ok, mangiare sano è fondamentale però ci sono alcuni alimenti particolarmente efficaci non solo per abbellire la capigliatura ma anche per farla crescere in fretta e in modo sano:
  • noci, mandorle, castagne
  • avocado
  • germe di grano
  • carota e olio di carota
  • quinoa
  • broccoli e cavoli
  • barbabietola
  • legumi
  • semi di chia, lino, sesamo e soia
  • uva
  • germe di grano, avena e crusca di avena
  • cipolla
  • piselli
  • frutta citrica
  • mais
  • zucca
  • tè al ginseng. 
  • acqua
Segue ►

6 consigli per risparmiare soldi e tempo al supermercato.


1) Preparare un menu settimanale e verificare cosa avete a casa per non comprare cose in più (tranne in caso di offerte molto convenienti su prodotti costosi o di difficile reperibilità)

2) Stabilire un budget massimo e a vole vale la pena fare una carta prepagata per trasferire i soldi necessari per la spesa e portarla solo questa al supermercato.

3) Verificare se anche altri negozi fanno offerte vantaggiose: oggi ci sono tanti siti dove è possibile vedere volantini e offerte.

4) Andarci da soli: si spende di meno e se possibile evitare di portare i bimbi

5) Offerta del giorno: segnalare nell'agenda del cellulare o quella cartacea i giorni in cui un determinato supermercato farà offerte interessanti.

6) Mangiare prima di fare spesa: cuore e stomaco insieme fanno strage e uno finisce per comprare schifezze e cose non necessarie.

Segue ►

02 marzo 2015

Siero riparatore punte all'olio di ricino e babassu


Questo siero riparatore del tutto naturale è preparato con risorse genuine della madre terra provenienti da luoghi molto distanti baciate dal sole e cresciuta su terreno marrone e secco. 


Ingredienti

100 ml di olio di ricino
50 ml di olio di babassu
5 gocce di OE di muschio di quercia o una combinazione fatta da 2 gocce di OE di gelsomino o patchouli+3 gocce di OE di agrumi

Mischiare i due primi ingredienti e quindi l'olio essenziale.

L'olio di babassu ha caratteristiche simili all'olio di cocco cioè a volte tende a solidificarsi, per farlo diventare olio basta riscaldarlo a bagnomaria, leggermente al forno o microonde.

Mettere qualche goccia sul palmo della mano, strofinarle e passare sulle punte.

Se non trovate l'olio di babassu potete usare l'olio di cocco o di jojoba

L'olio di babassu è conosciuto come un "silicone naturale" e non appesantisce il capello, inoltre riesce a penetrare fino al cuore del capello poroso e inaridito ed è uno degli oli più efficaci per ammorbidire e lucidare i capelli.


È ancora un po' difficile da trovare qui ad esempio potete acquistarlo online oppure potete trovare un olio però non puro ma una miscela di olio di babassu e olio di macadamia alla yves rocher.
Segue ►

01 marzo 2015

Maschera antiossidante antiage al vino rosso e miele


Il vino e il miele contengono elementi antiossidanti molto benefici per la pelle.

Per preparare la maschera riscaldate il vino a bagnomaria per 10 minuti per allontanare l'alcol. Dopo il completo raffreddamento aggiungere la stessa quantità di miele e amido di riso o argilla q.b per addensare la miscela. Potete aggiungere 1 cucchiaino di olio di rosa mosqueta o olio di germe di grano.

Applicare sul viso e collo lasciare in posa per 20 minuti e risciacquare.

Potete preparare anche lo scrub inserendo dello zucchero di canna al posto dell'amido/argilla.

Da scegliere i vini come il Merlot, Negramaro, Pinot Nero, Nero d'Avola, Sangiovese, un primitivo ecc.
Segue ►

22 Marzo: Al Castello Quistini il corso "Erbacce buone da mangiare"



Agli appassionati di giardinaggio, fiori, erbe, architettura e bellezza interesserò il corso promosso dal Castello Quistini nel territorio di Franciacorta, una zona collinare tra Brescia e l'estremità meridionale del Lago d'Iseo conosciuta per la sua grande vocazione spumantistica.

Erbacce buone da mangiare, un corso a Castello Quistini 

Domenica 22 Marzo dalle 14,30 alle 17,30 si terrà un corso sul riconoscimento delle piante e erbe spontanee, alcuni loro utilizzi in cucina e i diversi utilizzi fitoterapici.

 In natura esiste ad esempio il "Centocchio", noto anche come "Paerina", erbacea diffusa praticamente ovunque nel nostro paese e definita come erba infestante, può essere utilizzata contro il prurito e l'eczema e viene indicata anche per disturbi come la bronchite.

Un altro esempio di infestante è il "Topinambur", il cui tubero può essere utilizzato nelle insalate o aggiunto ai minestroni e possono essere utilizzate liberamente dai diabetici in quanto non contengono glucosio. Senza trascurare le più conosciute come l' "Ortica", utilizzabile come infuso o decotto, ha grandi proprietà diuretiche e depurative, oltre essere ricca di proteine, vitamine, enzimi, e sali minerali. n cucina si può usare come verdura cotta, in minestre, risotti e cruda nelle insalate miste.

Il corso, teorico e pratico, vi permetterà di conoscere e riconoscere tra i giardini di Castello Quistini le principali varietà di infestanti presenti comunemente in tutti i giardini e prati.

La quota di iscrizione è di 30,00€, per iscriversi

http://www.castelloquistini.com/corsi/2015/corso-di-riconoscimento-delle-erbe-spontanee/



Marilena Pinti, naturopata ed esperta di erbe spontanee, da 24 anni gestisce una azienda agricola a Sarezzo. È specializzata sulle proprietà delle erbe selvatiche, sui lori utilizzi in cucina o nella cura della persona.

Informazioni:

Andrea Mazza
Ufficio stampa Castello Quistini
www.castelloquistini.com www.facebook.com/castelloquistini
+39 3391351913
www.castelloquistini.com
info@castelloquistini.com
Via Sopramura 3/A 25038 Rovato (Bs)
Segue ►

27 febbraio 2015

Consolida maggiore: come utilizzarla per preparare un fertilizzante naturale.





 La Consolida maggiore (Symphytum officinale) è un ottimo fertilizzante naturale ed è una pianta molto apprezzata da chi si occupa di coltivazione biologica.

Questa pianta è ricca in potassio, fosforo, magnesio, vitamine e sali minerali e tutti questi ingredienti forniscono forza e vitalità alle piante.

Per la preparazione del fertilizzante bisogna mettere 1 parte di foglie per 2 parti di acqua, mischiare bene, versare tutto quanto in un barattolo di vetro meglio ancora se di colore arancione o verde e esporre alla luce solare per due giorni.

Filtrare e applicare sulla terra dei vasi o del giardino.

Comunque attenzione: Non dovete bere la miscela e nemmeno fare l'infuso perché contiene alcaloidi non proprio sani per il fegato.

Potete trovare questa pianta nei vivai e alcune erboristerie.
Segue ►

Un aiuto per pagare l'intervento di Valentina: investita e lasciata morire senza soccorso




 Questa cucciola carinissima è stata salvata il giorno di San Valentino in pessime condizioni. I volontari l'hanno postata dal veterinario che ha costatato che la cucciola aveva diverse fratture ad entrambi i femori. Praticamente o qualcuno ha investito il povero animale ed è scappato senza prestare soccorso.

Alla fine la cagnetta  stata operata d'urgenza, dovrà fare alcuni giorni immobilizzata in clinica però sembra di aver capito che tutto questo è stato fatto per il suo bene.

Ora i volontari che hanno a che fare con diversi cani ogni giorno hanno bisogno della nostra solidarietà: L'operazione è costata 500 euro da aggiungerci i costi di degenza, lastre, medicinali ecc.

La cucciola si chiama Valentina, è stata soccorsa dai volontari di "Gli Angeli di Pasquale" a Napoli ed ha bisogno della nostra solidarietà.

Per dare una mano anche con 1 solo euro potete fare una donazione

Per avere i dati e conoscere altri detagli sulla storia di Valentina andate al loro sito:

http://gliangelidipasquale.blogspot.it/2015/02/valentina-le-hanno-fratturato-le-zampe.html

O alla loro pagina facebook che è sempre aggiornata

https://m.facebook.com/?_rdr#!/story.php?story_fbid=10152845263037961&id=302621262960&notif_t=share_reply&ref=m_notif

Segue ►

26 febbraio 2015

Eliminare le borse formate sui vestiti e completi in lana o tessuto


Alcuni capi quando lavati in lavatrice possono riempirsi di borse soprattutto i completi di lana ma in ogni modo potete eliminarle con il vapore caldo. Non dovete premete le borse con il ferro e neppure stirare con panno umido ma dovete avvicinare il vapore sprigionato dal ferro tenendo quest'ultimo ad una distanza di circa 3 cm dal tessuto.

Lasciare riposare per alcuni minuti e stirare delicatamente dall'altro verso il basso seguendo l'andamento dell'ordito.

Io ho un apparecchietto chiamato Tintoria Express della Termozeta che elimina le pieghe grazia a dei getti di vapore. È molto utile per togliere borse e appiattire quelle pieghe più difficili, in realtà servirebbe anche per la stiratura ma sinceramente preferisco usare direttamente il ferro da stiro. Non so se ancora producono questo apparecchio poiché l'ho acquistato ben 8 anni fa, però ci sono tante altre marche disponibili nei negozi.

Ricordiamo che certi indumenti devono essere lavati in tintoria...
Segue ►

24 febbraio 2015

La storia di una signora, un dolce cagnolino e l'orco maledetto. Giustizia per Spike



La località della nostra storia si trova vicino al mare e sarebbe il posto ideale per fare una vacanza rilassante, la signora è una persona per bene, educata e tranquilla e il cagnolino è il dolce animale del paese amato da tutti e anche dai bambini.

E l'orco? Esiste e purtroppo ha scaricato tutta la sua carica di mostruosità e ignoranza su questo povero cane e indirettamente contro la sua padrona. Purtroppo questa storia non ha un lieto fine e giustamente per questo motivo deve essere rispolverata e messa alla luce un'altra volta.

Sette mesi noi e tanti altri hanno parlato di un avvenimento davvero terribile accaduto a Pozzuoli che sta a 20 minuti da Napoli. Un "uomo" ch ha bastonate vive sempre nel paese di Pozzuoli ha ferito il povero Spike per poi versare della benzina sul cane e gli ha dato fuoco. Spike preso dal dolore e dallo spavento ha iniziato a correre e qualche altra buon'anima santa ha investito il cane e non si è fermato per salvarlo.

Spike è morto in questo modo: malmenato e bruciato vivo.

Questo caso ha provocato moltissimo clamore e indignazione e illo tempore hanno organizzato una manifestazione sempre a Pozzuoli ed è ovvio che l'OMONE molto coraggioso si è nascosto.




Comunque sono passati sette mesi e la storia è caduta nell'oblio... l'unica che ancora piange per Spike è la sua padrona che non si rassegna e vuole giustizia per la sua amata creatura. Però per ora è l'unica perché oggi pensa più a Spike e come dice una nota canzone: "Ecco la musica è finita, gli amici se ne vanno e tu mi lasci sola più di prima".... Lei ora sta cercando di contattare persone che possano darle una mano e aspetto proprio che possa ricevere un aiuto per mandare avanti il processo giudiziario contro l'aggressore di Spike.

La cosa più brutta è che l'aguzzino torturatore vive felice e contento come se niente fosse, libero di girare nel suo paesino senza nessun senso di colpa, senza aver fatto manco un giorno di galera e senza pagare nemmeno 1 euro di multa nonostante il reato di violenza contro gli animali esista e non è solo un'opinione.

Praticamente la morale della favola è questa: un orco può prendere il nostro/vostro cane, menarlo, bruciarlo vivo e c'è la possibilità che non venga fatta giustizia. Ovviamente non è una regola assoluta ma può succedere.

Ho avuto l'opportunità di parlare con la padrona del cane, una donna molto semplice e simpatica e devo dire che nonostante siano passati sette mesi per lei è come se fosse accaduto ieri e a lei dispiace molto il fatto che nessuno si sia più interessato ad aiutarla.

Personalmente non so se questa storia avrà un lieto fine anche se Spike non potrà tornare mai più a casa, magari sarà madre natura a fare giustizia da sola visto che nessun essere umano per più spavaldo che sia non è immune dalle disgrazie, malattie, catastrofi e via dicendo....

Comunque ci sono altre brave persone che non hanno dimenticato Spike e una di loro è Joanna Rimmer una cantante jazz che ha organizzato un evento bellissimo per ricordare quello che è accaduto a Spike e ad altri cani maltrattati da qualche bestia ignobile.

L'evento è stato organizzato a Sanremo il 10 febbraio per informazioni qui

Spike ormai è un'anima pura che gira felice e contento da qualche parte e magari ogni tanto ci prova a dare conforto alla sua mamma umana però davanti all'ingiustizia è difficile avere un po' di sollievo.

Un'ultima riflessione: una persona capace di fare fare del male agli animali può fare del male anche agli esseri umani? Ecco cosa dicono alcuni studi:

"Assassini seriali in passato hanno ucciso e/o maltrattato animali e alcuni di loro l'hanno fatto quando erano ancora bambini". Questo è il risultato di uno studio della storia della vita dei criminali più pericolosi  negli Stati Uniti fatto dal FBI negli anni 70. Altri studi sono stati condotti e hanno dimostrato che il maltrattamento contro gli animali non è solo un fatto lamentabile ma è un serio allerta di pericolo per la società.

Le persone che possiedono un'indole cattiva preferiscono molestare per primo gli esseri che non possono parlare e/o difendersi finché il suo istinto perverso si sviluppa fino al punto che metterà in pratica tutto quanto contro gli esseri umani.

Negli Stati Uniti i comportamenti violenti verso gli animali vengono presi seriamente in considerazione e le agenzie americane condividono tra di loro i casi di crudeltà contro gli animali non solo per garantire la giusta punizione per quel reato ma per impedire il susseguirsi di comportamenti violenti

Ad esempio sempre negli Stati Uniti nel 1997 è accaduto un caso simile a quello di Spike e guardate cosa è successo:

Ottobre, 1997 Pearl, MS: Luke Woodham ha scritto nel suo diario personale: "sabato ho commesso il mio primo omicidio, dopo aver brutalmente torturato e bruciato il suo cane Sparkle... (meglio non scrivere altri particolari). Comunque questo ragazzo ha ucciso sua madre e poi è andato alla scuola e ha ucciso due colleghi e ferito altri sette.

 Ci sono diversi altri casi che collegano un comportamento violento verso gli animali e futuri crimini contro le persone.

Secondo la Humane Society of the United States (HSUS) e studi che ha fatto nell'anno 2000 molte persone che maltrattano e torturano gli animali commettono violenza domestica o abusi sui minori.

http://www.humanesociety.org/issues/abuse_neglect/qa/cruelty_violence_connection_faq.html


Questo cane ad esempio è stato amputato dai criminali del Narcos e chissà quanti altro sono stati usati e abusati. Lui si chiama Torta di Limone e per fortuna ha trovato delle persone per bene che l'hanno aiutato a camminare nuovamente



Per concludere credo che le persone devono iniziare a svegliarsi una attimo e cominciare a guardare gli episodi di violenza contro gli animali con altri occhi cioè non solo come un comportamento spregevole ma anche un campanello di allarme per tutta la società civile. Comunque anche l'omertà e il menefreghismo contribuisce alla violenza credo che non si debba mai guardare dall'altra parte quando si sa che un animale è vittima di abusi.

Ci sono diversi libri che trattano dell'argomento crimini verso gli animali e inevitabile violenza contro gli esseri umano, purtroppo molti di loro sono in lingua inglese. Uno molto interessante è questo:

Animal Cruelty: Pathway to Violence Against People di Linda Merz Perez

Anche questa volta ho scelto di non metterci le foto che ritraggono Spike bruciato e malmenato... è meglio ricordarlo come un cane felice, buono e innocente che è sempre stato.






Segue ►

Sfida del Distacco Crescente: Un aiuto per liberarsi delle cose inutili con tabella stampabile.


Quanto siete attaccati alle vostre cose? Per voi buttare quello che non serve è una sofferenza? E soprattutto avete la casa invasa da oggetti inutili che accumulano solo polvere e occupano spazio? Se la risposta è si allora è ora di imparare a distaccarsi.

Per alcune persone il distacco è molto doloroso anche se non parliamo di esseri viventi ma di oggetti. Ovviamente non mi riferisco a oggetti con valore sentimentale come ad esempio le fotografie di una persona o animale cara che non c'è più in questo mondo, magari un oggetto speciale lasciato da un figlio o genitore ecc... ma parlo di oggetti accumulati e senza nessun senso come ad esempio vestiti bucati, fuori moda, fuori taglia, collezioni di piatti mai usati (magari presi con i punti del supermercato), rottami, roba rotta, pezzi di vecchi mobili e via dicendo.

Accumulo vuol dire polvere, sporcizia, spazio sprecato, e a volta (solo nei casi estremi) un carattere troppo fragile e/o troppo materialista. Ad esempio ci sono mamme che conservano i piattini del primo compleanno del figlioletto, peccato che magari il figlioletto avrà 30 anni, è vivo e sta bene e quindi si capisce che questi piattini poverini non vedono l'ora di andare nel paradiso degli oggetti...

Comunque quando una persona arriva a questo punto vuol dire che non è in grado di entrare in una stanza, prendere delle buste della spazzatura e semplicemente selezionare quello che non serve e via nella mondezza perché non concepisce l'oggetto come una cosa ma un collegamento ad una tristezza, persona, gioia, sensazione, paura, soldi e via dicendo (pippe mentali diciamola tutta).

Serve quindi una specie di "terapia del distacco" per contrastare questo comportamento...... e come gli accumulatori non riescono a organizzare il decluttering mentalmente (anche perché mentalmente lo rigettano) allora tocca scrivere per dare inizio al processo e abituarsi all'idea.

Un modo per organizzare il decluttering è partecipare alla sfida del distacco che consiste in buttare tante cose quando il giorno della settimana, ad esempio il giorno 2 butterò due cose, il giorno 10 butterò 10 cose, il giorno 31 butterò 31 cose.

Ovviamente questa sfida è fatta per gli accumulatori veri e propri, io ad esempio non poteri mai farla altrimenti la casa rimarrebbe vuota.

31 cose sembrano tante ma non lo è se pensiamo che gli accumulatori ad esempio possono avere 200 paia di scarpe e se ne buttano 31 avranno ancora tanto da eliminare.

Ho creato una tabella in Excel per facilitarvi la vita.

Per vederla, stampare e/o scaricarla cliccate QUI oppure andate alla pagina Stampabili del blog.

Sedetevi e scrivete (a mano o usando il computer) tutto quello che dovete buttare il prossimo mese.

Un altro metodo efficace per seguire questa sfida è scrivere tutto quanto non solo sui fogli ma anche sull'agenda del telefonino cosi da avere sempre presente davanti a voi quello che dovete fare.
Segue ►

Libri coperti di muffa: asciugatura e trattamento.


A volte i libri dimenticati da qualche parte o appoggiati contra qualche parete più umida possono ammuffirsi al punto di diventare umidi.

Per cercare di recuperarli procedere in questo modo:

Mettete i guanti e se la muffa è molto intensa e/o volante anche la mascherina, mettete i libri in una busta di juta o di plastica trasparente e versate un bel po' di bicarbonato e soda solvay (soda da bucato) o bicarbonato e gesso nella busta. Scuotetela bene in modo che la soda/gesso possa avvolgere bene i libri.

Aspettare 24 ore e togliere i libri, spazzare per togliere l'eccesso di polvere e lasciarli asciugare all'aperto aprendo le pagine ogni tanto.

Le copertine in pelle possono essere pulite con panno inumidito con aceto bianco
Segue ►

Pulire e disinfettare il bagno con vapore e olio essenziale


La scopa a vapore e gli accessori per la pulizia a vapore come la vaporella, vaporetto ecc sono utilissimi per disinfettare in modo ecologico tutta la casa però essendo solo acqua non deodora l'ambiente.

Molte persone hanno timore di mettere oli essenziali direttamente nell'apparecchio ed è una paura giustificata perché nessuno vuole che in caso di un'eventualità di rottura la garanzia possa argomentare che il problema non è meccanico ma solo colpa dell'uso degli oli essenziali.

Per la pulizia del bagno nello specifico potete usare la vaporella e l'olio essenziale senza dover necessariamente inserirlo nell'apparecchio.

Mettere 1 o 2 gocce di olio essenziale nel lavandino (non bisogna esagerare con le quantità), vasca e alcuni punti del pavimento e sparate il vapore. Vedrete che l'olio di scioglierà a contatto con l'acqua bollente emanando un intenso profumo. In questo modo il bagno sarà disinfettato e intensamente profumato di fresco.

Potete aggiungere qualche spruzzata di aceto bianco in alcuni angoli e passare il vapore.

Ognuno usa il vapore in modo diverso, alcuni lo usano come unico "accessorio di pulizia" e altri come un complemento alle pulizie. In realtà a volte dare una sgrassata con detersivo fai da te o detersivo classico prima di procedere con il vapore può essere necessario per una pulizia più accurata. Però caso mai usate il vapore sapiate che questo da solo disinfetta perfettamente le superfici e quindi non bisogna usare varechina, detersivi disinfettanti ecc e peggio ancora usare detersivi aggressivo e quindi andarci sopra con il vapore respirando i vapori tossici che inevitabilmente si formano.

Una volta tolta la patina di sporco (grasso, zuccheri ecc) con un detersivo normalissimo o sapone di marsiglia e/o spugna e bicarbonato o aceto o anche acido citrico o soda solvay basta procedere con il vapore.

E per il calcare? Spruzzare o cospargere oppure strofinate la superficie con detersivo fai da te all'aceto o limone o acido citrico, oppure bicarbonato o soda solvay aspettare alcuni secondi e quindi pulire con il vapore. Potete strofinare i rubinetti con gli ingredienti/detersivi anticalcare fai da te, e lasciare in posa mentre finite di pulire il resto del bagno e per ultimo lavare i rubinetto con il vapore.

Per quanto riguarda la scelta dell'olio essenziale ognuno deve acquistare la profumazione che più piace. A me personalmente piacciono gli odori freschi e/o citrici come cedro, bergamotto, pino, eucalipto, arancio, limone, cipresso, muschio bianco, muschio di quercia, lavanda, canfora, gelsomino e agrumi. Per chi ama i profumi più intensi ed esotici può scegliere gli oli di cannella, patchouli, sandalo ecc.

Si può trovare un equilibrio mischiando note più "boschive" come il cedro con una nota floreale come il sandalo ad esempio.
Segue ►

23 febbraio 2015

Dankjewel Elisabeth: la civiltà vince sempre.


Una brava cittadina olandese di nome Elisabeth Jane Bertrand sta promuovendo un'iniziativa per raccogliere soldi per il restauro della Barcaccia, monumento danneggiato dai Hooligans giorni fa.

Lei come tanti altri cittadini olandesi sono rimasti colpiti da quello che tifosi di una squadra olandese hanno fatto a Roma ed è nata l'iniziativa "Scusa Roma Actie" per raccogliere soldi. Le sue parole:

Con questa mia iniziativa intendo esprimere alla popolazione di Roma la vergogna provata dagli olandesi per questi comportamenti. E soprattutto voglio donare un contributo all’Amministrazione comunale perché, alla luce di quanto accaduto in quella terribile giornata, possa tornare nella Città Eterna a testa alta“. 

"Sostenete la campagna ‘Scusa Roma’ per dimostrare che il 99,9% degli olandesi si sono mobilitati offrendo le loro scuse alla città e a chi è rimasto ferito, aiutando a pagare per la pulizia ed il restauro”.

Io personalmente non credo sia giusto dare la colpa al governo olandese e soprattutto agli olandesi perché secondo me i responsabili sono i trogloditi che dovrebbero essere in galera qui a Roma e dovrebbero fare pulire la città oltre a pagare una bella multa. 

Secondo me lo sbaglio più grande è stato quello dell'amministrazione locale che a prescindere non ha rinforzato la sicurezza prima del loro arrivo a Roma perché si sa che questo tipo di tifoseria organizzata è violenta e barbara e lo so anche io di calcio non ne capisco una cippa.

Dankjewel Elisabeth, anche se la raccolta non andrà a buon fine secondo me è già valida l'intenzione!!!

Segue ►

Proprietà nutrizionali della rapa bianca (Daikon)




La rapa bianca lunga è molto usata in Giappone (li la chiamano Daikon) e non solo la radice (la parte bianca) ma anche le foglie.

In Italia ancora non è facile trovarla ma nei supermercati più forniti a volte ci sono.

È un ortaggio che contiene poche calorie, facilita la digestione e aiuta a bloccare l'accumulo dei grassi.

Contiene lisina un amminoacido importante per tanti processi metabolici e per la bellezza delle pelle e capelli, inoltre aiuta a combattere il raffreddore.

Può essere consumato a crudo nell'insalata o con altri ortaggi, anche da solo con un po' di salsa di soia ad esempio. Anche cotto con altri alimenti.

Ha proprietà anticancerose, ricco in vitamine A e C, le foglie sono utili nella prevenzione dell'osteoporosi e anemia.

Altre proprietà:

  1. Ricco in calcio, ferro, potassio, zinco e rame
  2. Diuretico e le fibre aiutano a combattere il colesterolo
  3. Regola il funzionamento dell'intestino
  4. Rinforza il sistema immunitario e il funzionamento del sistema nervoso
  5. Contiene eterosidi sostanze capaci di contrastare la comparsa del cancro
Restrizione:

Chi soffre di disturbi della tiroide.

Testo con scopo informativo e i consigli non sostituiscono le prescrizioni mediche
Segue ►

21 febbraio 2015

Lavare il WC con sapone di marsiglia



Il primo detersivo fai da te utilissimo per lavare diverse superfici e anche i panni è la pasta al sapone di marsiglia ricetta qui. Un cucchiaio nel WC e strofinare con lo scopino.

Il secondo detersivo non è proprio un preparato ma un insieme di ingredienti messi uno alla volta: per primo strofinare una spugna bagnata nel sapone di marsiglia per creare una bella pattina di sapone, quindi bagnare la spugna e strizzare finché non resti sapone nella spugna.

Aggiungere un cucchiaio di bicarbonato o 1 cucchiaino di bicarbonato e 1 cucchiaino di soda da bucato (soda solvay). Potete aggiungere anche 1 cucchiaio di acqua ossigenata 40 volumi, o percarbonato sciolto in acqua molto calda oppure candeggina delicata. Strofinare bene con scopino.
Segue ►

19 febbraio 2015

Uccidere un figlio per salvarlo... quando la disperazione è estrema!!


Ricordate il caso della Orsa Daniza la mamma orsa uccisa perché ha difeso i suoi figli da uno? In Cina è accaduta una storia ancora più tremenda e triste che ha coinvolto sempre una mamma orsa e ve la racconto:

Abbiamo già parlato delle fattorie della bile in Cina e Vietnam e che nonostante le proteste i loro governi non intendono proibirle. In queste fattorie gli orsi vengono chiusi in gabbie piccolissime con un catetere infilato nella carne. Questi orsi soffrono cosi tanto che a volte si auto mutilano cercando di scappare dall'inferno. Per i loro aguzzini/terroristi gli orsi della luna sono solo un serbatoio di bile e la produzione aumenta se l'animale soffre e solo la morte li libera dalle gabbie. Questi animali tormentati da dolori atroci provocati dalle ferite e dai tumori che provano in tutti i modi di togliere il catetere e aprire la gabbia ma vengono pungolati con ferri incandescenti e spesso vengono rimossi unghie e denti.

Magari una mamma può subire una sofferenza atroce ma quale madre può sopportare simile atrocità se viene fatta contro sui figlio? Un operaio di una di queste fattorie ha raccontano in anonimato che il cucciolo piangeva mentre veniva inserito il catetere e la mamma era rinchiusa in una gabbia, la sofferenza del figlio era talmente straziante che lei è riuscita a scappare dalla prigione e ha compiuto un gesto estremo: non riuscendo a liberarlo dalla catena che lo tratteneva lei ha abbracciato il suo figlio fino a soffocarlo e ucciderlo poi si è tolta la vita scagliandosi a testa bassa contro un muro.

Un gesto di amore misto a disperazione due sentimenti che di solito noi umani nel nostro egoismo attribuiamo solo agli esseri umani che nel nostro narcisismo crediamo pure che ci assomigliamo a qualche Dio!!! Magari ci assomigliamo a qualcos'altro!!

Io sinceramente ho pianto dopo aver letto e mi vieni da piangere anche ora che ve la racconto perché mi immedesimo nei panni di questo povero animale, di tanti che devono subire queste situazioni di merda create dall'uomo, piango perché mi vergogno di appartenere ad una specie cosi vigliacca e violenta che sottomette sia gli animali che altri esseri umani spesso bambini a condizioni di vita cosi pessime!! Mi vergogno di appartenere alla stessa specie di soggetti ben nutriti che con tanto di pancia piena sparano sentenze contro i poveri animali o contro le persone che non hanno un cavolo di niente della vita!!! 

Questa povera mamma non ha un nome come Daniza ma è un altro esempio che una madre è una madre e non importa se è un orso, una donna, un cane...... per me il prossimo non è solo un essere umano ma anche un animale perché sinceramente non mi sento superiore a loro poiché la specie umana è solo una delle tante specie che vivono in questo pianeta e se scomparisse il mondo e gli altri animali andrebbero avanti lo stesso perché non siamo cosi insostituibili come pensano in tanti.

Alcuni chiedono: ma ti piacciono tanti i cani, gatti ecc ma gli animali di allevamento? Apposta non li mangio perché sono contraria agli allevamenti intensivi dove gli animali vengono buttati, rinchiusi, sfruttati, riempiti di antibiotici e uccisi. La mia scelta è quella di non mangiare cane e sono viva e in buona salute. Alcuni miei famigliari mangiano la carne e quindi come non posso costringere nessuno a rinunciare alla carne visto che trattasi di un percorso personale la soluzione è quella di acquistare carne biologica di animali che hanno almeno la possibilità di pascolare e camminare mentre sono in vita, lo stesso discorso per latte e uova.

Molti dicono che non vale la pena perché qualcuno ha scoperto che il bio non è bio... signori miei io faccio la mia parte, poi se qualcuno non è onesto o imbroglia purtroppo non posso farci niente però questa non è una scusa per incrociare le braccia e non fare la cosa giusta


Mamma Orsa, tu sei un Orso della Luna.... magari ora tu e tuo piccolo figlio siete nel paradiso degli animali dove una bella luna crescente vi sorride.... che le forze della natura possano darvi conforto e aspetto che in questo momento mamma e cucciolo siano insieme e liberi di vivere.....

Per aiutare questi animali aiutate la Fondazione Animals Asia



Segue ►

17 febbraio 2015

Una tisana un piccolo rimedio contro semplici malesseri.


Stimolare l'appetito: rosmarino, camomilla, melissa, salvia, maggiorana, basilico

Calmante e sedativo: frutto della passione, valeriana, menta, foglie di arancia, melissa, malva, angelica

Problemi stomacali e intestinali: finocchio, menta, camomilla, menta poleggio, salvia

Digestivi: menta, radice di genziana (non bere in caso di gastrite e ulcera), anice stellato, finocchio

Cicatrizzante: eucalipto, frutto della passione, aloe vera, cardo santo

Antiinfiammatori: limone, menta, rosmarino, ortica

Antisettico: arnica, bardana, limone, malva

Contro le diarree: bucce e polpa di mela, melograno

Contro le stitichezza: prugna, corteccia sacra, ginepro, menta, finocchio

Anche se alcuni di questi ingredienti possano essere un po' "alieni" nel senso che difficilmente si trovano negli scaffali dei supermercati potete trovarli nelle erboristerie e supermercati bio sia come tisana pronta per l'uso che come singolo ingrediente.

Per preparare le tisana avete bisogno di acqua bollente, erbe, bucce o radici.

Per fare l'infuso con le foglie il processo è più veloce, basta metterle in acqua bollente, chiudere il pentolino e aspettare circa 15 minuti.

Per le bucce è meglio farle bollire insieme all'acqua e lasciare in riposo per 30 minuti con pentolino chiuso riscaldando se necessario

La frutta come ad esempio il frutto della passione o il melograno: mettere succo e semi in acqua bollente e lasciare in ammollo per 30 minuti. Filtrare e bere

Questi infusi non sostituiscono i farmaci e le prescrizioni mediche
Segue ►

16 febbraio 2015

Le proprietà del burro di mango per la bellezza della pelle e trattamenti fai da te.


 Il mango è uno dei frutti più importanti e più largamente coltivato in India e altri paesi tropicali. Il burro di mango derivato prevalentemente dai semi di mango è un grasso leggero e di facile assorbimento.

È un cicatrizzante naturale e combatte la secchezza della pelle e labbra., ha basso punto di fusione (33-38 gradi) ed è composto soprattutto da gliceridi degli acidi oleico e stearico:

Acido Stearico: 40-44%
Acido Palmitico:4,5-7%
Acido Linoleico: 3-6%
Acido Arachidico: 1,5-3,5%

 Alcune proprietà:

  • Leggermente grasso con facile assorbimento
  • Protettore naturale contro gli UV
  • Emolliente, umettante e rigenerativo
  •  Restaura la flessibilità della pelle
  • Riduce la degenerazione delle cellule
  • Combatte l'inaridimento di alcune zone sensibili come gomito, ginocchio, talloni 
  • Antirughe e antismagliature. Usando continuamente il burro di mango sulla pelle o almeno sulle zone sensibili alla formazione di rughe si evita sia la loro formazione che quelle già esistenti.
 Come usare:

Potete spalmare il burro prima di andare a letto cosi vi svegliate con la pelle liscia e vellutata (uso continuo),  oppure spalmando un velo durante il giorno.

Potete fare un bel massaggio sul viso o corporale con il burro di karitè o con una miscela di burri e oli per idratare e ringiovanire la pelle del viso e corpo.

Potete usare il burro per fare un trattamento intensivo per le mani e piedi. Applicare a freddo o intiepidito a bagnomaria, applicare in abbondanza sulle mani e piedi, indossare guanti e calzini e andarci a letto, oppure lasciare in posa per almeno 30 minuti.

Trattamento completo per corpo e viso:

Fare un scrub viso e corpo con succo di limone e zucchero bianco o zucchero di canna e risciacquare bene (ogni volta che usate il succo di limone su viso e corpo risciacquatelo bene poiché a contatto con la luce solare produce macchie scure).

Applicare il burro di mango puro oppure una miscela idratante e rigenerante di burri e oli:

1 cucchiaio di burro di mango
1 cucchiaio di burro di karitè
1 cucchiaio di burro di cacao (opzionale)
1 cucchiaino di olio di germe di grano o rosa mosqueta
1 cucchiaino di olio di semi di vinaccioli
1 cucchiaino di olio di lino
1 cucchiaino di olio di mandorle

Sciogliere i burri a bagnomaria e aggiungere gli oli, lasciare intiepidire e spalmarli sulla pelle e fare un intenso massaggio.

Potete scegliere di lasciare la miscela sul corpo oppure di togliere l'eccesso con un asciugamano asciutto.

Dove acquistare:

Erboristeria, parafarmacia, alcune farmacie e siti online come ad esempio http://www.zenstore.it/

Segue ►

13 febbraio 2015

12 consigli per combattere la flaccidità nella zona sotto il mento.



 La zona sopraioidea del collo è quella zona sotto la mandibola che sta tra il mento e il collo chiamata anche sgorlera. Quella zona li o per colpa del passare degli anni o dell'obesità può diventare gonfia e anche cadente. Però ci sono alcune soluzioni e rimedi accessibili a tutti che possono bloccare questo processo abbastanza fastidioso. Però attenzione: se il gonfiore è improvviso o molto accentuato vale la pena consultare il medico per vedere se non ci sono disordini ormonali.


 1) Bere tanto!! L'acqua è fondamentale poiché mantiene equilibrata non solo l'idratazione del nostro organismo ma anche il turgore della pelle. Si perché anche se usiamo certe crema ad esempio all'acido ialuronico se il nostro corpo non è idratato questa sostanza non è tanto utile. L'acido ialuronico è una specie di "spugna molecolare" che intrappola l'acqua e da resistenza meccanica e turgore alla pelle ma se non c'è acqua in giro questo meccanismo non funziona. Quindi via all'acqua.


2) Proteggere anche il collo contro i raggi UV: la pelle del collo è molto fragile e molte persone spalmano la crema solare solo sul viso e non va bene. Dovete passare la crema sul viso e sul collo. Esistono creme e protettori solari bio nelle erboristerie che proteggono e idratano la pelle allo stesso tempo.

3) Avere una dieta ricca in antiossidanti, betacarotene e vitamina A, C ed E è essenziale per mantenere la salute della pelle, evitare la flaccidità e combattere i radicali liberi. Esistono molti alimenti antiossidanti che non possono mancare nella dieta: barbabietola, mela, carote, arance, papaya, mango, germe di grano, crusca di avena e tanti altri. Anche i succhi fatti con questi alimenti fanno molto per la salute della pelle e non solo. Ricordiamo che la bellezza è solo un riflesso di quello che mangiamo e se non curiamo la nostra alimentazione non si può di certo aspettare che le crema facciano miracoli.

4) Massaggio con oli e burri: gli oli più indicati per fare un bel massaggio sulla zona sotto il mento, collo e zone sensibili del viso (soggette a rughe) sono: olio di rosa mosqueta, olio di semi di vinacciolo, olio di sesamo, olio di avocado, olio di germe di grano e burro di karitè. Possono essere miscelati tra loro e quindi usati di preferenza intiepiditi a bagnomaria. Mettere un po' sul palmo della mano e fare movimenti di avanti indietro dal colo perso la zona sotto il mento, quindi dal basso verso l'alto.

5) Fare maschere di argilla: l'argilla mentre si asciuga tira e movimenta la pelle e questi movimenti aiutano a rafforzarla. Inoltre i sali minerali contenuti nell'argilla fanno bene alla pelle.

6) Melone: questa frutta non solo combatte il grasso ma anche la formazione delle "borse di grasso" in diverse zone del corpo incluso la zona sotto il mento. Anche il succo va bene

7) Vitamina E: importantissima per mantenere la pelle giovane e sana e uno degli alimenti più ricchi in vitamina E è il germe di grano. Purtroppo non è facilissimo trovarlo però se andate nei supermercati biologici, ecosolidali, supermercati forniti, e alcune erboristerie certamente lo troverete. Io di solito lo compro nel supermercato NaturaSi e lo metto un po' ovunque: nello yogurt, zuppe, insalate e via dicendo.

Altri alimenti che contengono vitamina E sono: riso integrale, olio di germe di grano, legumi, noce, mele e insalata.

8) Crusca di avena: contiene magnesio che facilita l'assorbimento delle vitamine E, C, B e D.

9) Vitamina C: necessaria per stomolare la produzione di collagene e elastina fondamentali per a tenuta "meccanica" della pelle.

10) Semi di lino e semi di chia soprattutto per le donne in menopausa.

11) Esercizio: non solo i muscoli della braccia e gamba hanno bisogno esercizio fisica ma anche quelli della faccia. Ci sono due esercizi molto efficaci per rafforzare la zona che si trova sotto il mento

a) Appoggiare fortemente la lingua contro il palato e massaggiare la zona del sottomento con movimenti circolari.

b) Fare un sorriso con la bocca chiusa stirando bene la bocca e quindi tirando bene tutta la zona inferiore fino al collo.

c) Mettere una pallina sotto il mento appoggiandola contro il corpo. Contare fino a 20, rilassare e ripetere l'esercizio per 10 volte.

12) Non fumare: il fumo è micidiale perché ossida il corpo, accelera il processo di invecchiamento, ingrigisce la pelle e provoca davvero molti danni non solo alla pelle ma a tutte le cellule del corpo. Se volete la gioventù eterna allora buttate immediatamente le sigarette nella mondezza e lasciatele li




Segue ►

12 febbraio 2015

Bagnoschiuma Marsiglia I Provenzali

Marsiglia, marsiglia everywhere!!

Ho trovato questo bagnoschiuma in stile un po' vintage e l'ho acquistato. Nonostante il nome in realtà ha anche melissa e verbena. Ha un odore molto fresco e pulito ed è diverso al tradizionale odore di sapone di marsiglia (non odora di bucato).

Non ha parabeni, PEG, SLS, tensoattivi petrolchimici e gli ingredienti in generale sono abbastanza tollerabile per quanto riguarda l'ambiente.

È leggermente denso ed ha un PH di 5.5 quindi compatibile con la pelle, non la secca e giustamente avendo un PH un po' acido fa bene anche ai capelli (io lo uso come shampoo doccia e mi piace molto però ricordo che ogni capello è diverso dall'altro e se volete provare ad usare questo prodotto sui capelli fatte un test su una singola ciocca).

È un prodotto che ricomprerò perché mi piace l'odore, la sensazione sulla pelle e la consistenza.


Se volete avere più informazioni sugli ingredienti basta sollevare il retro per avere una descrizione dettagliata.

Ho pagato 2 euro per 400 ml all'acqua e sapone.



Segue ►